raffosquilla 2 !!!!!
Salva
foscolo : tutto
raffosquilla
raffosquilla - Habilis - 208 Punti
Salva
iccolò Ugo Foscolo nacque sull'isola greca di Zante (nota anche come Zacinto, alla quale dedicherà uno dei suoi 12 sonetti), il 6 febbraio del 1778, figlio di Andrea Foscolo (1756 - Spalato, 13 ottobre 1788), medico di vascello di provenienza veneziana, e della greca Diamanta Spathis (settembre 1747- 28 aprile 1817). Era il maggiore di quattro fratelli: lo seguivano la sorella Rubina (1779-1867),e i due fratelli morti suicidi Gian Dionisio (detto Giovanni; Zante, 27 febbraio 1781 - Venezia, 8 dicembre 1801) e Costantino Giovanni (detto Giulio; Spalato, 25 novembre 1787 - Ungheria).
Il piccolo Niccolò (successivamente cambiò il suo nome in Ugo,in onore di Ugo di Basville) proveniva da una famiglia che nel secolo XVI si era stabilita a Candia e, quando questa cadde in mano ai Turchi (1669), si trasferì nelle isole Ionie, dominio veneziano dal XIV secolo sino alla caduta della Repubblica (1797).
Del grande scrittore si sa che aveva un alto concetto di sé nonostante la condizione materiale e sociale relativamente modesta. Nel corso della sua vita fu sempre fedele ad alcuni ideali, come l'amore per la patria, la libertà, la bellezza femminile, l’amicizia,le virtù, la poesia,l'arte e l'eroismo. Questi valori in cui Foscolo credeva, erano ritenuti dagli illuministi idee vane ed irreali,pure "illusioni", dando a questa parola il valore non di inganno ma di vera esigenza dello spirito. Scrisse nell'Ortis:
« Illusioni! grida il filosofo. - Or non è tutto illusione? tutto! Beati gli antichi che si credeano degni de' baci delle immortali dive del cielo; che sacrificavano alla Bellezza e alle Grazie; che diffondeano lo splendore della divinità su le imperfezioni dell'uomo, e che trovavano il BELLO ed il VERO accarezzando gli idoli della lor fantasia! Illusioni! ma intanto senza di esse io non sentirei la vita che nel dolore, o (che mi spaventa ancor più) nella rigida e nojosa indolenza: e se questo cuore non vorrà più sentire, io me lo strapperò dal petto con le mie mani, e lo caccerò come un servo infedele. »
(Ugo Foscolo, Ultime lettere di Jacopo Ortis, lettera del 15 maggio 1798)
Come altri grandi poeti dell'epoca, fra i quali Goethe, Foscolo avvertì la scissione profonda tra gli antichi(classicismo) e i moderni(romanticismo): l’animo dei romantici tende continuamente all’armonia classica. Dal classicismo illuminista Foscolo eredita il costante bisogno di trovare un'armonia interiore,ma riesce a raggiungerla solo tramite la poesia; nella vita pratica invece Foscolo risente sempre del Romanticismo,ossia l'abbandono agli impulsi del sentimento.Nonostante ciò, vivendo nel 1700,l'età dell'Illuminismo, risente delle idee materialiste e meccanicistiche: egli crede nel concreto. L’uomo nasce dalla materia e finisce nella materia. Non crede nell'immortalità dell'anima, ma nel cosiddetto nulla eterno! Per gli illuministi quest'ideologia era causa delle loro serenità e liberazione dalle superstizioni delle religioni, Foscolo invece risente di un profondo turbamento perché non trova una ragione nell'esistenza dell'uomo. Definisce l'uomo prigioniero del mondo,dunque sarebbe meglio non nascere o,una volta nati, sarebbe bene troncare la vita con il suicido. Il suicidio non è considerato come atto di debolezza, anzi Come affermava anche Alfieri, è un atto eroico perché con la sua funzione catartica libera l'uomo dalle passioni e dal turbamento. Foscolo ricorderà sempre la città dove era nato e più volte canterà la sua isola natale. Egli scriveva il 29 settembre del 1808 al cugino[1] prussiano Jakob Salomon Bartholdy:
« Quantunque italiano d'educazione e d'origine, e deliberato di lasciare in qualunque evento le mie ceneri sotto le rovine d’Italia anziché all'ombra delle palme d’ogni altra terra più gloriosa e più lieta, io, finché sarò memore di me stesso, non oblierò mai che nacqui da madre greca, che fui allattato da greca nutrice e che vidi il primo raggio di sole nella chiara e selvosa Zacinto, risuonante ancora de' versi con che Omero e Teocrito la celebravano. »

Aggiunto 6 minuti più tardi:

hahahaha tisca visto che mi hai espulso dalla chat mi sn riiscritto per tornare in chat ma nnn ha funzionato cosi mi è enuta in mente questa cosa e ho proato però tempo 5 minuti mi hai beccato... infallibile!!

:lol :lol :lol :lol :lol :lol :lol :lol :lol :lol :lol :gelato :devil :cilindro :azzolina :beer :angel

Aggiunto 4 minuti più tardi:
ma stavo solo entrando nella discussione!
tiscali
tiscali - Tutor - 22585 Punti
Salva
E va?? E magari credi anche di prenderci per i fondelli??? Stesso richiedente e miglior risposta (data dal richiedente che sei tu stesso), e sicome, non c'è 2 senza aggiungiamo un bel penalty.

Aggiunto 5 minuti più tardi:

Bè gli utenti che hanno degli incarichi ben precisi non sono stati scelti a casaccio caro. Comunque sia, la prossima volta non disturbare come hai fatto prima e vedrai che in chat ci resterai, e magari, sarà anche divertente chattare con te. ;)

Aggiunto 4 minuti più tardi:

Ahahahahaha presto potrai rientrare :) Ma fai il bravo mi raccomando.

Sisi stavi entrando nella discussione con termini poco carini.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email