• Greco
  • versioni di greco e latino per domani(combo devastante)urgente!!

007gio
007gio - Sapiens - 423 Punti
Rispondi Cita Salva
la verione di greco è a pag. 67 del libro anthropoi la n.53 (è presa da plutarco)
si intitola "aristide e i diritti dell'aversario:due episodi esemplari"
Ο Αριδτειδης ισχυρòς ἦν αντιβαινειν ταῖς αδικιαις...

la versione di latino è questa:
spurius Lucretius pater et Collatinus cum Lucius Iunio Bruto comite Collatiam perveniunt et Lucretiam maestam in cubiculo inveniunt.Lucretia, dum lacrimat horribile facinus, sex.Tarquinii exponit, ultionemque petit; inde cultrum, quem sub veste abdiderat, extraxit et in corde defigit. conclamat vir paterque et contra regem coniurant. Tum Bruto pupulum concitavit:in foto orationem habuit de vi ac libidine Sex.Tarquinii de strupro infando Lucretiae et miserabili morte; memoravit etiam de superbia regis, de miseria et laboribus plebis.postquam inflammaverat fortes animos ad libertatis cupiditatem,iuvenum moltitudinem collegit et Ardeam contendit.Ut nuntium repentis seditionis ad Tarquinii aures pervenit, rex celeri itinere romam petivit, sed ab urbe exclusus expulsusqueest. Brutus liberator patriae acclamatus est et cum Lucius Tarquinio Collatino consul creatus est.


inoltre ci sarebbe anche questa:
lucretia, collatini uxor, pudicitia, solertia, nobiltate inter matronas romanas eminebat: nam convivia luxuriamque spernebat, die nocteque domi inter ancillas telam texebat.Dum Collatinus longa acrique obsidione apud ardeam retinetur, sex.Tarquinius cum comite uno collatiampervenit ibique a Lucretia, ignara consilii eius, benigne acceptus est.post cenam in hospitali cubiculo deductus est, sed amore erdens ad Lucretiam dormientem cum gladio appropinquavit atque minaci voce dixit:"tace Lucretia, sextus Tarquinius sum; ferrum in dextera teneo:vitam amittes, si vocem emiseris".Ut primum mulier ex somno exitata est, pavida mortem imminentem vidit:Tarquinius vere amorem suum aperiebat, orabat, miscebat precibus minas, in omnes patres muliebrem animum vexabat.Tandem victrix libido abstinatam pudicitiam vi vicit et decus muliebre a feroci Tarquinio expugnatus est.

grazie mille in anticipo
se_rena
se_rena - Genius - 2188 Punti
Rispondi Cita Salva
spurius Lucretius pater et Collatinus cum Lucius Iunio Bruto comite Collatiam perveniunt et Lucretiam maestam in cubiculo inveniunt.Lucretia, dum lacrimat horribile facinus, sex.Tarquinii exponit, ultionemque petit; inde cultrum, quem sub veste abdiderat, extraxit et in corde defigit. conclamat vir paterque et contra regem coniurant. Tum Bruto pupulum concitavit:in foto orationem habuit de vi ac libidine Sex.Tarquinii de strupro infando Lucretiae et miserabili morte; memoravit etiam de superbia regis, de miseria et laboribus plebis.postquam inflammaverat fortes animos ad libertatis cupiditatem,iuvenum moltitudinem collegit et Ardeam contendit.Ut nuntium repentis seditionis ad Tarquinii aures pervenit, rex celeri itinere romam petivit, sed ab urbe exclusus expulsusqueest. Brutus liberator patriae acclamatus est et cum Lucius Tarquinio Collatino consul creatus est.
----------------------------------------------------------------
Il padre Lucrezio e Cornelio con il compagno Bruto giunsero a (Colatiam) e trovarono nella stanza Lucrezia triste. Lucrezia, mentre piange, espone la tremenda offesa di Tarquinio, e chiede vendetta. Poi estrae il coltello che aveva nascosto sotto la veste e si trafisse. Gridano il padre e il marito e congiurano contro il re. Allora Bruto eccitò il popolo: nel foro tenne un'orazione sulla forza e libidine di Tarquinio, sullo stupro nefasto di Lucrezia e sulla miserabile morte di Lucrezia. Ricordò anche della superbia del re, della miseria e delle fatiche della plebe. Dopo che aveva infiammato gli animi forti al desiderio di libertà, unì la moltitudine dei giovani e si diresse ad ardea. COme giunse alle orecchie di Tarquinio la notizia dell'imminente ribellione, il re con un celere itinerario si diresse a roma, ma venne cacciato e espulso dalla città. Bruto venne acclamato liberatore della patria e venne creato console con Collatino.



lucretia, collatini uxor, pudicitia, solertia, nobiltate inter matronas romanas eminebat: nam convivia luxuriamque spernebat, die nocteque domi inter ancillas telam texebat.Dum Collatinus longa acrique obsidione apud ardeam retinetur, sex.Tarquinius cum comite uno collatiampervenit ibique a Lucretia, ignara consilii eius, benigne acceptus est.post cenam in hospitali cubiculo deductus est, sed amore erdens ad Lucretiam dormientem cum gladio appropinquavit atque minaci voce dixit:"tace Lucretia, sextus Tarquinius sum; ferrum in dextera teneo:vitam amittes, si vocem emiseris".Ut primum mulier ex somno exitata est, pavida mortem imminentem vidit:Tarquinius vere amorem suum aperiebat, orabat, miscebat precibus minas, in omnes patres muliebrem animum vexabat.Tandem victrix libido abstinatam pudicitiam vi vicit et decus muliebre a feroci Tarquinio expugnatus est.
-----------------------------------------------------------
Lucrezia, moglie di Collatino, emergeva tra le matrone romane per pudicizia, solerzia e nobiltà: infatti disprezzava i banchetti ed il lusso e giorno e notte in casa tra la ancelle tesseva la tela. Mentre Collatino era impegnato in una lunga ed aspra discussione presso Ardea, Sesto Tarquinio con un compagno giunse nella casa di Collatino e qui fu accolto benigniamente da Lucrezia, ignara della sua intenzione. Dopo la cena, fu portato in una stanza ospitale, ma ardendo d'amore si avvicinò a Lucrezia che dormiva con un gladio e con voce minacciosa disse: "Taci Lucrezia, sono Sesto Tarquinio; tengo nella mano destra una spada: perderai la vita se parlerai.". Come prima cosa la donna svegliata dal sonno, vide paurosa la morte che si avvicinava: Tarquinio le confessava il suo vero amore, supplicava, mescolava alle preghiere le minaccia, attaccava da tutte le parti l'animo della donna. Tuttavia vinse con la forza della libidine l'ostinata pudicizia e la castità muliebre fu espugnata dal feroce Tarquinio.



ho trovato solo queste , quella di greco no!
007gio
007gio - Sapiens - 423 Punti
Rispondi Cita Salva
a verione di greco è a pag. 67 del libro anthropoi la n.53 (è presa da plutarco)
si intitola "aristide e i diritti dell'aversario:due episodi esemplari"
Ο Αριδτειδης ισχυρòς ἦν αντιβαινειν ταῖς αδικιαις...

vi prego qualcun altro la può tradurre?
cmq grazie mille per quelle di latino
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
nRT

nRT Moderatore 2787 Punti

VIP
Registrati via email