• Inglese
  • Capitolo 3 "The Great Gatsby"

devilishsmile.
devilishsmile. - Erectus - 51 Punti
Rispondi Cita Salva
Salve a tutti! Spero qualcuno possa aiutarmi, visto che la mia professoressa ha avuto la brillante idea di assegnarci una traduzione scritta di 3 pagine :(
Il brano in questione è tratto dal terzo capitolo di "Il grande Gatsby" di Fitzgerarld. Questo:

Dressed up in white flannels I went over to his lawn a little after seven, and wandered around rather ill at ease among swirls and eddies of people I didn’t know—though here and there was a face I had noticed on the commuting train. I was immediately struck by the number of young Englishmen dotted about; all well dressed, all looking a little hungry, and all talking in low, earnest voices to solid and prosperous Americans. I was sure that they were selling something: bonds or insurance or automobiles. They were at least agonizingly aware of the easy money in the vicinity and convinced that it was theirs for a few words in the right key.

As soon as I arrived I made an attempt to find my host, but the two or three people of whom I asked his whereabouts stared at me in such an amazed way, and denied so vehemently any knowledge of his movements, that I slunk off in the direction of the cocktail table—the only place in the garden where a single man could linger without looking purposeless and alone.

I was on my way to get roaring drunk from sheer embarrassment when Jordan Baker came out of the house and stood at the head of the marble steps, leaning a little backward and looking with contemptuous interest down into the garden.

Welcome or not, I found it necessary to attach myself to some one before I should begin to address cordial remarks to the passers-by.

“Hello!” I roared, advancing toward her. My voice seemed unnaturally loud across the garden.

“I thought you might be here,” she responded absently as I came up. “I remembered you lived next door to——” She held my hand impersonally, as a promise that she’d take care of me in a minute, and gave ear to two girls in twin yellow dresses, who stopped at the foot of the steps.

“Hello!” they cried together. “Sorry you didn’t win.”

That was for the golf tournament. She had lost in the finals the week before.

“You don’t know who we are,” said one of the girls in yellow, “but we met you here about a month ago.”

“You’ve dyed your hair since then,” remarked Jordan, and I started, but the girls had moved casually on and her remark was addressed to the premature moon, produced like the supper, no doubt, out of a caterer’s basket. With Jordan’s slender golden arm resting in mine, we descended the steps and sauntered about the garden. A tray of cocktails floated at us through the twilight, and we sat down at a table with the two girls in yellow and three men, each one introduced to us as Mr. Mumble.

“Do you come to these parties often?” inquired Jordan of the girl beside her.

“The last one was the one I met you at,” answered the girl, in an alert confident voice. She turned to her companion: “Wasn’t it for you, Lucille?”

It was for Lucille, too.

“I like to come,” Lucille said. “I never care what I do, so I always have a good time. When I was here last I tore my gown on a chair, and he asked me my name and address—inside of a week I got a package from Croirier’s with a new evening gown in it.”

“Did you keep it?” asked Jordan.

“Sure I did. I was going to wear it to-night, but it was too big in the bust and had to be altered. It was gas blue with lavender beads. Two hundred and sixty-five dollars.”

“There’s something funny about a fellow that’ll do a thing like that,” said the other girl eagerly. “He doesn’t want any trouble with ANYbody.”

“Who doesn’t?” I inquired.

“Gatsby. Somebody told me——”

The two girls and Jordan leaned together confidentially.

“Somebody told me they thought he killed a man once.”

A thrill passed over all of us. The three Mr. Mumbles bent forward and listened eagerly.

“I don’t think it’s so much THAT,” argued Lucille sceptically; “it’s more that he was a German spy during the war.”

One of the men nodded in confirmation.

“I heard that from a man who knew all about him, grew up with him in Germany,” he assured us positively.

“Oh, no,” said the first girl, “it couldn’t be that, because he was in the American army during the war.” As our credulity switched back to her she leaned forward with enthusiasm. “You look at him sometimes when he thinks nobody’s looking at him. I’ll bet he killed a man.”

