ciellea
ciellea - Ominide - 12 Punti
Salva
Buona sera a tutti :)
Ho bisogno del vostro aiuto!!

Allora: sto iniziando a organizzare un po' di materiale per la mia tesina, e fugando tra i possibili argomenti di italiano, sbuca Leopardi, e con lui un grande dubbio.
Mi spiego, Leopardi ha una visione pessimistica della natura, giusto? Infatti è proprio la natura stessa a costituire un limite per l'uomo, se non ho capito male. Ecco, la mia domanda è:
Dunque in Leopardi, nel suo pensiero, il limite è la natura, la realtà? Inoltre, alla fine, supera il "proprio limite"? Risolve il suo "dissidio"?
Ho cercato ovunque, e per superamento del limite in Leopardi, si fa solo riferimento alla poesia "L'infinito", dove Leopardi supera il limite fisico/naturale, attraverso l'immaginazione, navigando verso l'infinito.

Spero di essermi spiegata :(

Grazie in anticipo!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

manliogrossi

manliogrossi Blogger 2717 Punti

VIP
Registrati via email