• Italiano
  • SEI PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE-DOMANDA PER COMPRENSIONE PERSONALE

daddo--093
daddo--093 - Genius - 2711 Punti
Rispondi Cita Salva
PRATICAMENTE IO NON HO CAPITO UNA COSA..HO FINITO DA POCHI MINUTI DI LEGGERLO..HO CAPITO CHE LA BAMBINA è AFFOGATA E IL RAGAZZO DI 14 ANNI SI è SPARATO,PERO PERCHE SE DICONO CHE è SUCCESSO DAVVERO SONO PRESENTI SUL PALCOSCENICO..Cè..ODDIO NN HO CAPITO PROPRIO..AIUTATEMI..
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Rispondi Cita Salva
vedi se qui trovi qualcosa...
http://www.skuola.net/libri/pirandello-cerca-dautore.html
daddo--093
daddo--093 - Genius - 2711 Punti
Rispondi Cita Salva
MHHH..GRAZIE UNA COSA L HO CAPITA..CIOè..CHE è UNA CONTRADDIZIONE..PERO SE QUALCUNO MAGARI CHE L HA LETTO PUO SPIEGARMI QUALCOSA IN PIU..GRAZIE :)
GIORGIA86
GIORGIA86 - Mito - 2715 Punti
Rispondi Cita Salva
d" rel="nofollow" target="_blank" rel="nofollow" target="_blank" target="_blank" >http://it.wikipedia.org/wiki/Sei_personaggi_in_cerca_d'autore

la cosa migliore è che tu legga questo...

Questa risposta è stata cambiata da mitraglietta (11-01-10 13:15, 6 anni 10 mesi 29 giorni )
mitraglietta - Mito - 62599 Punti
Rispondi Cita Salva
Scusami giorgia volevo modificare il tuo post perchè il link non era cliccabile, ma ho fatto su un bel casino.....

scusa :thx chiedo venia mademoiselle....

------------------------------------------------------------

Sei personaggi in cerca d'autore
Sei personaggi in cerca d'autore è il dramma più famoso di Luigi Pirandello. Esso fu rappresentato per la prima volta il 9 maggio 1921 al Teatro Valle di Roma, ma in quell'occasione ebbe un esito tempestoso, perché molti spettatori contestarono la rappresentazione al grido di "Manicomio! Manicomio!". Fu importante, per il successivo successo di questo dramma, la terza edizione, del 1925, in cui l'autore aggiunse una prefazione nella quale chiariva la genesi, gli intenti e le tematiche fondamentali del dramma.
È considerata la prima opera della trilogia del teatro nel teatro, comprendente Questa sera si recita a soggetto e Ciascuno a suo modo.
All'entrata nel teatro, gli spettatori trovano il palcoscenico non coperto dal sipario, al buio e vuoto, quasi in via di allestimento. La rappresentazione inizia con l'entrata del direttore-capocomico, seguito dagli attori, che entrano alla spicciolata. Era in programma, infatti, la prova de Il giuoco delle parti, altro dramma di Luigi Pirandello. Dopo l'inizio della prova, entrano in scena dal nulla sei personaggi (il padre, la madre, la figliastra diciottenne, la bambina, il giovinetto e il figlio) che, per bocca del padre, chiedono che venga rappresentata sulla scena la loro storia, il loro dramma. Egli spiega al capocomico come, dopo essere stati creati da un autore, siano stati rifiutati ed abbandonati da questo nonostante i numerosi tentativi di convincerlo a terminare il dramma. Essi, quindi, sono in cerca di un autore che possa rappresentare sulla scena il loro dramma. Tra lo sbigottimento generale degli attori, in un susseguirsi continuo di interruzioni e riprese caotiche, inizia il racconto del dramma familiare.

