• Italiano
  • La maledizione... delle parafrasi!

    closed post best answer
Willow97
Willow97 - Erectus - 86 Punti
Salva
Necessito della parafrasi del brano dell'Eneide "La maledizione e il suicidio di Didone"(vv.705-856). Il mio libro è Trame.

Grazie mille in anticipo!!! :satisfied
Sara♥96
Sara♥96 - VIP - 5052 Punti
Salva
La regina, appena dall'alto della rocca vide biancheggiare
"la regina vide dall'alto della torre sorgere il giorno
la luce, e la flotta procedere a vele allineate,
e vide la flotta che procedeva allineata
e scorse le rive e i porti nuovi, privi di equipaggi,
e vide le rive e iporti nuovi, che erano senza equipaggi
percuotendo tre o quattro volte con la mano il florido
e si battè per tre o quattro volte la mano sul florido petto
petto, strappandosi le bionde chiome, <<O Giove>> esclamò,
mentre si strappava i capelli biondi, esclamò "o giove"
<<lo straniero se n'andrà schernendo in tal modo il mio regno?
lo straniero andrà via così dopo aver preso in giro il mio regno?
I miei non prenderanno le armi, non accorreranno da tutta la città,
i miei infatti non si armeranno e nessuno accorrerà dalla città
non strapperanno le navi dai cantieri? Andate, portate
nessuno prenderà le nvi dai cantier? andate, infuocate
veloci le fiamme, date armi, forzate sui remi!
velocemente le loro navi, distribuite le armi e remate velocemente
Che dico? dove sono? che follia mi sconvolge la mente?
che dico? dove sono? Quale follia sta tenendo occupata la mia mente
Infelice Didone! adesso le empie azioni ti toccano?
infleice Didone! Solo adesso ti senti ferita dalle azioni crudeli?
Allora dovevano, quando accordavi lo scettro.
Dovevi pensarci prima quando quando volevi condividere il tuo potere
Ecco la destra e la lealtà di chi si dice che rechi
Ecco la destra e l lealtà di chi porta con sé i Penati
con sè i patrii Penati, ed abbia portato in spalla
e di colui che ha portato in spalla
il padre stremato dagli anni! Non potevo sbranarne
il padre anziano! nn potevo uccidere il suo corpo
il corpo e disperderlo nell'onde? e uccidere col ferro i compagni
e poi disperderlo in mare? e ucidere con le armi i suoi compagni?
e lo stesso Ascanio, e imbandirlo sulla mensa del padre?
e lo stesso Ascanio e poi servirlo sulla tavola del padrE?
Ma incerta era la lotta. E lo fosse stata! Chi mai,
ma la lotta nn era sicura. Magari lo fosse stata! chi mai
moritura, dovevo temere? Avessi portato fiaccole
avrei dovuto temere? Se avessi alemno portato le fiaccole
nel campo, e riempito le tolde di fiamme, estinto il figlio
nel campo e riempito di fiamme per bruciarvi il figlio
suo padre e poi tutta la stirpe, e poi gettarmi io stessa sul rogo
e il padre e la stirpe, e poi anche me stessa!
O sole, che illumini con le fiamme tutte le opere della terra,
o sole che illumini co le tue fiamme tutte le cose della terra
e tu, Giunone, autrice e complice dei miei affanni,
e tu Giunone che ai voluto e aiutato questi miei dolori
Ecate invocata per la città nei notturni trivii ululando,
Ecate incovata con urla nelle vie oscure della città
e Dite vendicatrici, e dèi della morente Elissa,
e Dite con voglia di vendetta, e anche voi divinità della morente Elissa
accogliete quello che dico, punite con giusta potenza i malvagi,
accogliete le mie preghiere, punite coloro che osno stati malvagi nel modo giusto
e ascoltate le mie preghiere. Se l'infame deve raggiungere
ascoltate le mia preghiere, Se il traditore deve raggiungere
il porto e approdare alla terra e questo richiedono
il porto e la terra perchè è Giove a volerlo
i fati di Giove, e il termine resta immutabile:
sia così:
ma travagliato dalle armi e dalla guerra d'un popolo audace,
Ma che sia sconvolto dalle armi e dalla guerra per opera di un popolo abile
bandito dalle terre, strappato all'abbraccio di Iulo,
che era stato allontanato dalle terre, portato via all'abbraccio di Tulo
implori aiuto, e veda le immeritate morti
che chieda a voi aiuto e veda le morti nn meritate
dei suoi, e quando si sia piegato alle leggi d'una pace
dei suoi uomini, e quando si sia abbassato alle leggi di una pace
iniqua, non goda del regno e del dolce lume;
iniqua, non goda ne il regno ne il dolce lume
ma cada prima dell'ora, insepolto tra la sabbia.
e che muoia prematuramente e senza degna sepoltura
Di questo vi prego, col sangue effondo quest'ultima voce.
Questa è la mia preghiera, col sangue io grido quest'ultima voce
E voi, o Tirii, tormentate con odio la sua stirpe
e voi o tirii, tormentate tutta la sua stirpe
e tutta la razza futura, offrite un tal dono
e tutta la sua futura progenie, offrite un dono simile
alle nostre ceneri. Non vi sia amore nè patto tra i po$poli.
alle vostre ceneri. Che i popoli ne si accordino ne si amino
E sorgi, vendicatore, dalle mie ossa,
e che nasca una vendetta dalle mie ossa
e perseguita col ferro e col fuoco i coloni dardanii,
che perseguiterà con le armi e con il fuoco i coloni dardanii
ora, in seguito, o quando se ne presenteranno le forze.
ora e dopo e anche quando se ne presenterà nuovamente occasione
Lidi opposti ai lidi, onde ai flutti
spiagge ocntro spiagge, onde contro onde
auguro, armi alle armi; combattano essi e i nipoti>>.
auguro armi alle armi, che combattano loro e tutti i loro nipoti"

fonti: http://www.skuola.net/forum/italiano/raga-x-dmn-parafrasi-della-morte-di-didone-eneide-13101.html
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

strategeek

strategeek Geek 72 Punti

VIP
Registrati via email