• Greco
  • perfavore aiutatemi

__MR13408__
__MR13408__ - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti, sono nuova di qui.
Mi servirebbe la traduzione di una versione di latino...
è dalle EPISTULAE di Cicerone a Attico.
Su internet c'è ma manca la traduzione italiana...

la versione è questa:
nondum videris perspicere quam me nec Antonius commovent nec quicquam iam eius modi possit commovere. de Terentia autem scripsi ad te eis litteris quas dederam pridie. quod me hortaris ut dissimulem me tam graviter dolere, possumne magis quam quom totos dies consumo in litteris? quod etsi non dissimulationis sed potius leniendi et sanandi animi causa facio, tamen si mihi minus proficio simulationi certe facio satis.
Minus multa ad te scripsi, quod exspectabam tuas litteras ad eas quas pridie dederam. exspectabam autem maxime de fano, non nihil etiam de Terentia. velim me facias certiorem proximis litteris Cn. Caepio vivone patre suo naufragio perierit an mortuo, item Rutilia vivone C. Cotta filio suo mortua sit an mortuo. pertinent ad eum librum quem de luctu minuendo scripsimus.

perfavore aiutatemi, è per domani...

grazie
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
nondum videris perspicere quam me nec Antonius commovent [ dovrebbe essere "commoverit"...ho controllato nel testo originale ] nec quicquam iam eius modi possit commovere. de Terentia autem scripsi ad te eis litteris quas dederam pridie. quod me hortaris ut dissimulem me tam graviter dolere, possumne magis quam quom totos dies consumo in litteris? quod etsi non dissimulationis sed potius leniendi et sanandi animi causa facio, tamen si mihi minus proficio simulationi certe facio satis.
Minus multa ad te scripsi, quod exspectabam tuas litteras ad eas quas pridie dederam. exspectabam autem maxime de fano, non nihil etiam de Terentia. velim me facias certiorem proximis litteris Cn. Caepio vivone patre suo naufragio perierit an mortuo, item Rutilia vivone C. Cotta filio suo mortua sit an mortuo. pertinent ad eum librum quem de luctu minuendo scripsimus.

mi sembra che tu non noti ancora quanto nè Antonio mi abbia commosso nè mi possa commuovere nulla di tal genere ; a proposito di Terenzia, poi, ti ho scritto nella lettera, che consegnai ieri. Quanto al fatto che mi inviti a fingere che io sia tanto fortemente addolorato, potrei farlo di più di quanto faccia quando trascorro intere giornate negli studi di lettere ? e anche se faccio ciò non tanto per finzione, quanto piuttosto per risollevare e risanare il mio spirito, tuttavia, se faccio meno progressi per me, almeno certamente faccio abbastanza per simulare. Non scrivo tante parole a te, perchè aspetto la tua lettera in risposta a quella, che consegnai ieri. Mi aspetto inoltre qualcosa soprattutto riguardo al tempio, e qualcosa anche su Terenzia. Vorrei che nella prossima lettera tu mi informassi se Cepione sia morto nel naufragio quando era ancora vivo suo padre o era morto, e allo stesso modo se Rutilia sia perita, quando suo figlio Cotta era ancora vivo o era già morto. Sono richieste che riguardano quel libro che ho scritto sull'alleviazione del dolore.

ciao __MR13408__ :hi...benvenuta !
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email