robby_90
robby_90 - Habilis - 240 Punti
Rispondi Cita Salva
il bello e il sublime nel rapporto uomo natura tra fine 700 e inizi 800 kn qualche riferimento a kant.

la libertà nel purgatorio riferendosi anche al canto di marco lombardo
angulusridet
angulusridet - Sapiens Sapiens - 1172 Punti
Rispondi Cita Salva
www.7muse.com/Arte_700_800.htm - 116k

http://xoomer.alice.it/brdeb/Dante/canti/sedicip.htm

http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080429085721AANyMbR
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Kant parla del bello e del sublinme nella Cristica della Ragion Giudizio ti cito la parte in cui confronta il bello con il sublime, anticipando il romanticismo:
"Il bello della natura si riferisce alla forma dell'oggetto, la quale consiste nella limitazione. Il sublime invece può riferirsi anche ad un oggetto informe, in quanto in esso, o per suo motivo, sia rappresentata un'illimitatezza a cui si aggiunga il pensiero della sua totalità. L'oggetto stesso può essere rappresentato come sublime in duplice modo: sublime matematico e sublime dinamico. Noi diciamo sublime matematico ciò che è assolutamente grande, ciò che è grande al di là di ogni comparazione. Se poi la Natura deve essere giudicata da noi dinamicamente sublime, deve essere rappresentata come tale da provocare timore. Il piacere del sublime è diverso da quello del bello; questo infatti produce direttamente un sentimento di esaltazione della vita; quello invece è un piacere che ha solo un'origine indiretta, giacché esso sorge dal sentimento di un momentaneo arresto delle energie vitali, seguito da una più intensa loro esaltazione. Possiamo aggiungere alle formule precedenti della definizione del sublime anche questa: Sublime è ciò di cui la sola possibilità di esser pensato dimostra la presenza di una facoltà dell'animo nostro che trascende ogni misura sensibile. Il sentimento del sublime nella Natura è dunque rispetto per la nostra propria destinazione, che ci rende per così dire intuibile la superiorità della determinazione razionale delle nostre facoltà conoscitive anche sul massimo potere della sensibilità. La sublimità dunque non sta in nessuna cosa della Natura, ma solo nell'animo nostro, in quanto noi possiamo riconoscerci superiori alla Natura". (tratto dalla Critica della Ragion Giudizio, Kant, Cit. filosofico.net)
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
ciampax

ciampax Tutor 29109 Punti

VIP
Registrati via email