daddo--093
daddo--093 - Genius - 2711 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao sono nuovo..spero di aver fatto tt giusto..potete tradurmi qst versione?

ex Macedonum gente duo reges nobiles(famosi) fuerunt, qui multo ceteros antecesserunt fortuna et rerum gestarum gloria: Philippus, Amynthae filius, et filius eius Alexander, quem Magnum posteri appellaverunt. Uterque cupidissimus gloriae et dominatus fuit. Horum alter Babylone morbo aut veneno - nam utramque famam historici tradiderunt - decessit; alterum in Peloponneso Pausania quidam sica interfecit. Eiusdem gentis fuit Pyrrhus, qui artis bellicae peritissimus idemque mani fortissimus fuit. Neque Dionysium omittere possumus, qui Syracusis per multos annos felicissime regnavit et multa praeclara fecit. Nam - id quod non facile in tyranno reperire possumus - minime avarus fuit, nullius rei cupidus nisi perpetuae potestatis. Ut hanc servaret crudelissime se gessit contra eos, quos sibi adversos iudicabat et cognatos suos ipse interemit. Hic, cum sibi virtute tyrannidem peperisset, eam retinuit maxima felicitate(fortuna): nam ultra sexagesimum annum decessit, neque cuiusquam ex sua progenie funus vidit.


rispondetemii!!
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
ex Macedonum gente duo reges nobiles(famosi) fuerunt, qui multo ceteros antecesserunt fortuna et rerum gestarum gloria: Philippus, Amynthae filius, et filius eius Alexander, quem Magnum posteri appellaverunt. Uterque cupidissimus gloriae et dominatus fuit. Horum alter Babylone morbo aut veneno - nam utramque famam historici tradiderunt - decessit; alterum in Peloponneso Pausania quidam sica interfecit. Eiusdem gentis fuit Pyrrhus, qui artis bellicae peritissimus idemque mani ( ??) fortissimus fuit. Neque Dionysium omittere possumus, qui Syracusis per multos annos felicissime regnavit et multa praeclara fecit. Nam - id quod non facile in tyranno reperire possumus - minime avarus fuit, nullius rei cupidus nisi perpetuae potestatis. Ut hanc servaret crudelissime se gessit contra eos, quos sibi adversos iudicabat et cognatos suos ipse interemit. Hic, cum sibi virtute tyrannidem peperisset, eam retinuit maxima felicitate(fortuna): nam ultra sexagesimum annum decessit, neque cuiusquam ex sua progenie funus vidit.

della popolazione dei Macedoni furono famosi due re , che prevalsero di molto sugli altri per buona sorte e per la gloria delle imprese : Filippo, figlio di Aminta, e suo figlio Alessandro, che i posteri chiamarono "il Grande". Entrambi furono desiderosissimi di gloria e di potere. Uno di questi morì a Babilonia per un malattia o per un veleno - in effetti gli storici trasmisero entrambe le notizie - ; un certo Pausania uccise l'altro nel Peloponneso con un pugnale. Della medesima stirpe fu Pirro , che fu espertissimo dell'arte della guerra e nello stesso tempo assai coraggioso. E non possiamo tralasciare Dionisio, che regnò con grande fortuna a Siracusa per molti anni e compì molte illustri imprese. Infatti - cosa che non possiamo trovare facilmente in un tiranno - non fu affatto avido, ambizioso di nulla se non di un eterno potere. Per mantenerlo si comportò con estrema crudeltà nei confronti di coloro, che considerava ostili a lui, e in persona uccise anche dei suoi parenti. Questo, essendosi procurato la tirannide con la virtù, la mantenne con grandissima fortuna : infatti morì oltre il sessantesimo anno d'età, e non vide il funerale di nessuno della sua prole.

ciao daddo--093 :hi
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
http://www.skuola.net/forum/latino-greco/eddaiiii-22886.html

NON APRITE THREAD DOPPI.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email