ledaxx
ledaxx - Sapiens - 497 Punti
Rispondi Cita Salva
Avrei bisogno, dato che sul libro non c'è, della scheda autore di GUIDO CAVALCANTI!!!!!!!!!!!!


Perfavore aiutatemi!!!
Grazie!!!!

Lunedì ci interroga ma non riesco a trovare niente...

please!!!
Ila
Ila - Genius - 14442 Punti
Rispondi Cita Salva
ma per scheda autore intendi la biografia?
Cronih
Cronih - Genius - 23969 Punti
Rispondi Cita Salva
Anche io lo stavo pensando...
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Ma una ocsa del genere:
Scheda autore
Nome e Cognome: Guido Cavalcanti
Nascita: 1255 - Firenze
Morte: 1300 - Firenze
Segni particolari: Fu grande amico di Dante.
Mi descrivo così: Sono stato un rappresentante del Dolce stil novo. Nella mie opere la morte e la paura furono uno dei temi fondamentali. Concepii l'amore come "sbigottimento".
ledaxx
ledaxx - Sapiens - 497 Punti
Rispondi Cita Salva
Esatto Francy1982 ma un pò più completa...con + cose... Grazie 1000!!!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Allora ho trovato anche questa tipologia di scheda autore, che consisterebbe in una sorta di biografia ristretta:
Guido Cavalcanti
Nasce nel 1255. Dopo la battaglia di Benevento lui e la sua famiglia riacquistano la loro originaria condizione di famiglia di politica e di potere a Firenze. Nel 1267 si sposa e ha 2 figli. Nel 1280 il nome di Cavalcanti risulta tra le firme della pace tra guelfi e ghibellini. Il 24 giugno 1300 E' mandato in esilio dal suo amico Dante, Cavalcanti si così reca Sarzana dove sembra che abbia scritto la ballata "Perch'i' no spero di tornar giammai". Torna a Firenze solo quando, in seguito all'aggravarsi delle sue condizioni fisiche, fu revocata la sua condanna all'esilio. E qui muore nella sua città natale pochi giorni dopo

Cavalcanti è ricordato sia per i suoi componimenti che per essere stato citato nel nono sonetto delle rime di Dante, di cui era amico, che appunto si chiama: "Guido, i'vorrei che tu, Lapo ed io", e per comparire anche in due passi della Divina Commedia (Inferno, canto X e Purgatorio, canto XI) e nel De Vulgari Eloquentia. Ma Cavalcanti è citato anche dal Boccaccio (Decameron). La poesia di Cavalcanti è ricordata per il suo ritmo soave e leggero, che no è affatto banale, ma dimostra l'uso di un'ottima retorica


Poi qui ti applico questo discorso più allargato alla scheda che ti ho fatto l'altra volta:
Scheda autore
Nome e Cognome: Guido Cavalcanti
Nascita: intorno all'anno 1255 da una nobile famiglia guelfa quindi di parte bianca (i ghibellini erano i neri)
Morte: circa nel 1300 a Firenze in cui era tornato da poco, poichè saputa la sua malattia era stato revocato l'esilio.
Segni particolari: E' ricordato sia per i suoi componimenti che per essere stato citato nel nono sonetto delle rime di Dante, di cui era amico, che appunto si chiama: "Guido, i'vorrei che tu, Lapo ed io", per comparire anche in due passi della Divina Commedia (Inferno, canto X e Purgatorio, canto XI) e nel De Vulgari Eloquentia. Ma Cavalcanti è citato anche dal Boccaccio (Decameron). La poesia di Cavalcanti è ricordata per il suo ritmo soave e leggero, che non è affatto banale, ma dimostra l'uso di un'ottima retorica
Mi descrivo così: Sono stato un rappresentante del Dolce stil novo. Nella mie opere la morte e la paura furono uno dei temi fondamentali. Concepii l'amore come "sbigottimento".


Scegli tu quale delle due tipologie è più simile a quella fatta in classe con la tua prof.
ledaxx
ledaxx - Sapiens - 497 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie 1000!!!!!!!!!!!
Francy1982 sei stata gentilissima!!!!!

Chiudete pure!!!!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

.anonimus.

.anonimus. Tutor 43783 Punti

VIP
Registrati via email