Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

  • Italiano
  • cerco commento e parafrasi sabato del villaggio

    closed post
emy 93
emy 93 - Sapiens Sapiens - 840 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
se avete il commento o la parafrasi del sabato del villaggio potreste mandarmela? grazie 1000
paraskeuazo
paraskeuazo - Mito - 74858 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
la parafrasi:

La ragazza torna dalla campagna al tramonto con il fascio di erba da dare agli animali. Torna anche con un mazzo di rose selvatiche, dato che si vuole ornare il petto e i capelli per il giorno di festa.
Davanti alla porta di casa siede con le vicine un’anziana con lo sguardo rivolto al sole che tramonta.
Racconta la sua giovinezza, quando al giorno di festa si abbelliva e, ancora sana e snella, era solita ballare quelle sere con tutti gli amici.
Già il cielo si scurisce e si tinge di blu e tornano le ombre giù dalle colline e dai tetti alla luce della luna appena sorta. Il suono di una campana dà il segno della festa che inizia e, a sentire quel suono, il cuore si conforta.
I bambini gridano nella piazza, e saltano qua e là, fanno un rumore bello, e intanto alla tavola imbandita poveramente lo zappatore che pensa al suo giorno di riposo.
Poi, quando tutte le luci sono spente, e tutto tace, senti ancora il falegname lavorare per ultimare il lavoro da consegnare l’indomani.
Il sabato è il giorno più bello pieno di speranza e gioie; domani ci saranno tristezza e noia e si penserà al lavoro abituale.
Ragazzo allegro, questa età fiorita è come un giorno di primavera, che precede la giovinezza.
Fanciullo, apprezza questa tua età soave.
Non voglio dirti altro, ma la tua età, anche se tardi a venire, non ti pesi.

Ed ecco il commento:

