• Greco
  • versione di greco e latino.

luscinia
luscinia - Habilis - 180 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao,avrei bisogno di confrontare due versioni.
Una di latino di Seneca intitolata "Moderazione di Socrate e di Pisistrato" , dal quarto tomo del libro Discipulus ,pag 181 n°1.
Socratem aiunt colapho percussum nihil amplius dixisse quam molestum esse,quod nescirent homines, quando cum galea prodire deberent.Non quemadmodum facta sit iniuria refert, sed quemadmodum lata; nec video quare difficilis sit modertio, cum sciam tyrannorum quoque tumida et fortuna et licentia ingenia familiarem sibi saevitiam repressisse.
Pisistratum certe,Atheniensium tyrannum, memoriae proditur cum multa in crudelitatem eius ebrius conviva dixisset nec deessent, qui vellent manus ei commodare, et alius hinc alius illinc faces subderent,placido animo tulisse et hoc irritantibus respondisse,non magis illi se suscensere quam si quis obligatis oculis in se incurrisset.

L'altra è di greco di Senofonte intitolata "I compiti della donna di casa", dal secondo volume degli esercizi del libro Manuale del greco antico, edizione rossa,pag 628 n°281.

Δεήσει μεντοι σε ενδον τε μενειν και οις μεν αν εξω το εργον ᾖ των οικετων, οτυτους συνεκπεμπειν, οις δ' αν ενδον εργον εργαστεον,τουτων σοι επιστατεον,και τε εισφερομενα αποδεκτεον και ἃ μεν αν αυτων δεῃ δαπαναν σοι διανεμητεον, α δ'αν περιττευειν δεῃ προνοητεον και φυλακτεον οπως μή ἡ εις τον ενιαυτον κειμενη δαπανη εις τον μῆνα δαπαναται.Και οταν ερια εισενεχθῇ σοι, επιμελητεον οπως οις δει ιματια γιγνηται. Και ο γε ξηρος σιτος οπως καλως εδωδιμος γιγνηται επιμελητεον . εν μεντοι τωον σοι προσηκοντων επιμεληματων ισως αχαριστοτερον δοξει ειναι,οτι, ος αν καμνῃ των οικετων,τουτων σοι επιμελητεον παντων οπως θεραπευηται

Spero mi possiate aiutare sono davvero molto importanti.Fatemi sapere appena potete.Aspetto presto vostre notizie.Ciao!!
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
"Moderazione di Socrate e di Pisistrato"

Socratem aiunt colapho percussum nihil amplius dixisse quam molestum esse,quod nescirent homines, quando cum galea prodire deberent.Non quemadmodum facta sit iniuria refert, sed quemadmodum lata; nec video quare difficilis sit modertio, cum sciam tyrannorum quoque tumida et fortuna et licentia ingenia familiarem sibi saevitiam repressisse.
Pisistratum certe,Atheniensium tyrannum, memoriae proditur cum multa in crudelitatem eius ebrius conviva dixisset nec deessent, qui vellent manus ei commodare, et alius hinc alius illinc faces subderent,placido animo tulisse et hoc irritantibus respondisse,non magis illi se suscensere quam si quis obligatis oculis in se incurrisset.

Si racconta che Socrate, colpito da un pugno, non avesse detto niente di più se non quanto fosse fastidioso il fatto che la gente non sapesse, quando doveva uscire con l'elmo. Non importa in che modo sia stata fatta l'offesa, ma in che modo sia stata sopportata ; e non vedo perchè sia difficile la moderazione, sapendo che anche i caratteri dei tiranni, tronfi ( orgogliosi ) sia del loro successo sia del loro libero potere, repressero la crudeltà a loro abituale. Si tramanda con certezza che Pisistrato, tiranno degli Ateniesi, dopo che un convitato ubriaco aveva detto molte cose contro la sua crudeltà e poichè non mancava chi voleva prestargli le mani e chi da una parte chi dall'altra gli metteva sotto delle fiaccole, avesse sopportato ciò con animo sereno e avesse risposto a quelli che incitavano questa cosa che lui non si irritava con quello più di quanto avrebbe fatto, se uno si fosse scontrato con lui a occhi bendati.

"I compiti della donna di casa"

Δεήσει μεντοι σε ενδον τε μενειν και οις μεν αν εξω το εργον ᾖ των οικετων ( = relativa prolettica ), οτυτους συνεκπεμπειν, οις δ' αν ενδον εργον εργαστεον ( = relativa prolettica ),τουτων σοι επιστατεον,και τε εισφερομενα αποδεκτεον και ἃ μεν αν αυτων δεῃ δαπαναν ( = relativa prolettica ) σοι διανεμητεον, α δ'αν περιττευειν δεῃ ( = relativa prolettica ) προνοητεον και φυλακτεον // οπως ( = completiva ) μή ἡ εις τον ενιαυτον κειμενη δαπανη εις τον μῆνα δαπαναται.Και οταν ερια εισενεχθῇ σοι ( = temporale eventuale ), επιμελητεον οπως ( = completiva ) οις δει ιματια γιγνηται. Και ο γε ξηρος σιτος οπως ( = completiva ) καλως εδωδιμος γιγνηται επιμελητεον . εν μεντοι τωον σοι προσηκοντων επιμεληματων ισως αχαριστοτερον δοξει ειναι,οτι ( = dichiarativa ), ος αν καμνῃ των οικετων ( = relativa eventuale ),τουτων σοι επιμελητεον παντων οπως θεραπευηται ( = finale )

aggettivi verbali di "dovere" corrispondenti alla perifrastica passiva latina

Sarà necessario dunque che tu rimanga in casa e che mandi via insieme quelli dei servi, che abbiano una lavoro fuori, e tu devi sovrintendere a quelli, che devono eventualmente lavorare in casa, e devi ricevere le cose portate e e devi distribuire quelle di esse che bisogna spendere, e devi prevedere quelle che devono avanzare e devi sorvegliare che il denaro da spendere previsto per l'anno non sia speso in un mese. E quando ti viene portata della lana, devi prenderti cura che si facciano delle vesti per chi ne ha bisogno. E devi curarti anche che il grano secco diventi ben commestibile. Uno solo dei còmpiti che spettano a te forse dovrà sembrare un po' sgradito, cioè il fatto che, se qualcuno dei servi si ammala, devi occuparti di tutto ciò perchè venga curato.

ciao luscinia :hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 281 Punti

Comm. Leader
eleo

eleo Moderatore 18296 Punti

VIP
Registrati via email