• Italiano
  • aiutatemi...fratelli-giuseppe ungaretti

orsetto sincero
orsetto sincero - Habilis - 182 Punti
Rispondi Cita Salva
x favore aiutatemi...mi serve tutto quello ke sapete sulla poesia "fratelli" di giuseppe ungaretti....grz mille
klok
klok - Genius - 50567 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco guarda se questo ti può servire...

Parola tremante: la parola fratelli che viene pronunciata timidamente nella notte, come una foglia appena nata, è la naturale istintiva (involontaria) ribellione dell’uomo nella condizione di estrema fragilità provocata dall’atrocità della guerra.
Spasimante: straziata dai lampi del fuoco incrociato e dagli scoppi delle armi da fuoco.
Dell’uomo …fragilità: dell’uomo che, a contatto continuo con la morte nel fango della trincea o negli assalti disperati, è diventato consapevole (presente) della sua fragilità, cioè che ha capito quanto sia precaria la sua esistenza: per questo si appella al senso di fraternità, che fa cadere l’odio e fa fiorire una forma di solidarietà al di là dei ranghi di appartenenza.

COMMENTO:
Versi liberi; è presente il solo segno di interpunzione usato da Ungaretti: il punto interrogativo. Rispetto alla prima versione la scansione dei versi nelle strofe viene scardinata, forse per sottolineare la telegraficità, la fugacità e la musicalità del messaggio, pur nella sua pregnanza. Si confrontino le due varianti, che testimoniano la ricerca instancabile della parola "scavata" nel segreto dell’anima. Se i Futuristi propongono le "parole in libertà", Ungaretti va in una direzione opposta: l’aderire alla parola si traduce in una fioritura di varianti per trovare la "parola pura" e per costruire una musicalità; non basta scendere nell’abisso e risalire, bisogna cogliere la musica che è dentro le parole (questa disposizione ungarettiana rimanda al suo amore per la musicalità del verso proprio della tradizione italiana, ma anche alla sua passione per la poesia araba, che è musicale per eccellenza).

-Temi
In questa lirica il fante-poeta esprime il senso della fragilità dell’esistenza dei soldati. E’ notte. L’aria è squarciata dai lampi e dai suoni della battaglia in corso. Due reparti di combattenti si incontrano sulla linea del fronte. Forse si salutano e si scambiano notizie flash. Il termine chiave della poesia è, però, la parola fratelli, che allude ad uno dei temi fondamentali del primo Ungaretti, dal poeta stesso indicato: la "fraternità degli uomini nella sofferenza". La poesia si snoda come una sorta di commento alla domanda iniziale, che tuttavia rimane senza risposta, perché ciò che conta non è la domanda, bensì la definizione…non il reggimento, ma l’appellativo fratelli. Il cosmopolita soldato Ungaretti, che fin da bambino ha avuto contatti con persone di ogni nazionalità, partito volontario per la guerra, riconosce, a contatto con altri commilitoni, che portano sui volti la sua stessa sofferenza e l’angoscia dei disagi della guerra, l’uomo che è nel soldato e sente pulsare nel suo cuore quel senso di fraterna solidarietà, che lega particolarmente gli esseri umani sradicati ed esposti alle bufere della vita. Quando il buio avvolge tutte le cose e soprattutto le persone, la voce del fante-poeta si leva ad ammonire e a ricordare ciò che molti sembrano aver dimenticato: l’amore per l’uomo…la sola legge che renda fratelli.

:hi
orsetto sincero
orsetto sincero - Habilis - 182 Punti
Rispondi Cita Salva
grz mille!
klok
klok - Genius - 50567 Punti
Rispondi Cita Salva
prego:)
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 397 Punti

VIP
Registrati via email