• Italiano
  • aiutatemi vi prego !! grz tnt in anticipo

pikkolapunkgirl
pikkolapunkgirl - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao scusate ho bisogno di aiuto!Allora..dv svolgere il compito in classe di italiano... le tracce sn le seguenti ki mi saprebbe dare una mano??? vi prg:
1.nel mondo dei giovani...( parlare della legalità,i giovani e il tempo libero il giovani e il volontariato)
2.l'infanzia a riskio: le violenze sui minori(il lavoro minorile,violenza sui minori,la pedofilia,i bambini-soldato i bambini mutilati) vi prg rispondete in tanti!!
Aleksej
Aleksej - Mito - 20002 Punti
Rispondi Cita Salva
spero che questi appuntisull'infazia a rischio ti vadano bene.


La violenza ai danni dei minori è una emergenza globale che riguarda indistintamente qualsiasi strato sociale e ogni paese del mondo, comprese le nazioni “ricche” e l’Italia. Necessario quindi che l’impegno per la prevenzione e l’eliminazione delle tante forme di violenza sia assunto come prioritario dai Governi Nazionali e dalle Istituzioni Internazionali.
La violenza ai danni dei minori è un problema di tale entità e gravità che tutti dobbiamo impegnarci ai massimi livelli per eliminarla, partendo dall’ascolto dei bambini”, prosegue Valerio Neri. "Gli Stati, in particolare, debbono prevedere leggi e misure per contrastare ogni forma di violenza sui minori e assicurare un efficace sistema di protezione".
"La violenza contro un bambino è inaccettabile perché colpisce un individuo particolarmente vulnerabile e dipendente dagli adulti nei quali ripone totale fiducia", come genitori, parenti, datori di lavoro, compagni di scuola.
della globalità e complessità del problema, e ci rendiamo conto sempre di più di come sia necessario un coordinamento internazionale per poter eliminare queste gravi violazioni dei diritti dei bambini, perché anche questo vuol dire vivere in un mondo globalizzato. Non possiamo accettare, come si evince dallo studio, che molti bambini in fase di crescita e quindi di apprendimento finiscano in molti casi per accettare la violenza come un aspetto inevitabile della vita e la politica deve fare ancora molto in questo senso. Deve creare un rapporto diretto con loro, un legame di fiducia basato sull’ascolto, assicurare istruzione, condividere le esperienze di altri paesi e quando necessario intervenire in supporto dei bambini.
Secondo lo Studio delle Nazioni Unite sulla Violenza nei confronti dei Minori, sono milioni i bambini nel mondo vittime di violenza. Inoltre la gran parte dei minori non gode di adeguata protezione e tutela giuridica: 78 paesi, per esempio, ancora ammettono la punizione corporale di minori nell’ambito di provvedimenti disciplinari mentre ben 106 nazioni non vietano attraverso una legge specifica le punizioni corporali a scuola.
Abusi sessuali, tortura, lavoro coatto, sfruttamento sessuale, pratiche tradizionali pregiudizievoli della salute (per esempio le mutilazioni sessuali), matrimoni precoci, stupro, omicidio, gravi atti di bullismo, oltre appunto alle punizioni fisiche. Sono le principali forme che può assumere la violenza contro i bambini. La famiglia, il posto di lavoro, la comunità di appartenenza sono i luoghi in cui solitamente si consuma, ad opera principalmente di persone che fanno parte della vita dei bambini: genitori, compagni di scuola, insegnanti, datori di lavoro, fidanzati e fidanzate.
La violenza domestica e familiare
Si stima che ogni anno 275 milioni di bambini assistano a episodi di violenza e maltrattamenti all’interno delle mura di casa, con conseguenze psicologiche devastanti che possono segnarli per un’intera vita. In Italia raggiungerebbero la cifra di 1 milione i minori che sperimentano questa forma di violenza “assistita”. Ma in famiglia si consumano anche abusi e violenze sessuali: da studi condotti in 21 paesi industrializzati circa il 36% delle donne e il 29% degli uomini dichiarano di averne subiti durante l'infanzia. In alcuni paesi, soprattutto in via di sviluppo, bambini e bambine possono invece essere vittime, ad opera di familiari, di violenze legate a pratiche tradizionali dannose, come la mutilazione dei genitali per le bambine, le fasciature immobilizzanti, marchiature, riti di iniziazione violenti, costrizioni ad ingrassare, matrimoni precoci, violenze legate alla dote, esorcismi pericolosi e violenti.

La violenza nell’ambiente di lavoro
Su circa 218 milioni di bambini lavoratori, 126 milioni sono coinvolti in attività lavorative rischiose e dunque violente, sottolinea lo Studio delle Nazioni Unite sulla Violenza nei confronti dei Minori. In particolare 5,7 milioni di bambini vengono forzati al lavoro per estinguere un debito (bonded labour), 1,8 milioni sono coinvolti nel giro della prostituzione e della pornografia, circa 1,2 milioni vittime del traffico di minori. Molti altri ragazzi in età lavorativa subiscono ogni giorno violenze sul posto di lavoro, commesse per lo più dai loro datori di lavoro o colleghi. In Italia alcune ricerche stimano fra i 450 e i 500 mila di età compresa fra i 10 e i 14 anni i minori vittime di sfruttamento economico e costretti a lavorare precocemente, all’inizio in attività o imprese di famiglia per poi passare a lavori più pesanti alle dipendenze di parenti o conoscenti. Molto difficile quantificare invece il numero di minori vittime nel nostro paese di gravi forme di sfruttamento sessuale, fino alla riduzione in schiavitù, come la tratta.

La violenza all’interno della comunità
La scuola, la strada, ma anche la comunità virtuale di Internet sono alcuni dei luoghi dove i bambini vivono, si incontrano, socializzano, crescono. In ognuno di questi luoghi, tuttavia, possono correre il rischio di subire violenze. Per i minori che vivono o lavorano in strada il rischio di violenza è legato, prevalentemente, alla rivalità tra bande o alla pesante repressione delle forze dell'ordine e può essere alimentata dal consumo di droghe e di alcol e dal possesso di armi: nel 2002 sono stati 53.000 i bambini assassinati, fra gli 0 e i 17 anni.
Ma oltre alla strada anche la scuola può rivelarsi un luogo a rischio e dove la violenza sia addirittura autorizzata e considerata "educativa": oltre 1 miliardo 250 mila bambini vivono in paesi dove le punizioni fisiche da parte degli insegnanti sono legali. A scuola un bambino può trovarsi a sperimentare anche violenze e intimidazioni da coetanei: secondo una ricerca condotta in 16 Paesi in via di sviluppo, la percentuale di bambini in età scolare che afferma di essere stata vittima a scuola di atti verbali o fisici di bullismo nei 30 giorni precedenti la ricerca varia dal 20% al 65%. E fenomeni di bullismo sono in crescita anche su Internet dal momento che l'anonimato garantito dal web consente ai molestatori di agire restando impuniti. In allarmante crescita anche il fenomeno della pedo-pornografia online e attraverso i telefonini di nuova generazione che permettono lo scambio di immagini o video.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email