• Italiano
  • Chi mi traduce questa poesia? vi pregoo!! :(

    closed post
Danieletto-96
Danieletto-96 - Ominide - 26 Punti
Salva
Gozzano, Guido - La signorina Felicita

Signorina Felicita, a quest'ora
scende la sera nel giardino antico
della tua casa. Nel mio cuore amico
scende il ricordo. E ti rivedo ancora,
e Ivrea rivedo e la cerulea Dora
e quel dolce paese che non dico.

Signorina Felicita, è il tuo giorno!
A quest'ora che fai? Tosti il caffè:
e il buon aroma si diffonde intorno?
O cuci i lini e canti e pensi a me,
all'avvocato che non fa ritorno?
E l'avvocato è qui: che pensa a te.

Pensa i bei giorni d'un autunno addietro,
Vill'Amarena a sommo dell'ascesa
coi suoi ciliegi e con la sua Marchesa
dannata, e l'orto dal profumo tetro
di busso e i cocci innumeri di vetro
sulla cinta vetusta, alla difesa...

Sei quasi brutta, priva di lusinga
nelle tue vesti quasi campagnole,
ma la tua faccia buona e casalinga,
ma i bei capelli di color di sole,
attorti in minutissime trecciuole,
ti fanno un tipo di beltà fiamminga...

E rivedo la tua bocca vermiglia
così larga nel ridere e nel bere,
e il volto quadro, senza sopracciglia,
tutto sparso d'efelidi leggiere
e gli occhi fermi, l'iridi sincere
azzurre d'un azzurro di stoviglia...

Tu m'hai amato. Nei begli occhi fermi
rideva una blandizie femminina.
Tu civettavi con sottili schermi,
tu volevi piacermi, Signorina:
e più d'ogni conquista cittadina
mi lusingò quel tuo voler piacermi!

Ogni giorno salivo alla tua volta
pel soleggiato ripido sentiero.
Il farmacista non pensò davvero
un'amicizia così bene accolta,
quando ti presentò la prima volta
l'ignoto villeggiante forestiero.

Talora - già la mensa era imbandita -
mi trattenevi a cena. Era una cena
d'altri tempi, col gatto e la falena
e la stoviglia semplice e fiorita
e il commento dei cibi e Maddalena
decrepita, e la siesta e la partita...

Per la partita, verso ventun'ore
giungeva tutto l'inclito collegio
politico locale: il molto Regio
Notaio, il signor Sindaco, il Dottore;
ma - poiché trasognato giocatore -
quei signori m'avevano in dispregio...


M'era più dolce starmene in cucina
tra le stoviglie a vividi colori:
tu tacevi, tacevo, Signorina:
godevo quel silenzio e quegli odori
tanto tanto per me consolatori,
di basilico d'aglio di cedrina...

Aggiunto 2 giorni più tardi:

tradurla intendo fare la Parafrasi -.-"
Stellinaxxx
Stellinaxxx - Sapiens - 480 Punti
Salva
Ciao! In che senso dovremmo tradurla?
coltina
coltina - Genius - 11957 Punti
Salva
Oh signorina felicita a quest'ora, nel vecchio giardino di casa tua arriva la sera come nel mio cuore, che ti è amico, arriva il ricordo. E ri rivedo, e mi ricordo di Ivrea e dell'azzurro fiume Dora e di quel paesino di cui non dico il nome.
Oggi è il tuo giorno signorina felicita! Cosa faia quest'ora? tosti il caffè e il buon profumo si spande attorno? O cuci le stoffe di lino e canti e pensi a me, che sono l'avvocato che non torna? L'avvocato è qui che pensa a te.

questa è la parafrasi delle prime due strofe, ma vedi che è praticamente uguale al testo.... al massimo, se ci sono delle parole che non capisci, chiedi, ma la lirica è talmente piana che non vedo difficoltà!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Suzy90

Suzy90 Moderatore 8655 Punti

VIP
Registrati via email