She narrowed her eyes and shivered. Lucille shivered. We all turned and looked around for Gatsby. It was testimony to the romantic speculation he inspired that there were whispers about him from those who found little that it was necessary to whisper about in this world.
There was dancing now on the canvas in the garden; old men pushing young girls backward in eternal graceless circles, superior couples holding each other tortuously, fashionably, and keeping in the corners—and a great number of single girls dancing individualistically or relieving the orchestra for a moment of the burden of the banjo or the traps. By midnight the hilarity had increased. A celebrated tenor had sung in Italian, and a notorious contralto had sung in jazz, and between the numbers people were doing “stunts.” all over the garden, while happy, vacuous bursts of laughter rose toward the summer sky. A pair of stage twins, who turned out to be the girls in yellow, did a baby act in costume, and champagne was served in glasses bigger than finger-bowls. The moon had risen higher, and floating in the Sound was a triangle of silver scales, trembling a little to the stiff, tinny drip of the banjoes on the lawn.

I was still with Jordan Baker. We were sitting at a table with a man of about my age and a rowdy little girl, who gave way upon the slightest provocation to uncontrollable laughter. I was enjoying myself now. I had taken two finger-bowls of champagne, and the scene had changed before my eyes into something significant, elemental, and profound.

At a lull in the entertainment the man looked at me and smiled.

“Your face is familiar,” he said, politely. “Weren’t you in the Third Division during the war?”

“Why, yes. I was in the Ninth Machine-gun Battalion.”

“I was in the Seventh Infantry until June nineteen-eighteen. I knew I’d seen you somewhere before.”

We talked for a moment about some wet, gray little villages in France. Evidently he lived in this vicinity, for he told me that he had just bought a hydroplane, and was going to try it out in the morning.

“Want to go with me, old sport? Just near the shore along the Sound.”

“What time?”

“Any time that suits you best.”

It was on the tip of my tongue to ask his name when Jordan looked around and smiled.

“Having a gay time now?” she inquired.

“Much better.” I turned again to my new acquaintance. “This is an unusual party for me. I haven’t even seen the host. I live over there——” I waved my hand at the invisible hedge in the distance, “and this man Gatsby sent over his chauffeur with an invitation.” For a moment he looked at me as if he failed to understand.

“I’m Gatsby,” he said suddenly.

“What!” I exclaimed. “Oh, I beg your pardon.”

“I thought you knew, old sport. I’m afraid I’m not a very good host.”

He smiled understandingly—much more than understandingly. It was one of those rare smiles with a quality of eternal reassurance in it, that you may come across four or five times in life. It faced—or seemed to face—the whole external world for an instant, and then concentrated on you with an irresistible prejudice in your favor. It understood you just so far as you wanted to be understood, believed in you as you would like to believe in yourself, and assured you that it had precisely the impression of you that, at your best, you hoped to convey. Precisely at that point it vanished—and I was looking at an elegant young rough-neck, a year or two over thirty, whose elaborate formality of speech just missed being absurd. Some time before he introduced himself I’d got a strong impression that he was picking his words with care.

Almost at the moment when Mr. Gatsby identified himself, a butler hurried toward him with the information that Chicago was calling him on the wire. He excused himself with a small bow that included each of us in turn.

“If you want anything just ask for it, old sport,” he urged me. “Excuse me. I will rejoin you later.”


E' tantissimo, lo so, ma se qualcuno può aiutarmi, perchè magari già l'ha tradotto o perchè gli faccio pena, magari :), mi farebbe un favore immenso!
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao...dovresti ricontrollarla però...

Vestito di flanella bianca mi avvicinai al suo prato poco dopo le sette, e andava in giro, piuttosto a disagio tra i vortici e mulinelli di persone che non conoscevo, anche se qua e là era un volto che avevo notato sul treno pendolari. Mi ha subito colpito per il numero di giovani inglesi tratteggiata su, tutti ben vestiti, tutti cercando un po 'affamato, e tutti a parlare in basso, sul serio le voci per gli americani solida e prospera. Ero sicuro che fossero di vendere qualcosa: di obbligazioni o di assicurazione o di automobili. Erano almeno dolorosamente consapevole del denaro facile nelle vicinanze e convinto che sia stato loro per un paio di parole in chiave giusta.

Appena sono arrivato ho fatto un tentativo di trovare il mio ospite, ma i due o tre persone di cui ho chiesto dove fosse mi guardava in un modo così stupito, e ha negato con tanta veemenza a conoscenza dei suoi movimenti, che io svignò in la direzione del tavolo da cocktail, l'unico posto nel giardino, dove un solo uomo poteva fermarsi senza guardare inutile e solo.

