fax.98
fax.98 - Ominide - 26 Punti
Salva
scusate devo fare una ricerca su manzoni, mi potreste dire un sito che racconta in breve la sua vita(senza fare ricerche esagerate come su wikipedia)? grazie
tiscali
tiscali - Tutor - 22584 Punti
Salva
Clicca sulla scritta celeste Manzoni e troverai diversi appunti del nostro sito, eccone uno:

http://www.skuola.net/manzoni/manzoni-vita-opere/vita-di-alessandro-manzoni.html
Jessica93
Jessica93 - Genius - 3813 Punti
Salva
Alessandro Manzoni

La vita e le opere


L'educazione in collegio. Alessandro Manzoni nasce a Milano il 7 marzo 1785, unico figlio di Giulia Beccaria e del nobile Pietro Manzoni (ma probabilmente il padre naturale fu il minore dei fratelli Verri, Giovanni). La madre era figlia di Cesare Beccaria, autore del trattato Dei delitti e delle pene. Un’infanzia e una fanciullezza passate tra balie e collegi con i genitori distanti o assenti e la disciplina chiusa e un po’ ottusa degli educatori (prima i frati barnabiti, poi i frati somaschi), mentre Napoleone diffonde per l’Europa gli ideali della Rivoluzione francese, spingono il giovane Manzoni ad accogliere le idee giacobine e anticlericali, registrate fedelmente nel poemetto Il trionfo della libertà (1801).
L’uscita dal collegio nel 1801 rappresenta una svolta, perché permette a Manzoni di entrare in contatto con l’ambiente culturale milanese. L’incontro con Vincenzo Monti gli fa conoscere la poesia neoclassica, mentre quello con Vincenzo Cuoco lo mette in contatto con l’ala liberale e moderata del Risorgimento italiano, che sosteneva la necessità di privilegiare la via delle riforme rispetto ai metodi rivoluzionari e che eserciterà una notevole influenza su Manzoni, spingendolo ad attenuare il radicalismo dell’adolescenza. Del 1803 è l’idillio Adda, una delle prove più riuscite del suo neoclassicismo.

I soggiorni parigini. Nel 1805 Manzoni giunge a Parigi, accogliendo l’invito della madre e del conte Imbonati, con il quale Giulia conviveva da diversi anni dopo aver divorziato dal marito nel 1792. Imbonati, amico dei fratelli Verri e di altri intellettuali milanesi, muore però poco prima dell’arrivo di Manzoni, che ne onora la memoria con un componimento in endecasillabi sciolti intitolato Carme in morte di Carlo Imbonati. Tornato nel 1807 a Milano per la morte del padre, Manzoni conosce Enrichetta Blondel, figlia di un banchiere ginevrino. Il matrimonio è celebrato con rito calvinista nel 1808.

La conversione. Dal 1807 al 1808 Manzoni risiede tra Milano e Brusuglio, in Brianza, poi torna con la madre e la moglie a Parigi, dove nasce la prima figlia, Giulia Claudia, ma nel 1810 è di nuovo in Lombardia. Del 1809 è la pubblicazione del poemetto neoclassico Urania (dedicato a una delle nove muse), in cui viene esaltata la funzione civilizzatrice della poesia. Ma si tratta dell’ultima opera neoclassica di Manzoni, che ormai si orienta sempre più verso un ben diverso orizzonte ideologico e poetico. In questi anni matura infatti la conversione religiosa dello scrittore, il quale, anche in seguito a lunghe conversazioni con religiosi di ispirazione giansenista, approda a un cattolicesimo estremamente severo e rigoroso. Nel 1810 celebra il matrimonio con Enrichetta – che abiura il calvinismo – secondo il rito cattolico.

Vedi qui, che è fatto molto bene!
http://www.letteraturaitaliana.net/autori/alessandro_manzoni.html
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Salva
sposto in Italiano...
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2623 Punti

VIP
Registrati via email