frapedro
frapedro - Sapiens Sapiens - 820 Punti
Rispondi Cita Salva
:yes:hi Ciao a tutti, ho bisogno di nuovo un grandissimo aiuto, qualcuno può aiutarmi a fare la parafrasi de " Quando la lodoletta vedo" oppure dirmi dove posso trovarla. Perchè la prof. di letteratura stamattina l'ha data da fare per domattina. Grazieeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti ho messo prima il testo in lingua originale, poi nella parte sotto ho parafrasato riga per riga!!!!

Quando la lodoletta vedo

Can vei la lauzeta mover
de joi sas alas contra.l rai,
que s'oblid' e.s laissa chazer
per la doussor c'al cor li vai,
ai! tan grans enveya m'en ve
de cui qu'eu veya jauzion,
meravilhas ai, car desse
le cor de dezirer no .m fon.

Ai, las! Tan cuidava saber
d'amor, e tan petit en sai!
Car eu d'amar no.m posc tener
celeis don ja pro non aurai:
tout m'a mon cor, e tout m'a me,
e se mezeis e tot lo mon;
e can se.m tolc, no.m laisset re
mas dezirer e cor volon.

Anc non agui de me poder
ni no fui meus de l'or' en sai
que.m laisset en sos olhs vezer
en un miralh que mout me plai:
miralhs, pus me mirei en te,
m'an mort li sospir de preon,
c'aissi .m perdei com perdet se
lo bels Narcissus en la fon.
Bernart de Ventadorn
Quando la lodoletta vedo battere
Quando vedo lodoletta che batte
gioiosamente l'ali incontro al sole,
con gioia le sue ali contro al sole
ed ecco s'oblia e si lascia cadere
ed ecco che si lascia andare e poi cadere
per la dolcezza che le giunge al cuore,
a causa della dolcezza che le arriva dal cuore
ah! sì grande invidia mi prende
per lei provo una grande invidia
d'ogni essere ch'io veda gioire,
invidio ogni essere che gioisce
ch' è meraviglia se tosto
che meraviglia
il cuore dal desio non mi si strugge.
se il mio cuore potesse non essere oppresso dal desiderio
Ahimè! Tanto credevo sapere
pensavo di sapere tante cose
d'amore, e tanto poco ne so!
sull'amore, e invece ne so poco
Ché non posso tenermi d'amare
non posso non amare
quella da cui nulla mai otterrò.
la donna che nonmi ricambia da cui non otterrò mai l'amore
Tolto m'ha il cuore, tolto m'ha me stesso,
ella mia ha tolto il cuore e mi ha tolto anche me stesso
e se stessa m'ha tolto, e tutto il mondo;
e mi ha tolto anche se stessa e tutto il mondo
e al togliermisi, nulla m'ha lasciato
e togliendosi lei, non mi ha lasciato niente
se non desiderio e cuore bramoso.
mi ha lasciato solo il desiderio, e il cuore desideroso

Più non ebbi il dominio di me stesso,
Da quel momento non ho più il dominio di me
più non m'appartenni da allora,
non mi appartengo più da quel momento
quando negli occhi suoi lasciò specchiarmi,
da quando mi ha guardato e mi soo specchiato nei suoi occhi
in quello specchio che tanto mi piace!
quello specchio che tanto mi piace!
Specchio, da quando in te mi rispecchiai,
Specchio, da quando in quello specchio mi specchiai
m'han distrutto i sospiri profondi;
i sospiri profondi (d'amore) mi hanno distrutto
così in te mi perdei, come perdette
così in te io mi vorrei perdere,così
sè il leggiadro Narciso nella fonte.
come il leggiadro Narciso si Perse quando si innamoro della sua immagine riflessa nella fonte.
frapedro
frapedro - Sapiens Sapiens - 820 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie 1000 ankora una volta Francy!!
sei un angelo!! mi hai salvata ankora!!
baci:satisfied
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
prego frapedro alla prox! :)
pompabosch
pompabosch - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
gentilmente avrei bisogno di parafrasare la canzone la leggenda del piave di mario gaeta se qualcuno puo aiutarmi ngrazie
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
è questa?

Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio
Il fiume piava ondeggiava tranquillo al passaggio
dei primi fanti il ventiquattro maggio;
della fanteria il 24 di maggio
l'esercito marciava per raggiunger la frontiera
l'esercito era in marcia e doveva raggiungere la frontiera
per far contro il nemico una barriera!
per fermare il nemico
Muti passaron quella notte i fanti,
i fanti passarono in silenzio la notte
tacere bisognava e andare avanti.
bisognava rimanere in silenzio e andare avanti
S'udiva intanto dalle amate sponde
si udiva intanto sulle sponde che si amavano
sommesso e lieve il tripudiar de l'onde.
il suono leggero e quieto delle onde
Era un presagio dolce e lusinghiero.
che somigliava ad un presagio dolce e che lusingava
il Piave mormorò: "Non passa lo straniero!"
il piave disse a bassa voce: "lo straniero non passerà!"

Ma in una notte triste si parlò di un fosco evento
ma una notte triste si parlò di un triste evento
e il Piave udiva l'ira e lo sgomento.
il piave ascoltava la rabbia e lo sgomento
Ahi, quanta gente ha visto venir giù, lasciare il tetto,
quanta gente ha visto morire, lasciare il tetto,
poiché il nemico irruppe a Caporetto.
perchè improvvisamente il nemico arrivò a Caporetto
Profughi ovunque dai lontani monti,
i profunghi si sparsero ovunque nei monti lontani
venivano a gremir tutti i suoi ponti.
tutti riempivano i ponti del Piave
S'udiva allor dalle violate sponde
si udivano dalle sponde che il nemico aveva oltrepassato
sommesso e triste il mormorio de l'onde.
il rumore triste delle onde del Piave
Come un singhiozzo in quell'autunno nero
che erano come il rumore di un sighiozzo in quel nero autuno
il Piave mormorò: "Ritorna lo straniero!"
il piave disse silenzioso: "ritorna lo straniero"

E ritornò il nemico per l'orgoglio e per la fame
e il nemico mosso dall'orgoglio e dalla fame ritornò
voleva sfogar tutte le sue brame,
perchè voleva sfogare tutto il suo desiderio
vedeva il piano aprico di lassù: voleva ancora
voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora!
sfamarsi come fece prima
No, disse il Piave, no, dissero i fanti,
e il Pave di sse no e no dissero anche i Fanti
mai più il nemico faccia un passo avanti!
il nemico non farà neanche un passo in avanti
Si vide il Piave rigonfiar le sponde
e il piave rigonfiò le sue sponde
e come i fanti combattevan l'onde.
e le sue onde combatterono insieme ai fanti
Rosso del sangue del nemico altero,
e la sua acquasi riempi del sangue del nemico
il Piave comandò: "Indietro va', straniero!"
e il piave comandò: "Vai indietro straniero!"

Indietreggiò il nemico fino a Trieste fino a Trento
Il nemico indietreggio fino a Trieste, fino a Trento
e la Vittoria sciolse l'ali al vento!
e finalmente si spiegò la vittoria
Fu sacro il patto antico, tra le schiere furon visti
Come nell'antico patto, i combattenti videro
risorgere Oberdan, Sauro e Battisti!
risorgere O, S e B
L'onta cruenta e il secolare errore
la crudele onta e l'errore secolare
Infranse alfin l'italico valore
infranse alla fine il valore italico
Sicure l'Alpi, libere le sponde,
sicure le Alpi e le sponde libere
e tacque il Piave, si placaron l'onde.
e si placarono le onde del Piave
Sul patrio suol vinti i torvi Imperi,
erano stati vinti nel terreno di patria gli Imperi nemici
la Pace non trovò né oppressi, né stranieri!
la pace non fece ne oppressi ne stranieri
pompabosch
pompabosch - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie e questa
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
ok ho finito la parafrasi ho aggiornato il post sopra!
pompabosch
pompabosch - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille per la parafrasi ti sono debitore
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
alla prossima!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
ellis.ant.1

ellis.ant.1 Geek 121 Punti

VIP
Registrati via email