Lalla°
Lalla° - Ominide - 24 Punti
Salva
parafrasi di CALIPSO E ODISSEO dal verso 192 424...urgente

Aggiunto 13 minuti più tardi:

scusa è dal verso 192 al 227...e inizia così: DETTO COSì, LO PRECEDEVA LA DEA LUMINOSA, RAPIDAMENTE: LUI DIETRO I PASSI DELLA DEA CAMMINAVA...

Aggiunto 4 giorni più tardi:

mi potresti fare la parafrasi di questo x favore entro stasera:
LORDO COM'ERA D'ALGA E DI SALSEDINE,
COSì SELVAGGIO APPARVE, CHE GRIDANDO
DI QUà E DI Là SOVRA LE AGUZZE ROCCE
LE FANCIULLE SI SPARSERO. MA SOLA,
FERMA, D'ALCìNOO RIMANEA LA FIGLIA,
PERCHè LA DEA LE INFUSE ARDIRE IN PETTO
E TOLSE DALLE MEMBRA OGNI TREMORE.
IN FACCIA A ULISSE SI DRIZZAVA, ED EGLI
INCERTO STACA SE CON SUPPLICE ATTO
ABBRACCIARE ALLA VERGINE I GONOCCHI,
O DI LONTANO, CON PAROLE BLANDE,
UNA VESTE RICHIEDERLE E INVOCARE
CHE GLI ADDITASSE LA CITTà VICINA.
COSì PENSANDO, A LUI BEN QUESTO PARVE
IL PARTITO MIGLIOR: DI SUPPLICARLA
DA LONTANO CON PLACIDE PAROLE,
OND'ELLA POI NON SI SDEGNASSE IN CUORE
S'EGLI L'AVESSE STRETTA ALLE GINOCCHIA.
E CON ACCENTI LUSINGHIERI E ACCORTI
Sì LE PARLAVA:"ASCOLTAMI, REGINA!
-MA DEA CHIAMARTI IO DEVO, O MORTAL DONNA?-
(SALTO UN PEZZO ZK LO TENGO GIA)"
E A LUI NAUSICA DALLE BIANCA BRACCIA:
"OSPITE,-DISSE- TU NON SEMBRI PUNTO
STOLTO O MALVAGIO; PUR L'OLIMPO GIOVE
FRA GLI UOMINI DISPENSA LA FORTUNA,
AI BUONI E AI TRISTI, COE PIù GLI AGGRADA.
A TE Dà QUESTA SORTE, E IN OGNI MODO
CONVIEN SOFFRIRLA, MA, POICHè SEI GIUNTO
A QUESTA TERRA, A TE NULLA DI QUANTO
PORGER SI DEVE A UN MISERO CHE INVOCA
SARà NEGATO. IO V0' MOSTRARTI INTANTO
LA MIA CITTà, DEGLI ABITANTI IL NOME
SVELARTI: DE' FEàCI è QUESTA TERRA;
DEL MAGNANIMO ALCìNOO IO SON FIGLIA;
EGLI REGGE LA FORZA ED IL POTERE
DI QUESTA GENTE". E, DETTO CIò, NAUSICA,
VOLTA ALLE ANCELLE DALLE BELLE TRECCE:
"QUI FERME,-VOMANDò- DOVE FUGGITE,
PERCHè UN UOMO V'APPARVE? O CHE PENSATE
CHE UN MNEMICO EGLI SIA?NON è MORTALE
DA TEMERE, COSTUI; Nè CERTO ALCUNO
IN TERRA VIVE, NE VIVRà, CHE POSSA
AI FEàCI ARRIVAR PORTANDO GUERRA:
TANTO CARI NOI SIAMO AGL'IMMORTALI.
LUNGI VIVIAMO IN MEZZO AL MARE
E DELLA TERRA NELL'ESTREMO LEMBO,
OVE NESSUNO DEI MORTALI ARRIVA.
MA UN MISERO è COLUI CHE QUI RAMINGO
è GIUNTO: CI CONVIEN DUNQUE ONORARLO;
VENGON DA GIOVE SUPPLICI E STRANIERI
E OGNI DONO, PUR LIEVE, A LORO è GRATO.
ANCELLE, ORSù, DATE BEVANDE E CIBI
ALL'OSPITE E LAVATELO NEL FIUME,
IN LUOGO CHE RIFUGIO OFFRA DAL VENTO."
Jessica93
Jessica93 - Genius - 3813 Punti
Salva
Mi scrivi il verso d'inizio?

