• Greco
  • Vi prego vi scongiuro...

Dirge
Dirge - Sapiens - 300 Punti
Rispondi Cita Salva
Zalve potete aiutarmi con queste versioni? Ve ne sarei infinitamente grato...

Lo Spartano Agesilao
Agesilaus Lacedaemonius a multis historicis et eximie a Xenophonte, Socratis discipulo,
collaudabatur,quia in magna amicitia erant. Agesilaus de regno cum Leotychide, fratris filio,
habebat,contentionem, quod propter antiquum institutum Lacedaemonii duos habebant semper reges, nomine magis quam impero, ex duabus familiis Procli et Eurysthenis, qui Spartae primi reges fuerunt. Mortuus erat Agis rex, frater Agesilai. Filium relinquit Leotychidem; is de honore regni cum Agesilao, patruo suo, contendit neque regnum obtinet. Nam Lysandri auxilio, viri factiosi et violenti, Agesilaus rex creatur.


La Fine di Pompei
Hora fere septima (qst significa "verso le 7" ) apparet in caelo nubes inusitata et inges, quae a Vesuvio monte ascendit. Iam cinis incidit, calidus et densus, iam pumices etiam nigriqueet ambusti lapides de caelo cadunt. Interim e Vesuviolatae flammae altaque incendia relucent. Multi Pompeiani fugiunt ad oram: cervicalia capitibus imponuntur et linteis constringuntur, ut (significa "come" ) munimentum adversus incidentia ("adversus incidentia" significa "contro ciò che cadeva dall'alto" ). Flammae et odor sulphuris, praenuntius flammarum, alios in fugam vertunt: nam tremor terrae perseveratet metus (significa "la paura" ) praevalet quia crebris vastisque tremoribus tecta nutant.Multa milia Pompeianorum exspirant, quoniam ob vapores mortiferos animae intercluduntur; totum oppidum mutatur et contegitur alto cinere tamquam nives cecidisset (tamquam nives cecidisset" significa "come se fosse nevicato" )


Pregiudizi Contro le Attività Commerciali
De artificiis talis est mea opinio: primum improbantur artes portitorum et feneratorum, nam in odia hominum incurrunt. Illiberalia autem et sordida sunt muneramecennariorum omnium, quia operas suas, non artes vendunt; illis ("illis" significa "a quelli" ) enim merces est auctoramentum servitutis. Sordidi etiam sunt homines qui ("che" ) a mercatoribus mercem emunt et statim magno lucro ("magno lucro" significa "con grande guadagno" ) vendunt; multum enim lucrum faciunt ob mendacium. Opificesque omnes in sordida arte vivunt. Tales enim artes non probamus, ministras voluptatum: <<Cetarii, lanii, coqui, factores, piscatores>>, ut dicit Terentius; adde etiam unguentarios, saltatores, totumque ludum talarium ( "ludum talariun" significa "spettacolo talario" ). Prudentia autem non mediocris utilitas sunt artificiis medicinae et architecturae.


Cerere, la dea delle Messi
Ceres, Iovis soros, magnos honores ab antiquis accipiebat, quod ingentia beneficia hominibus tribuebat. Olim homines feroces erant et in silvis habitabant, bestiarum carne vivebant et leges
agrorumque culturam ignorabant. Tum dea Ceres ferocium hominum mores sapienti consilio commutabat; da enim urbes aedificabat, scelera atrocia legibus coercebat, agrorum et arborum culturam sapienti diligentia monstrabat. Tali modo homines poma utilia frugesque copiosas colligebant et Cerem frugum daem colebant. Postea felices in vicis et in urbibus sedes stabiles collocabant.


