st€lla
st€lla - Ominide - 42 Punti
Salva
qualcuno ha mai visto PERSEPOLIS? potete aiutarmi a fare una relazione??
coltina
coltina - Genius - 11957 Punti
Salva
da http://www.chatincanto.com/2008/02/10/persepolis-scheda-film-recensione-e-trailer/ ci trovi anche dei trailers
Teheran. La piccola Marjane, a 9 anni ha già sviluppato un carattere ribelle e anticonformista che le fa rifiutare le rigide regole della società iraniana. Preoccupati per l’incolumità della figlia, i genitori di Marjane, quando lei compie 14 anni, decidono di mandarla a studiare in Austria. Sulle prima, l’esperienza austriaca è per Marjane piuttosto traumatica a causa della sua identificazione, agli occhi degli altri, proprio con quel mondo fatto di estremismo e fondamentalismo religioso cui lei si è ribellata, ma poi con il passare del tempo riesce ad integrarsi. Alla fine della scuola, il richiamo verso le sue radici e la sua famiglia la spinge a tornare in Iran. Anche qui, il primo periodo di assestamento si dimostra piuttosto difficile e Marjane continua a portare avanti la sua battaglia contro l’ipocrisia della società iraniana di cui è testimone fino ad arrivare alle difficile scelta di abbandonare il suo paese per trasferirsi in Francia, dove poter condurre finalmente una vita senza vincoli e regole, senza però rinnegare il suo essere iraniana.

da http://anueter.wordpress.com/2008/02/27/persepolis-recensione/
Crescere a Tehran
Recensione del film Persepolis (2007)
Il film, disegnato con uno stile minimalista ed elegante ma non per questo povero di dettagli, ha come punto di forza soprattutto una sceneggiatura divertente e di grande intelligenza ed originalità.

Unica opera prima in concorso quest’anno, Persepolis di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud, film d’animazione di stampo tradizionale (niente 3d giusto per intenderci) e quasi totalmente in bianco e nero, ha conquistato applausi a scena aperta (e una standing ovation di circa dieci minuti) durante la prima ufficiale e il plauso quasi unanime della stampa nelle proiezioni precedenti. Marjane, illustratrice iraniana che vive e lavora a Parigi, tra il 2000 e il 2003 ha pubblicato quattro libri a fumetti intitolati appunto Persepolis che raccontano – in uno stile semplice ma estremamente espressivo che le ha permesso di conquistare un enorme successo in tutto il mondo – la sua storia dall’infanzia a Tehran alla rivoluzione islamica, dall’adolescenza trascorsa a Vienna in una scuola di lingua francese al ritorno in Iran dalla famiglia in seguito alla conclusione del conflitto con l’Iraq.

Ma non c’è solo la storia di una paese, ma anche e soprattutto i problemi di un’adolescente, e in seguito di una donna, in una società che non riesce a sentire sua e a cui non riesce a conformarsi, una giovane ribelle insomma che attraverso il punk, la presa di coscienza politica o la consapevolezza del maschilismo tipico del suo popolo continua sempre a lottare, grazie anche ad uno sporadico “appoggio” esterno, che sia esso da parte della nonna, Marx, Dio o Rocky. Il film, disegnato con uno stile minimalista ed elegante ma non per questo povero di dettagli, ha come punto di forza soprattutto una sceneggiatura divertente e di grande intelligenza ed originalità e gode tra l’altro di una notevole caratterizzazione dei personaggi, mai bidimensionali, grazie anche alle voci importanti come quelle di Chiara Mastroianni o Catherine Denauve.

Pur lanciando un messaggio politico e sociale molto forte (non sono manca infatti le polemiche e le proteste dall’Iran) sono la poesia e la sensibilità dei dialoghi (e disegni) di Marjane a regalare a questo Festival novanta minuti indimenticabili. Speriamo possa essere così anche per la giuria.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email