Aggiunto 11 minuti più tardi:

Ancora una cosa mi serve..l'argomento!

Aggiunto 4 giorni più tardi:

Apparve come un selvaggio ad esse, apro di sale marino e fuggirono smarrite,chi di qua chi di là per la spiaggia. Solo la figlia di Alcinoo rimase: Atena le diede nel cuore coraggio, le tolse ogni paura. E restò ferma davanti a lui. E Odisseo fu incerto se pregare la vergine avvolgendola alle ginocchia oppure da lontano con parole dolci, se mai volesse indicargli il paese e dargli una veste.A lui parve, pensando, la decisione migliore: pregarla da lontano con dolci parole, perché l’abbraccio alle ginocchia non le muoverà sdegno. E subito le disse con parole soavi: “ Ti supplico in ginocchio, o potente. Sei tu una dea? Se sei una dea del cielo vasto per la bellezza del tuo volto e per la tua alta statura e l’armonia delle forme, allora mi sembri Artemide, figlia del sommo Zeus: le somigli tanto. Ma se sei una mortale che vive sulla terra allora tuo padre, tua madre e i tuoi fratelli siano beati tre volte. Il loro cuore è sicuramente pieno di gioia per te, freschissimo stelo, quando balli. Ma sopra ogni altro, chi supera i rivali con doni di nozze e ti porta con se a casa sua sarà il più felice, poiché i miei occhi non hanno mai visto una creatura mortale, né uomo né donna, simile a te e mi stupisco a guardarti. Un giorno, a Delo, presso l’altare di Apollo vidi un giovane stelo di Palma crescere verso l’alto. Fui anche là, con molte persone, nel viaggio da cui vennero delle sventure cupe. E come allora rimasi stupito a vedere la Palma, perché mai un albero uguale è cresciuto sulla terra, così io ora ti ammiro, o donna e non oso sfiorarti le ginocchia, anche se grande è il mio tormento. Ieri dopo venti giorni, sono scappato dal mare scuro: e per tutto quel tempo, senza tregua, le onde mi trascinarono dall’isola di Ogigia; e ora un nume mi ha condotto qui, affinché su queste rie io colga una sventura. Le mie pene non sono finite: gli dei ne hanno altre in mente. Ma tu, o potente, abbi pietà: dopo tanti dolori, sei la prima che incontro, e non conosco nessun altro di quelli che abitano qui. Indicami la città e dammi uno straccio per coprirmi, se mai venendo qui avevi con te un telo per avvolgere i panni. E gli dei ti concedano tutto quello che desideri: uno sposo e una casa e una concordia leale, perché non c’è bene più forte e valido che una casa retta con armonia da un uomo e una donna. I malvagi ne hanno invidia e chi li ama hanno gioia; ma i più felici sono loro.”
E Nausicaa dalle braccia splendenti gli risponde: “O straniero, tu non mi sembri un uomo malvagio o privo di senno: tu sai che Zeus Olimpio dà, quando vuole, felicità agli uomini, ai buoni e ai malvagi; a te diede dolori e dolori tu devi patire. Ma ora sei nella mia terra , giungi alla mia città e avrai certo una veste e ogni cosa che occorre a un infelice quando viene implorato da noi. E ti indicherò la città e il nome del suo popolo. Là e in tutta questa terra, vivono i Feaci, e io sono la figlia del magnanimo Alcinoo che regge il potere e la forza dei Feaci.” Disse così e richiamò le ancelle:”Fermatevi, vi prego;fuggite così vedendo un uomo? Forse pensate che sia venuto qui come un nemico? Non c’è nessun mortale avverso alla terra dei Feaci, e non ci sarà mai, perché gli dei ci amano tanto e abitiamo in disparte ai confini del mondo, in mezzo al mare ondeggiante, e non viene mai nessuno qui da noi; ma questo è un infelice che è giunto qui errando, e ora ha bisogno di tutte le nostre cure. Gli stranieri e i mendicanti sono mandati da Zeus e anche un piccolo dono è assai gradito da loro. Offrite, dunque, cibo e bevande allo straniero, e fate che si bagni nel fiume al riparo dal vento.

Forse c'è qualche verso in più. Controllala tu!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Salva
Devi scrivere il testo da parafrasare (secondo il regolamento per richiedere le parafrasi devi mettere tutto il testo), una volta postato, la faccio io!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email