Le ultime due versioni sono le più importanti, ovviamente non mi aspettoche mi aiutiate in tutte, se vi va potete aiutarmi in una sola (preferibilmente le ultime due)...
Vi ringrazio infinitamente!
Siete fantastici
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
AGESILAUS Lacedaemonius cum a ceteris scriptoribus tum eximie a Xenophonte Socratico collaudatus est; eo enim usus est familiarissime. 2 Hic primum de regno cum Leotychide, fratris filio, habuit contentionem. Mos erat enim a maioribus Lacedaemoniis traditus, ut duos haberent semper reges, nomine magis quam imperio, ex duabus familiis Procli et Eurysthenis, qui principes ex progenie Herculis Spartae reges fuerunt. 3 Horum ex altera in alterius familiae locum fieri non licebat. Ita utraque suum retinebat ordinem. Primum ratio habebatur, qui maximus natu esset ex liberis eius, qui regnans decessisset; sin is virilem sexum non reliquisset, tum deligebatur, qui proximus esset propinquitate. 4 Mortuus erat Agis rex, frater Agesilai. Filium reliquerat Leotychidem, quem ille natum non agnorat; eundem moriens suum esse dixerat. Is de honore regni cum Agesilao, patruo suo, contendit neque id, quod petivit, consecutus est. 5 Nam Lysandro suffragante, homine, ut ostendimus supra, factioso et his temporibus potente, Agesilaus antelatus est.

Agesilao, spartano, ebbe grandi lodi da tutti gli storici, ma in modo speciale da Senofonte, il discepolo di Socrate, al quale fu legato da intima amicizia. 2 Egli dapprima ebbe una contesa per il regno con Leotichide, figlio del fratello. Era infatti costume tramandato agli Spartani dagli antenati, che avessero sempre due re, di nome più che di potere effettivo, dalle due famiglie di Procle ed Euristene, che, della stirpe di Ercole, furono i primi re a Sparta. 3 Non era permesso diventare re da una di queste due famiglie, al posto dell'altra: così ognuna delle due seguiva la propria successione. Prima di tutto valeva il diritto di chi fosse il maggiore di età dei figli di chi fosse morto durante il regno; se poi questi non avesse lasciato eredi maschi, allora veniva scelto uno che fosse il più vicino nella linea di parentela. 4 Era morto il re Agide, fratello di Agesilao ed aveva lasciato il figlio Leotichide: non lo aveva riconosciuto alla nascita, ma morendo lo aveva dichiarato suo figlio. Questi contese ad Agesilao, suo zio paterno, la carica del regno, ma non riuscì ad ottenere quello a cui aspirava. 5 Infatti con il sostegno di Lisandro, uomo, come abbiamo detto sopra, fazioso ed a quel tempo potente, fu preferito Agesilao.

Vedi fino a dove ti serve se è questa!!
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Cerere,sorella di Giove,riceveva grandi onori dagli antichi,poichè egli attribuiva dei numerosi benefici agli uomini.
un tempo gli uomini erano feroci e abitavano nel bosco,vivevano di carne di bestiame:infatti ai tempi antichi avevano imparato la coltivazione e le leggi dei campi. in qst epoca la dea cambiò i costumi di feroci uomini cn sapienti consigli. dalla dea infatti furono costruite le città e furono diminuiti gli orribili delitti. furono insegnate la coltivazione dei campi e degli alberi cn sapienza e diligenza. in questo modo gli uomini raccolsero i frutti utili e coltivarono il frumento per la dea Cerere. Dopo molti anni ebbero una felice sede stabile
Dirge
Dirge - Sapiens - 300 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie, siete magnifici...
Non ho controllato se quelle di IPPLALA sn qll che cercavo...
Ma la prof mi deve dire grazie che gliene avrò fatta una, perchè
queste me le ha lasciate per punizione...

(mario quella tua sembrerebbe coincidere grazie!)
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego, cmq io ne ho postate 2 corrette, da quella di ipplala puo ricavare qualche frase
Dirge
Dirge - Sapiens - 300 Punti
Rispondi Cita Salva
Mario : Prego, cmq io ne ho postate 2 corrette, da quella di ipplala puo ricavare qualche frase

Ora che controllo...
Quella delle attività commerciali non corrisponde a quella mia....
Sapresti darmi indicazioni?
Grazie
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
é simile...la tua vers è una adattameno di quella che ho postato...
miticaaa
miticaaa - Sapiens - 750 Punti
Rispondi Cita Salva
mario...aiutami anke a me è urgente.....mariooooooooooooooooooooooooooooooo
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Mitica ma quante volte chiedi aiuto?Devi pensare che nn posso stare solo sul forum ad aiutare, ed io come glia altri abbiamo impegni personali!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

carletta a.

carletta a. Blogger 32023 Punti

VIP
Registrati via email