Questa poesia descrive i momenti che precedono il giorno della festa.
Leopardi prende spunto da questa rappresentazione della realtà per fare una riflessione sulla vita e, in particolare, sulla giovinezza: egli paragona così la sua adolescenza a quella della ragazza, fresca e spensierata; alla fanciulla fa contrasto la vecchietta, immersa non solo nel suo lavoro, ma anche nel ricordo della propria gioventù.
L’ultima strofa è dedicata all’infanzia; Leopardi associa la giovinezza alla giornata del sabato, piena di speranze e aspettative per il giorno dopo, e l’età adulta alla domenica, che è una giornata noiosa e stanca
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
IL SABATO DEL VILLAGGIO
Scritto nel 1829 a Recanati, fa parte dei "grandi idilli" , vengono evidenziati i temi della rimembranza e dell'evanescenza della giovinezza. Il Leopardi utilizza uno schema metrico libero, alternando endecasillabi a settenari. In questo idillio il pessimismo dell'Autore appare meno amaro e quasi schivo di svelarsi perché rivolgendosi ai giovani non vuole rivelar loro apertamente che la vita è dolore.
La poesia è organizzata su tre nuclei tematici in sequenza, ciascuno con una sua funzione:
1. una situazione ("il cor si riconforta";): descrive ciò che accade nel villaggio la sera del sabato. I personaggi sono tutti umani; la descrizione è organizzata in scene che si legano al tempo: dal calar del sole al buio profondo.
2. un commento ("di sette è il più gradito giorno";): è conseguenza della situazione, vista come esempio di una condizione umana generale.
3. un'esortazione ("godi fanciullo mio";): è conseguenza della situazione del commento. L'umanità si comporta così il sabato (situazione), perché è il giorno più gradito (commento) e per tanto godi (esortazione). Il Poeta ribadisce il concetto della non esistenza della felicità: il piacere è quiete dell'affanno, attesa, delusa, della gioia.
Il sabato prelude al giorno festivo, segna la vigilia della domenica, simboleggia l'attesa di qualcosa di più grato e propizio….Si lavora, anzi, con più ardore, pensando che il domani segnerà un giorno di riposo ; ma quando sarà la domenica , l'anima verrà riafferrata dalle preoccupazioni usate ,perché il pensiero tornerà alla scolorita realtà del giorno dopo : nuovo lavoro, nuove fatiche e nuova tristezza. Niente di quanto il sabato lasciava sperare sembrerà realizzarsi , perché il bene sognato è assai più bello e più vero del bene raggiunto. Nel sabato in effetti si rispecchia la giovinezza , età delle molteplici illusioni e delle radiose speranze . La domenica segna invece le delusioni dell'età matura , fatta di rimpianti e di acerbe esperienze . Leopardi in quest'idillio , rivolgendosi al "garzoncello scherzoso" , raffrena il suo interiore tormento in quell' "altro dirti non vo' " , miracolo di delicatezza e di umana misericordia insieme , e cela il suo vero pensiero , già espresso nello Zibaldone . Il fanciullo non abbia dunque fretta di raggiungere l'età adulta ; goda il suo sabato di aspettazione in serena letizia , né percorra con la fantasia la felicità che l'avvenire dovrebbe portargli. La considerazione che è nella chiusa non sgomenta e non turba , ma soavemente e malinconicamente ammonisce , lasciandoci pensosi. . L'autore, infatti, invita a non aspettarsi felicità dal futuro, perché come la domenica deluderà l'attesa del sabato, così la vita deluderà i sogni della giovinezza. Il Leopardi, quindi, ritiene di non doversi aspettare niente, in modo da non essere mai delusi. Da qui, ecco l'invito a cogliere l'attimo (carpe diem) e a vivere intensamente ogni occasione .
Sono presenti numerose figure retoriche :
Metafore: la giovinezza è espressa con "età fiorita", "età bella", "stagion lieta";
Litote: "altro dirti non vo' " fa capire l'intenzione di Leopardi di non demoralizzare i giovani;
Climax: I personaggi sembrano realizzare un climax prima crescente dopo decrescente: la donzelletta (gioventù)- la vecchiarella (vecchiaia)- lo zappatore (età matura)- il garzoncello (gioventù);
Enjambements : spezzano il ritmo (la sega/ del legnaiuol) , (diman tristezza e noia/ recheran l'ore);
Similitudini: "cotesta età fiorita è come un giorno d'allegrezza pieno";
Metonimie: " torna azzurro il seren"; " or la squilla dà segno della festa che viene" .
Nella prima parte della poesia si notano allitterazioni con doppie (donzelletta, vecchiarella, novellando, sulla, bella, colli...) o con dittonghi (giorno-, chiaro- ciascuno -gioia- stagion, pien- pensier- lieta), assonanze ( campagna- calar- ornava- sana- danzar- aria- parca...;siede- parole- recente- sette- speme, incontro- giorno- riposo- scherzoso ), consonanze (face- seco- reca, affretta- tutta- tetti- frotta- tutto- sette, fanciullo- bella- garzoncello, azzurro- precorre, onde- quando) e rime (sole- viole- suole, appresta- festa, crine- vicine, snella- bella, imbruna- luna, gridando- saltando, rumore- zappatore, face- tace ). L'uso continuo di diminutivi (donzelletta- vecchiarella- garzoncello) evidenzia una tenerezza del poeta verso i suoi personaggi. In particolare si nota una spiccata delicatezza per gli adolescenti . Alcune annotazioni scandiscono il passar del tempo :"in su calar del sole" ;" già tutta l'aria imbruna " ; " torna azzurro il seren, e tornan l'ombre " ; " or la squilla…" ; "Poi quando intorno è spenta…" .
ho trovato altro:
Il sabato del villaggio, scritto da Giacomo Leopardi nel 1829 a Recanati, fa parte dei "grandi idilli" e, come tale, si evidenziano da subito in tutto il componimento i temi della rimembranza e dell'evanescenza della giovinezza. La poesia è un canto, tipico componimento utilizzato di sovente dal Petrarca, al contrario del quale, però, il Leopardi impiega uno schema metrico libero, alternando endecasillabi a settenari.
Schema:
Gli elementi soprasegmentali ci permettono di suddividere la poesia in quattro blocchi: i versi 1-30, in cui regna l'allegria per i giorni di festa e dove si contrappongono la freschezza della donzelletta ed i ricordi, ormai lontani, della vecchiarella; i versi 31-37: nel villaggio regna il silenzio rotto dagli strumenti del falegname; versi 38-42: il poeta guarda al domani quando la quotidianità infonderà il tedio; versi 43-52: riflessione sulla fugacità della giovinezza. Per tematiche la poesia può, invece, essere suddivisa in due blocchi: versi 1-37 e dal 37 fino alla fine del componimento. I primi versi, infatti, oppongono la gioia ed il giorno alla serenità del sonno, mentre dal verso 37 in poi, l'oggi spensierato, metafora della giovinezza, viene contrapposto al domani, simbolo della noia e della vecchiaia. In consonanza con le tematiche, anche il ritmo si fa nei primi versi più incalzante, scorrevole e spensierato, mentre in chiusura, esso risulta più pacato ed incline alla meditazione.
Fonetica:
In tutta la prima parte della poesia si nota una fonetica basata sull'allitterazione di suoni ampi ed allegri come la "l", molto spesso gemellata (donzelletta, vecchiarella, novellando, sulla, bella, colli...) e l'impiego di equivalenze di suoni come l'assonanza (dalla- campagna- calar- ornava- sana- danzar- aria- parca...;siede- parole- recente- sette- speme, icontro- giorno- riposo- scherzoso ecc...), la consonanza (face- seco- reca, affretta- tutta- tetti- frotta- tutto- sette, fanciullo- bella- garzoncello, azzurro- precorre, onde- quando ecc...) e le rime che non presentano un'alternanza regolare (sole- viole- suole, appresta- festa, crine- vicine, snella- bella, imbruna- luna, gridando- saltando, rumore- zappatore, face- tace ecc...).
Gli ultimi versi, caratterizzati da un ritmo più pacato, giocano sull'allitterazione di dittonghi che ampliano notevolmente il suono (giorno- gioia- travaglio- stagion, chiaro- ciascuno, pien- pensier- lieta) e sul ricorrere di consonanti quali la "s", la "v"e la "z", che conferiscono a questa parte del componimento un tono di amarezza (tristezza, Garzoncello, venir, greve...).
Scelte stilistiche:
Nel componimento possiamo individuare un "notturno", quando il poeta si dilunga sulla descrizione crepuscolare del paesaggio ("Giù tutta l'aria imbruna, torna azzurro il sereno e tornan l'ombre giù dai colli e dà tetti, al biancheggiar della recente luna";) e frequenti arcaismi: "donzelletta, il, riede, parca, seco...".
Presente ai versi 33-34 un enjambement che spezza il ritmo (la sega/ del legnaiuol), mentre l'insistenza degli aggettivi riferiti al vocabolo "giorno" ai versi 45-46 (d'allegrezza, pieno, chiaro, sereno) testimonia il particolare rilievo che il poeta vuole dare a questa parola.
Tutta la poesia, inoltre, è caratterizzata dall'utilizzo di termini consueti vicino a vocaboli tipici del linguaggio formale (donzelletta/campagna; il/zappator, riede/ fischiando...) e il Leopardi riesce a conferire una nuova energia al componimento, riesumando termini obsoleti, ma senza rischio di cadere nel retorico, nell'impersonale e nel ripetuto. L'opposizione di arcaismi a termini modesti, inoltre, localizza il quadretto descritto dalla poesia in una dimensione che sta fra il reale (grazie ai vocaboli realistici) e il sogno (grazie agli arcaismi). L'utilizzo frequente di diminutivi (donzelletta- vecchiarella- garzoncello) testimonia la delicatezza e tenerezza con cui il poeta guarda ai suoi personaggi. In particolare, si nota una spiccata attenzione per gli adolescenti come il garzoncello, nei confronti del quale il poeta sembra rivolgersi con toni paternalistici.
Temi:
Il tema predominante del componimento è rievocare "l'età fiorita", tema che peraltro si ritrova in altri idilli come in A Silvia, dove la ragazza è personificazione stessa della gioventù che sfiorisce. Al contrario di A Silvia, però, che presenta toni sarcastici e polemici, Il sabato del villaggio ha un tono molto più pacato e triste. L'autore, infatti, invita a non aspettarsi felicità dal futuro, perché come la domenica deluderà l'attesa del sabato, così la vita deluderà i sogni della giovinezza. Il Leopardi, quindi, ritiene di non doversi aspettare niente, in modo da non essere mai delusi. Da qui, ecco l'invito a cogliere l'attimo (carpe diem) e a vivere intensamente ogni occasione.
forse qst + che un commento, è una vera e propria analisi testuale!! va bene lo stesso??
paraskeuazo
paraskeuazo - Mito - 74858 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Oh così dovrebbe andare bene no? parafrasi e commento dettagliato:)
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
boh, sinceramente non lo so!!! piu informazioni ci sono meglio è!!1 io ho cercato queste cose!!
Ninive
Ninive - Erectus - 60 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
La parafrasi:

