cricruch
cricruch - Ominide - 6 Punti
Salva
qualcuno sa dove posso trovare il rassunto dell libro
il bosco degli urogalli di mario rigoni stern ?
nama
Salva
Il bosco degli urogalli è l’insieme dei racconti che dal 1958 l’autore aveva pubblicato su vari periodici, quando ancora lavorava al catasto. I fatti e le vicende descritte in questo bellissimo libro rappresentano il “moto remoto” della vita dell’uomo scandito dal tempo; ed il tempo vive perennemente nel ricordo di un passato per comprendere il futuro.

L’autore rievoca una movimentata “commedia umana” incorniciata dalle sensazioni visive e olfattive di boschi e montagne, colori e tramonti, in una prospettiva paesaggistica di spazi aperti, aria pulita; il tutto lungo un cammino che, attraverso paesi lontani (America e Australia), s’inerpica tra drammi umani creati dagli umani (la guerra), inserendosi tra fatica e povertà, per raggiungere nella natura l’equilibrio di un rigore morale e di una speranza nella vita.

Dal primo capitolo (Di là c’è la Carnia) il sentiero dell’uomo si snoda dalla Polonia alla Slesia, tra lager e miniere di ferro, sudore e disperazione, deportati e montagne bianche, per raggiungere la fine del libro (e metaforicamente della strada del mondo) tra camini fumanti, zuppa e patate bollenti, latte caldo, e, chiudendo la porta di casa perché è finita la caccia, riposarsi tra le contrade e le dimore del paese illuminato, in pace con la natura.

Nel mezzo di questo cammino numerose sorprese: un mondo animato di cacciatori, cani segugi dal pelo fulvo (Alba e Franco) e urogalli, boschi innevati, abeti trasudanti resina, vecchi in attesa di un ritorno con lo sguardo fisso al bosco prendono forma tra le nostre mani, liberandoci dalla voracità moderna per collocarci in una piccola valle chiusa dai boschi, vicino al caldo del fuoco, tra il fieno, o nelle foreste d’abeti curvati dalla neve.

C’è un linguaggio “antico” semplice e reale e una virile fiducia nella vita in queste pagine. Rigoni Stern sa, osservando, narrare la storia; la storia dell’umanità, l’esodo e il ritorno dei poveri; sa intercalare nelle vicende umane il positivo di un mondo che non è solo umano, ma anche animale, equilibrando magistralmente il valore dell’animale alle necessità impellenti dell’uomo.

Alba e Franco, due cani segugi dal pelo fulvo, non sono una società per azioni, ma l’unione tra uomo e animale in una simbiosi caratteriale unica e indivisibile. Rigoni Stern dona ai due segugi la loro collocazione letteraria così come Bendicò, il cane nobile siciliano del Principe di Salina, o il cane Argo di Svevo, fino all’elegante Bauschan di Thomas Mann in Cane e padrone hanno la propria.

Non sorprenderebbe se, in un pomeriggio d’inverno dopo aver letto Le volpi sotto le stelle, il lettore si affacciasse alla finestra di casa e, fantasticando, scorgesse le tracce della volpe dal pelo folto e dalla punta della coda tutta bianca sulla neve.

da http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080911082801AAjTakE

spero ti vada bene
coltina
coltina - Genius - 11957 Punti
Salva
nama, cita la fonte per favore.....
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Salva
bene così!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
ciampax

ciampax Tutor 29109 Punti

VIP
Registrati via email