Dalle nozze tra il padre e la madre era nato il figlio, quasi subito affidato ad una balia di campagna. Il padre, però, aveva notato una silenziosa intesa tra la moglie ed il suo segretario. Dopo essersi convinto di questa situazione, aveva incoraggiato la nuova unione, da cui nacquero la figliastra, il giovinetto e la bambina. Il padre era interessato particolarmente alla nascita di questa famigliola, seguendo con amore la crescita dei tre figli della coppia. Finché si trasferirono in un nuovo paese e perse le loro tracce. Alla morte del compagno, la madre era tornata al paese di origine e, per provvedere al sostentamento dei tre figli, faceva lavori di cucito per madama Pace, che copriva una casa d'appuntamenti. Madama Pace si approfitta della figliastra, a cui era affidato il compito di consegnare i lavori completati, e la costringe a concedersi ai clienti con la minaccia di non pagare il lavoro della madre. Un giorno il padre capita nell'atelier di madama Pace e non riconosce la figliastra nella ragazza che ha di fronte. Quando sta per compiersi l'incesto, nella camera irrompe la madre con un grido. Dopo questo avvenimento, la famiglia si ricompone nella casa del padre, in un'atmosfera di forte tensione, perché il figlio vede negli altri solo degli intrusi.

La rappresentazione
Dopo aver raccontato la loro vicenda, i sei personaggi convincono il capocomico a rappresentarla, rifiutando però l'assegnazione delle parti ai vari attori: essi vogliono rappresentare di persona il loro dramma. Subito viene sollevato un problema dal capocomico: l'assenza di madama Pace, fondamentale per la scena nell'atelier. Il padre offre subito una soluzione: ricreare l'atelier in modo che madama Pace sia attratta sulla scena. Infatti appare subito dopo la madama, con grande spavento da parte di tutti gli attori, che scappano urlando. Iniziano subito la scena in cui, con una parlata mezzo italiana e mezzo spagnola, la madama annuncia alla figliastra l'arrivo di un cliente (il padre), fino all'arrivo del padre. Il capocomico, convinto dell'effetto della scena, fa subito provare agli attori. A causa dell'eccessiva artificiosità della rappresentazione, però, la figliastra scoppia in fragorose risate, convincendo il capocomico a permettere che i personaggi stessi rappresentino se stessi sulla scena. La rappresentazione continua fino all'arrivo della madre e all'arrivo di questa nella casa del padre con i tre figli. Nell'ultima scena, per cui è allestito un giardino, la madre scopre la bambina affogata nella vasca e, presa da orrore, scorge dietro un albero la figura del giovinetto che, con occhi da pazzo, vede la sorella morta con una rivoltella nascosta nella tasca. All'improvviso parte un colpo di rivoltella e il grido di disperazione della madre. Allo sconcerto degli attori, che non sanno se il ragazzo sia morto o meno, il padre grida la verità di quegli avvenimenti.

La conclusione
Il capocomico, indispettito dagli ultimi avvenimenti e per la giornata di prove perduta, ordina all'elettricista di spegnere tutto e licenzia tutti. Ma dietro il fondo, in cui erano i personaggi per soccorrere il giovinetto e la bambina, si accende come per errore una luce verde che proietta le loro ombre sul capocomico, il quale scappa terrorizzato. Spento il riflettore escono dal fondo il padre, la madre e il figlio, che si fermano in mezzo alla scena. Ultima ad uscire è la figliastra che, ripetendo la sua perdizione, corre verso le scalette e con una stridula risata rivolta agli altri scompare dalla scena.

Temi nell'opera
* tentativo di svelare il meccanismo e la magia della creazione artistica e il passaggio dalla persona al personaggio, dall'avere forma all'essere forma.
* eliminazione dello spazio artistico, disintegrazione dello spazio teatrale.
* creazione di scene traumatiche (volontà di vivere una vita autentica da parte dei Sei personaggi, in cui però si ripete l'angoscia delle colpe).
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Max

Max Geek 689 Punti

VIP
Registrati via email