• Italiano
  • Perfavore ho tanti compiti aiutatemi!

fedex28
fedex28 - Erectus - 83 Punti
Rispondi Cita Salva
Devo fare la sintesi di questo riassunto che sia massimo di 15 righe e minimo di 5 aiutatemi perfavore!



Nei campi
Il racconto si svolge a Rolleport , una cittadina termale in Normandia. Ai piedi di una collina vi erano due capanne , abitate da due famiglie di contadini : i Tuvache e i Vallin , erano entrambe famiglie numerose (con 4 figli) e povere , inoltre l’età dei figli era simile , e quindi era difficile capire quali erano i componenti di ciascuna famiglia .
Un pomeriggio d’agosto una donna , Madame d’Hubières e il marito , Henri , passano con la loro carrozza davanti alle due capanne ; la donna è intenerita dalla moltitudine di bambini e rivela al marito che vorrebbe averne uno simile al più piccolo tra loro, inoltre decide di scendere e di baciarlo (il bambino).
Per molti giorni in seguito la donna continuò a fermarsi davanti alle case e ad offrire dolci ai bambini; facendo anche conoscenza dei genitori.
Una mattina però i due decidono di entrare dentro la casa dei Tuvache e di chiedere l’affidamento , in cambio di un vitalizio mensile alla famiglia , l’affidamento del più piccolo , charlot , la notizia lascia stupiti i genitori che , superata la sorpresa rifiutano categoricamente l’offerta .
Madame d’Hubières e il marito decidono quindi di provare con la famiglia Vallin , infatti anche loro avevano un figlio della stessa età di charlot , Jean , i due coniugi però , al contrario dei vicini , decidono di accettare l’offerta ; attirati più dal vitalizio mensile di 120 franchi che dalla prospettiva di vita migliore per il figlio .
Madame d’Hubières porta quindi via Jean . I Tuvache, che osservavano la scena da casa loro, dimostrano disprezzo di fronte alla scelta dei vallin , anche se in verità erano un po’ invidiosi della loro scelta e si erano pentiti di aver rifiutato.
Negli anni a seguire la signora tuvache non perde occasione per rinfacciare ai vallin il fatto di aver “venduto” uno dei loro figli , sentendosi con il passare del tempo migliori di loro .
Col passare degli anni però la famiglia tuvache continua a vivere di stenti e , dato che il figlio più grande è soldato e il secondo è morto , tutte le fatiche per il mantenimento dei genitori e delle due sorelle piccole spetta a charlot ; mentre i vallin continuano a vivere tranquillamente con la loro pensione.
Diciotto anni dopo però , da una carrozza , scende inaspettatamente Jean , il figlio “venduto” dai Vallin ; il ragazzo è tornato a fare visita ai suoi genitori , che lo accolgono felici . Anche charlot , non può fare a meno di notare il ragazzo , che i Vallin mostrano orgogliosi per il paese ; a questo punto viene però preso da una grande rabbia , infatti capisce che quella avrebbe potuto essere la sua vita , se solo i suoi genitori avessero accettato di darlo a Madame d’Hubières ; adesso invece lui è povero mentre i suoi vicini sono benestanti . Infuriato con i genitori decide quindi di andarsene a cercare fortuna altrove lasciandoli da soli.
Con questo racconto ci fa capire come la sorte di una persona dipenda dall’ambiente in cui vive; inoltre la reazione di Charlot dopo aver visto ciò che si è perso è frutto di una concezione materialistica della vita che antepone i valori economici a quelli umani
GIORGIA86
GIORGIA86 - Mito - 2715 Punti
Rispondi Cita Salva
Il racconto narra la vicenda di due famiglie povere, i Tuvache e i Vallin, residenti in normandia, in un piccolo paesino. Le due famiglie avevano figli coetanei molto simili tra loro. Un giorno, una coppia di stranieri, Madame d’Hubières e il marito Henri, passando vicino alle capanne delle famiglie, rimangono colpiti dai bambini tanto da decidere di chiedere uno dei figli più piccoli in affidamento, in cambio di un vitalizio. Se la famiglia dei Tuvache rifiuta sdegnata, quella dei Vallin accetta di buon grado e lascia partire il piccolo Jean in cambio di 120 franchi mensili. I Tuvache per invidia (ora i Vallin vivevano con la loro pensione e non di stenti) giudicano tale scelta, credendosi migliori dei compaesani, ma dopo 18 anni, al rientro di Jean al paese, tutti lo notano con orgoglio e lo accolgono felici; anche Charlot Tuvache non biasima più i vicini, ma, in nome di una concezione esclusivamente materialistica della vita, prova rabbia verso i genitori che con la loro scelta guidata da valori umani, gli hanno impedito di godere di tanta ricchezza.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

nemo0772

nemo0772 Blogger 47 Punti

VIP
Registrati via email