La ragazza torna dalla campagna al tramonto con il fascio di erba da dare agli animali. Torna anche con un mazzo di rose selvatiche, dato che si vuole ornare il petto e i capelli per il giorno di festa.
Davanti alla porta di casa siede con le vicine un’anziana con lo sguardo rivolto al sole che tramonta.
Racconta la sua giovinezza, quando al giorno di festa si abbelliva e, ancora sana e snella, era solita ballare quelle sere con tutti gli amici.
Già il cielo si scurisce e si tinge di blu e tornano le ombre giù dalle colline e dai tetti alla luce della luna appena sorta. Il suono di una campana dà il segno della festa che inizia e, a sentire quel suono, il cuore si conforta.
I bambini gridano nella piazza, e saltano qua e là, fanno un rumore bello, e intanto alla tavola imbandita poveramente lo zappatore che pensa al suo giorno di riposo.
Poi, quando tutte le luci sono spente, e tutto tace, senti ancora il falegname lavorare per ultimare il lavoro da consegnare l’indomani.
Il sabato è il giorno più bello pieno di speranza e gioie; domani ci saranno tristezza e noia e si penserà al lavoro abituale.
Ragazzo allegro, questa età fiorita è come un giorno di primavera, che precede la giovinezza.
Fanciullo, apprezza questa tua età soave.
Non voglio dirti altro, ma la tua età, anche se tardi a venire, non ti pesi.

