Giuly*Bimba*
Giuly*Bimba* - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
Mi è stato assegnato questo esercizio per domani.. Potete aiutarmi??
"Confronta Nebbia di Giovanni Pascoli con l'Infinito di Giacomo Leopardi, riflettendo sul diverso significato assegnato alla siepe dai due poeti". Ho provato a cercare un pochino.. ma della siepe ho trovato poco o niente..ed è soprattutto quella che mi interessa..!!
Un mille grazie in anticipo..!!
Baci
Giuly*Bimba*
kli
kli - Genius - 21785 Punti
Rispondi Cita Salva
infinito
"L'Infinito" si divide in due parti esattamente uguali, come dimostra il punto fermo a metà dell'ottavo verso. Nella prima metà della poesia è descritto l'infinito dello spazio, nella seconda metà, l'infinito del tempo: per definire l'infinito, ci dice il poeta, sono necessarie ambedue le coordinate, lo spazio e, appunto, il tempo. Gli elementi esteriori si riducono ad un colle, ad una siepe che limita l'orizzonte, ad uno stormire di fronde. Sulla cima di un colle una siepe impedisce allo sguardo la vista di una grande parte dell'orizzonte. Ma quello che è l'ostacolo alla vista degli occhi diviene stimolo alla visione interiore, all'immaginare del poeta. Sorgono così dentro di lui gli "interminati spazi" del cielo, e i "sovrumani silenzi e la profondissima quiete" del vuoto; e quasi il cuore del poeta "non si spaura". Ma a proseguire l'idillio sopraggiunge un lieve rumore di vento, l'unico breve rumore sulla cime del colle. E da quella voce il poeta è ricondotto alle cose finite; e giunge al confronto di esse con l'eterno, al pensiero delle "morte stagioni", e della stagione presente così viva, così reale con i suoi rumori intorno al poeta.

nebbia
La poesia è costituita da cinque strofe di sei versi ciascuna. Il tema trattato dal poeta è la voglia di chiudersi nel suo nido, di allontanarsi da tutto ciò che potrebbe farlo soffrire e perciò invoca la nebbia, un elemento della natura, che può aiutarlo, nascondendo tutte le cose morte, lontane e dolorose. L'anafora “nascondi le cose lontane” ripetuta all'inizio di ogni verso, mette in evidenza l'angoscia del poeta a contatto con il mondo esterno. Si sente escluso, emarginato, sia come uomo per le frustrazioni del nido; sia come intellettuale poiché vive in una società chiusa all'uomo di lettere, tesa a creare silenzi; sia come estrazione sociale, perché appartiene alla piccola borghesia che rischia di essere spazzata via dai cambiamenti del tempo. Nella prima strofa descrive la nebbia. Essa è inconsistente, dai contorni grigi e sfumati, appare come un fumo che si manifesta alla prime luci dell'alba lasciando dietro di sé il lampi della notte i tuoni simili a frane cadute dal cielo. Nella seconda strofa, iniziata con l'invocazione alla nebbia che nasconda tutto ciò che è morto, il poeta chiede di poter continuare a vedere la siepe dell'orto e le mura piene di piante erbacee. Il simbolismo della siepe non solo indica il confine del suo orto ma anche il distacco dal mondo esterno fino a creare un'Eden il cui accesso è vietato a tutti. Nella terza strofa la nebbia deve nascondere le cose sature di pianto, di tristezza e di dolore. L'autore si accontenta di vedere gli alberi, due peschi e due meli, che danno un po' di pace, di tranquillità e serenità al grigiore cupo della sua vita. Nella quarta strofa la nebbia ha il compito di nascondere tutto ciò che potrebbe allontanare il poeta dal suo nido con il pretesto dell'amore. Egli si rinchiude nel rifugio rurale, eletto a difesa della vita, che in realtà si tramuta in simbolo di morte, di isolamento, di smarrimento esistenziale. Vuole vedere quella strada bianca che conduce al cimitero in cui egli dovrà andare un giorno per raggiungere i suoi cari e recuperare gli affetti familiari tra il suono stanco delle campane. Stanche poiché hanno suonato molte volte “soprattutto” per i suoi cari. Con ciò egli vuole mettere in evidenza i numerosi lutti che hanno colpito la sua famiglia (il padre, la madre, la sorella e i due fratelli). Nella strofa finale il poeta conclude esortando al nebbia non solo a nascondere le cose morte, sepolte e lontane, ma anche a dileguarle dal profondo del suo cuore. Lui rimarrà, solo, lontano da tutti, a guardare il cipresso dove sonnecchia il suo cane. Il tempo è come se si fosse fermato tra il passato e un presente difficile da sopportare, in cui il poeta tenta di nascondere ciò che lo turba.
Giuly*Bimba*
Giuly*Bimba* - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie Mille..!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email