VI97
VI97 - Ominide - 16 Punti
Salva
secondo voi qual'é il pessimismo leopardiano?
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Salva
nel sito è presente un pò di materiale su questo argomento,controlla qui:
http://www.skuola.net/appunti-italiano/giacomo-leopardi/pessimismo-leopardiano-e-le-fasi-poetiche.html
http://www.skuola.net/appunti-italiano/giacomo-leopardi/pessimismo-leopardi.html
questo invece è un appunto che contiene il pensiero di un tuo "collega di studio" sul pessimismo leopardiano:
http://www.skuola.net/libri/libri-skuola/pessimismo-leopardi-per-me.html
skuolaXD
Salva
Abbiamo affermato che Leopardi visse molti anni in uno studio “matto e disperatissimo”. Nella prima fase di questa sua attività si parla di uno studio erudito, cioè costituito da uno studio appurato e da conoscenze pressoché mnemoniche.
In una seconda fase Leopardi si dedica allo studio dei grandi miti classici dove permane e ricerca la bellezza. Pertanto tale fase viene definita estetica e si parla addirittura di una conversione, in quanto passò dall’erudizione al bello; la bellezza, come abbiamo già detto, stava nei temi classici in autori greci e romani dediti soprattutto alla poesia; tra questi figurano i lirici greci, come Mosco e Bione e, tra i poeti romani, ricordiamo Catullo, Tibullo, Propersio, Ovidio, Virgilio e Orazio.
La terza fase che si definisce conversione filosofica, Leopardi passa dalla considerazione del bello a quella del vero, cioè il poeta comincia a fare riflessioni sull’uomo, sulla vita, sul fine di quest’ultima e sullo stesso senso del vivere.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email