Il commento:

Canto delle illusioni, questo Idillio parla di come si trascorre un sabato di un paese, Recanati, ma è anche simbolo dell'attesa della festa e della felicità nella vita. Infatti il motivo principale è la gioiosa attesa (della festa), anche se vi è sempre un velo di malinconia, perchè Leopardi sa che tutto nella vita dura poco. Concludendo, Leopardi vuole dire che la vera gioia è nell'attesa, nel sabato, perchè la festa ci lascia delusi in quanto pensiamo già al giorno dopo in cui dobbiamo lavorare: tutto ciò è simbolo della felicità che non esiste, ma esiste solo l'attesa della felicità, però Leopardi dice questo in modo sereno.
paraskeuazo
paraskeuazo - Mito - 74858 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Beh la parafrasi è la stessa che ho trovato io, per il commento invece siamo davvero apposto! ne abbiamo 3 diversi, emy93 ha molto materiale ora!
emy 93
emy 93 - Sapiens Sapiens - 840 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
si grazie!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120305 Punti Segnala un abuso
Rispondi Cita Salva in preferiti
Grazie ragazzi per l'aiuto che avete dato ;)!

Chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Classifica Mensile
Vincitori di marzo
Vincitori di marzo

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

eleo

eleo Moderatore 10588 Punti

VIP
Oppure registrati per copiare