Ero sul mio modo di ottenere ruggenti bevuto puro imbarazzo quando Jordan Baker è uscito di casa e si mise alla testa dei gradini di marmo, sporgendosi un po 'indietro e guardando con interesse sprezzante giù nel giardino.

Benvenuti o no, ho ritenuto opportuno allegare a me stesso di qualcuno, prima dovrei cominciare ad affrontare il commento cordiale ai passanti.

"Ciao!" I ruggì, avanzando verso di lei. La mia voce sembrava innaturale forte in tutto il giardino.

"Ho pensato che potrebbe essere qui", ha risposto distrattamente, come mi è venuta. "Mi sono ricordato che vivevano accanto a -" Lei mi strinse la mano in modo impersonale, come una promessa che aveva prendersi cura di me in un minuto, e ha dato ascolto alle due ragazze in abiti twin giallo, che si sono fermati ai piedi del passi.

"Ciao!" Gridarono insieme. "Mi dispiace non hai vinto".

Che era per il torneo di golf. Aveva perso in finale la settimana prima.

"Lei non sa chi siamo", ha detto una delle ragazze in giallo ", ma ci siamo incontrati qui circa un mese fa."

"Hai tinto i capelli, da allora," osservò la Giordania, e ho iniziato, ma le ragazze si era mosso con disinvoltura e il suo commento è stato rivolto alla luna prematura, prodotti come la cena, senza dubbio, di un cuoco di basket. Con la Giordania è sottile braccio d'oro di riposo in miniera, siamo scese le scale e passo lento per il giardino. Un vassoio di cocktail galleggiavano a noi attraverso il crepuscolo, e ci siamo seduti a un tavolo con le due ragazze in giallo e tre uomini, ognuno ci hanno presentato come il signor Mumble.

"Non si arriva a questi partiti spesso?" Chiese Jordan della ragazza accanto a lei.

"L'ultima è stata quella che ho incontrato a", rispose la ragazza, con voce sicura segnalazione. Si rivolse al suo compagno: "Non è stato per voi, Lucille?"

E 'stato per Lucille, anche.

"Mi piace venire", ha detto Lucille. "Non mi interessa quello che faccio, così mi hanno sempre un buon momento. Quando sono stato qui l'ultima volta ho strappato il mio vestito su una sedia, e mi ha chiesto il mio nome e indirizzo all'interno di una settimana ho ricevuto un pacchetto da Croirier con un nuovo abito sera in essa. "

"Did you keep it?" Ha chiesto la Giordania.

"Certo che ho fatto. Stavo per indossare questa sera, ma era troppo grande per il busto e ha dovuto essere modificato. E 'stato il gas con perle blu lavanda. Duecento e sessanta cinque dollari. "

"C'è qualcosa di divertente su una collega che faremo una cosa simile", ha detto l'altra ragazza con entusiasmo. "Lui non vuole alcun problema con nessuno".

"Chi non è?" Ho domandato.

"Gatsby. Qualcuno mi ha detto - "

Le due ragazze e la Giordania si piegò insieme in modo confidenziale.

"Qualcuno mi ha detto che pensava di aver ucciso un uomo, una volta".

Un brivido passò su tutti noi. I tre Mr. Mumbles piegato in avanti e ascoltato con entusiasmo.

"Io non credo che sia così tanto che," ha affermato Lucille scetticismo, "è più che era una spia tedesca durante la guerra."

Uno degli uomini annuì in conferma.

"Ho sentito dire da un uomo che sapeva tutto di lui, cresciuto con lui in Germania", ha assicurato positivamente.

