• Italiano
  • Sonetto di Ugo Foscolo "Alla Musa" e "E tu ne' carmi avrai perenne vita" figure retoriche

    closed post best answer
berti_rita
berti_rita - Erectus - 91 Punti
Salva

Non riesco a trovare le figure retoriche del sonetto "Alla Musa" e del sonetto "E tu ne' carmi avrai perenne vita" entrambi di Ugo Foscolo, mi potreste aiutare?

irenelucca2000
irenelucca2000 - Ominide - 31 Punti
Salva
Ugo Foscolo compose tra il 1802 e il 1803 quattro sonetti, in aggiunta ai precedenti, considerati i suoi migliori e forse i più belli della letteratura italiana. Tra questi vi è “Alla Musa”, in cui lo scrittore, che sempre e soltanto dalla poesia ha tratto conforto alle sue pene, avverte che la Musa lo abbandona, poiché sente che le poche rime faticosamente costruite non valgono a lenirgli il male che prova il suo cuore, deluso per l’amore contrastato e per la patria tradita.
Anche in questo sonetto appaiono evidenti gli elementi neoclassici e preromantici che caratterizzano le opere foscoliane.
Il neoclassicismo è un movimento letterario ispirato alla classicità, in particolar modo nella compostezza formale, nell’armonia, nell’equilibrio e nella sobrietà dell’arte classica attraverso la sublimazione delle passioni. Nel brano si può ritrovare questa nostalgica evocazione del mondo classico nell’amara considerazione che l’autore fa
della sua situazione attuale, nell’invocazione alla musa, nel ricordare “la stagion prima” della sua vita, quando la Musa ancora lo ispirava. A sottolineare questo aspetto vi è inoltre un forte enjambement ( vv 4-5).
Inoltre, per Foscolo, la poesia è il vertice dell’attività umana, in grado di vincere la sofferenza: in questo caso, però, lui risulta triste e nostalgico, poiché non reputa soddisfacenti i risultati del suo lavoro.
Il preromanticismo, invece, si pone come interprete della crisi del razionalismo e dell’ottimismo illuministico. Nel sonetto si possono facilmente ritrovare le caratteristiche generali di questa corrente, a partire dallo stato d’animo dell’autore, che appare triste, malinconico e frustrato in tutto il componimento; la presentazione di paesaggi desolati, come il fiume Lete (verso 6); l’esaltazione della poesia, presente in tutto il testo come motivo principale per il suo dolore; il senso di timore verso il futuro, che per noi è ignoto e talvolta pauroso ( verso 11).
Il sonetto risulta, quindi, come un lamento, una preghiera disperata rivolta alla Musa che lo lascia “alle pensose membrane, e del futuro al timor cieco” (ai pensosi ricordi e ad un cieco timore del futuro).
Proprio quest’ultima frase riflette al meglio il tema centrale della poesia: il dolore e l’incognita del futuro, che affliggono e spaventano l’autore. Di rilevante importanza è l’utilizzo dell’interlocutore diretto, in quanto il sonetto non appare soltanto come componimento poetico, ma anche come una vera e propria preghiera alla Musa, alla quale si rivolge direttamente nelle due quartine e nella prima terzina. L’autore, in tal modo, cerca di coinvolgere maggiormente il lettore nella sua sofferenza.
Il sonetto è composto da due quartine, l’una incrociata (ABBA), l’altra alternata (ABAB), e da due terzine (CDE). I primi sei versi comprendono il primo periodo, che, data la sua lunghezza, sembra avere la funzione di introdurre il lettore nel dolore di Foscolo. Nei versi successivi, invece, i periodi sono decisamente più corti e, per ben due volte, punti esclamativi sottolineano maggiormente le invocazioni.
Il ritmo presente è veloce, fatta eccezione per l’ultima terzina, che racchiude la riflessione dell’autore sulla propria sofferenza.
Nel primo periodo suoni e termini sono caratteristici del Dolce Stil Novo, mentre in seguito diventano progressivamente più aspri, in particolar modo con l’utilizzo di “r” spesso accompagnate da consonanti quali “t”, “m”, “c”.

Approfondimento
Si possono facilmente riconoscere varie analogie tra questo e gli altri sonetti di Foscolo. L’uso dell’interlocutore diretto è comune anche a “A Zacinto”, “In morte al fratello Giovanni”, “Alla sera”: infatti si rivolge rispettivamente al luogo di nascita, al fratello deceduto e alla sera. Comune è anche la ripresa di elementi classici: la Musa, i Numi, Venere e Ulisse.
ho trovato solo alla musa scusa se non sono riuscita a trovarti pure l'altro prova a cercare un po' su altri siti <3
maryanp86
maryanp86 - Genius - 2551 Punti
Salva
su "Alla Musa":
http://www.appuntiperscuola.it/italiano/alla-musa-parafrasi-analisi-e-commento/

su " E tu ne' carmi avrai..."
sinestesia: «mentr’io sentia dai crin d’oro commosse / spirar d’ambrosia l’aure innamorate» ( vv. 13-14)
Ai versi 3-4 (Partendo la città che del latino/Nome accogliea finor l'ombra fuggita) e 10-11 sono presenti le enjambement.
Ai versi 13-14 è presente un allegoria.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di luglio
Vincitori di luglio

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

nemo0772

nemo0772 Blogger 90 Punti

VIP
Registrati via email