• Italiano
  • Riassunto al film "i cento passi"

    closed post best answer
Guli8
Guli8 - Ominide - 14 Punti
Salva
Potete aiutarmi con il riassunto al film "i cento passi" con commento finale...alla mia Prof. non è piaciuto il mio commento..
Grazie. Ciao
Anthrax606
Anthrax606 - VIP - 21444 Punti
Salva
Allora:

RIASSUNTO:

Il film, ambientato a Cinisi, piccolo paesino della Sicilia, racconta la storia vera di Peppino Impastato, giovane idealista ribellatosi alla cultura mafiosa del silenzio e della sottomissione. Dopo una breve parentesi ambientata nei primi anni di età del ragazzo, la storia parte dalladolescenza del protagonista, a cavallo tra gli anni 60 e 70, quando forte era la speranza di cambiamento e rinnovamento. Peppino, fervente militante del Partito Comunista, capisce subito che lunico modo di ribaltare lo stato di paura e tensione in cui il paese vive, è urlare e rendere pubblica la propria contestazione e rifiuto della regola dellomertà. La sua radicale presa di posizione lo porta a scontrarsi con la propria famiglia, soprattutto con il padre Luigi (Luigi Maria Burrano), che stremato lo caccia di casa. Il personaggio principale contro cui Peppino si scaglia è proprio suo zio Tano Badalamenti (Tony Sperandeo), che accetta con pazienza gli attacchi del nipote senza dargli troppa importanza. I cento passi del titolo del film sono quelli che separano la casa dei due. Quando Impastato però apre una piccola emittente corsara, Radio Aut, ed inizia a spargere via etere il seme del dissenso, il disagio in cui viene messo il boss in ascesa spinge questultimo ad intervenire, facendo pressione sulla famiglia del ragazzo. Lo scontro tra padre e figlio adesso diventa veramente complicato, fin quando il genitore muore accidentalmente investito da unauto pirata. Durante il funerale del padre, Peppino rifiuta le condoglianze di Tano Badalamenti e dei suoi scagnozzi, scatenando definitivamente lira del potente mafioso. Il commento Vincitore del premio per la miglior sceneggiatura allultimo Festival del Cinema di Venezia, I Cento Passi è di sicuro una delle migliori pellicole italiane di una stagione cinematografica che ha riservato, finalmente, un buon numero di film di valore. La scelta di Giordana è stata quella, azzeccata, di presentare prima di tutto un film confezionato con unimpeccabile abilità tecnica, sicuramente superiore alla media delle nostre produzioni; in particolare le musiche e la fotografia del film rappresentano dei punti di forza capaci di catturare lattenzione dello spettatore ed immergerlo nel pathos della vicenda. E qui arriviamo allaltra scelta dellautore, che preferisce evitare un taglio registico troppo documentario e portare invece sullo schermo una storia sicuramente drammatizzata ed enfatizzata, ma indubbiamente efficace e coinvolgente. Lo svolgersi delle vicende del protagonista è narrato con abilità, sia nella buna sceneggiatura che nella direzione degli attori, tutti decisamente bravi. In particolare vogliamo spendere una parola in più di elogio per il protagonista Luigi Lo Cascio, davvero credibile anche nel suo fervore rivoluzionario, e per la madre Lucia sardo, una delle migliori caratteriste del nostro cinema, purtroppo troppo spesso usata in modo inadeguato. Infine dobbiamo sottolineare anche la bravura di marco Tullio Giordana, capace, dopo tante varie prove registiche piuttosto alterne, di offrirci un film molto ben orchestrato in tutte le sue componenti, e diretto con mano sicura e spigliata, anche quando si è trattato di spingere sul pedale rischioso del melodramma. In sintesi Uno dei migliori film italiani della stagione. Tutto funziona a dovere, dalla regia agli attori, dalla sceneggiatura alle componenti tecniche. La pellicola espone in maniera non documentaristica la storia vera di Impastato, ma rende comunque omaggio al piccolo eroe proletario anche scegliendo la strada dellenfatizzazione e della drammatizzazione. Bravissimo il protagonista Luigi Lo Cascio, identico al vero Peppino. Il giudizio Riuscito melodramma che non si preoccupa di essere unindagine scrupolosa su un fatto di cronaca, ma preferisce puntare sulla drammaticità della vicenda. Riuscendo in pieno nellintento di emozionare e commuovere.

Fonte: http://www.film.it/news/televisione/dettaglio/art/i-cento-passi-14292/


COMMENTO:

Film emozionante che basa la sua esistenza su pensieri, convinzioni e sentimenti. La storia di Peppino Impastato, attivista di sinistra che ha deciso di combattere la mafia di cui anche suo padre fa parte, narrata attraverso l'individualità di Peppino, unico fra i tanti che ha abbastanza coraggio per non aver paura di morire, ma anche attraverso le mode e le correnti di pensiero degli anni Settanta.
Una cosa mi ha colpito tremendamente. Oltre i vari commenti geniali sulla bellezza, sulla giustizia e su altri temi relativamente elevati, una discussione tra Giuseppe e il fratello Giovanni mi ha scosso. Giovanni, infatti, dice che tutti sarebbero buoni di fare gli eroi, di urlare che la mafia è uno scempio, ma bisogna anche pensare alle persone che lo circondano, ai rischi che corrono e alle sofferenze che potrebbero patire. Mossa geniale del regista per non far passare la famiglia come un branco di omertosi. Complimenti!

Fonte: http://www.cinemadelsilenzio.it/index.php?mod=comments&id=677


Spero di averti aiutato!!
Ciaooo :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email