"Oh, no", ha detto la prima ragazza, "non potrebbe essere che, perché era nell'esercito americano durante la guerra." Poiché la nostra credulità commutata al lei si sporse in avanti con entusiasmo. "Lei lo guardo a volte, quando pensa che nessuno lo guardava. Scommetto che ha ucciso un uomo. "

Strinse gli occhi e rabbrividì. Lucille rabbrividì. Noi tutti si voltò e si guardò intorno per Gatsby. E 'stato testimoniato di fronte alla speculazione romantica ha ispirato che c'erano su di lui sussurra da coloro che hanno trovato poco che era necessario per bisbigliare in questo mondo.
Si ballava ora sulla tela in giardino; vecchi spingendo le ragazze a ritroso nel eterna circoli sgraziato, le coppie di partecipazione superiore a vicenda tortuosamente, alla moda, e mantenere negli angoli e un gran numero di ragazze sole discoteche individualisticamente o alleviare l'orchestra per un attimo l'onere del banjo o le trappole. Entro la mezzanotte del ilarità era aumentato. Un celebre tenore aveva cantato in italiano, e un contralto famigerato aveva cantato nel jazz, e fra la gente numeri stavano facendo "acrobazie." In tutto il giardino, mentre felice, vacua scoppi di risa saliva verso il cielo estivo. Una coppia di gemelli fase, che si rivelò essere le ragazze in giallo, ha fatto un atto di bambino in costume, e champagne è stato servito in bicchieri più grande di un dito-bocce. La luna era più alto, e galleggianti in the Sound è un triangolo di scaglie d'argento, tremando un po 'a rigide, goccia a goccia metallica della banjoes sul prato.

Ero ancora con la Giordania Baker. Eravamo seduti a un tavolo con un uomo di circa la mia età e una bambina turbolenta piccola, che ha dato modo alla minima provocazione di risate incontrollabili. Mi divertivo ora. Avevo preso due dita ciotole di champagne, e la scena era cambiata davanti ai miei occhi in qualcosa di significativo, elementare e profonda.

A una pausa nella intrattenimento l'uomo mi guardò e sorrise.

"Il tuo volto è familiare", ha detto, educatamente. "Non eri in terza divisione durante la guerra?"

"Perché, sì. Ero in macchina Nona-Battaglione pistola. "

"Ero in fanteria Settimo fino a giugno nineteen-diciotto anni. Sapevo che avevo visto da qualche parte. "

Abbiamo parlato per un attimo su alcuni umido, grigio piccoli villaggi in Francia. Evidentemente ha vissuto in questa zona, perché mi ha detto che aveva appena comprato un idrovolante, e stava per provare la mattina.

"Vuoi venire con me, lo sport vecchio? Proprio vicino alla riva, lungo la Sound ".

"A che ora?"

"Ogni volta che ti conviene."

E 'stato sulla punta della lingua per chiedere il suo nome quando la Giordania si guardò intorno e sorrise.

"Avere un tempo gay adesso?" Chiese lei.

"Molto meglio." Mi voltai di nuovo per la mia nuova conoscenza. "Questa è una festa inusuale per me. Non ho nemmeno visto l'host. Io vivo lì - "Ho salutato la mia mano la siepe invisibili in lontananza," e questo uomo Gatsby inviati tramite il suo autista, con un invito. "Per un attimo mi ha guardato come se non riusciva a capire.

"Sono Gatsby", disse a un tratto.

"Cosa?" Ho esclamato. "Oh, mi scusi".

"Pensavo che lo sapessi, vecchi sport. Ho paura che io non sono un ospite molto buona ".

Lui sorrise comprensiva, molto più comprensivo. E 'stato uno di quei rari sorrisi, con una qualità di rassicurazione eterna in essa, che ti potrebbe capitare di quattro o cinque volte nella vita. E 'di fronte, o sembrava faccia tutto il mondo esterno per un istante, e poi concentrati su di voi con un pregiudizio irresistibile a tuo favore. Capire che hai appena quanto si vuole essere capito, creduto in te come si vorrebbe credere in te stesso, e ha assicurato che era proprio l'impressione di voi che, al meglio, si spera di trasmettere. Proprio in quel punto è scomparso, e stavo guardando un collo elegante giovane rozzo, un anno o due più di trent'anni, i cui elaborati formalità del discorso appena perso è assurdo. Qualche tempo prima si presentò avevo avuto una forte impressione che stava raccogliendo le sue parole con cura.

Quasi nello stesso momento, quando il signor Gatsby si è identificato, un maggiordomo in fretta verso di lui con le informazioni di Chicago che lo chiama sul filo. Si scusò con un piccolo inchino che comprendeva ciascuno di noi a turno.

"Se vuoi qualcosa basta chiedere per essa, lo sport vecchio", mi incoraggiava. "Mi scusi. I will rientrare più tardi. "
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

ifabio

ifabio Admin 1334 Punti

VIP
Registrati via email