• Greco
  • i veri beni (II) [VITRUVIO]

    closed post
IlGuista
IlGuista - Eliminato - 1431 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao raga avrei bisogno di questa versione

i veri beni (II) [VITRUVIO]

inizio: epicurus vero non dissimiliter......fine:....ad summum exitum vitae.
rapper
rapper - Genius - 19267 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco la traduzione:

Epicurus vero non dissimiliter ait: pauca sapientibus fortunam tribuere, quae autem maxima et necessaria sunt, animi mentisque cogitationibus gubernari. Haec ita etiam plures philosophi dixerunt. Non minus poetae, qui antiquas comoedias graece scripserunt, easdem sententias versibus in scaena pronuntiaverunt, ut Crates, Chionides, Aristophanes, maxime etiam cum his Alexis, qui Athenienses ait oportere ideo laudari, quod omnium Graecorum leges cogunt parentes <ali> a liberis, Atheniensium non omnes nisi eos, qui liberos artibus erudissent. Omnia enim munera fortunae cum dantur, ab ea faciliter adimuntur; disciplinae vero coniunctae cum animis nullo tempore deficiunt, sed permanent stabiliter ad summum exitum vitae.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Certo Epicuro non diversamente afferma che pochi beni la fortuna assegna ai sapienti,ma quelli che sono i più grandi e necessari sono governati dai pensieri dell'animo e della mente.Diversi filosofi altresì così espressero queste considerazioni.Nondimeno dei poeti che scrissero in greco antiche commedie pronunciarono sulla scena in versi gli stessi pensieri ,come Eucrate,Chionide,Aristofane,sopratutto anche con costoro Alessi,che afferma essere opportuno che gli Ateniesi siano lodati per il motivo che le leggi di tutti i Greci sanciscono che i genitori siano mantenuti dai figli,quelle degli Ateniesi non tutti i genitori ma solo quelli che istruirono i figli nelle arti.Poichè tutti i doni della fortuna come sono dati da essa sono facilmente tolti,invece le scienze congiunte alle facoltà spirituali non vengono mai meno, ma permangono facilmente fino all'estrema fine della vita.

Ciao :hi
IlGuista
IlGuista - Eliminato - 1431 Punti
Rispondi Cita Salva
no ragazzi scusate ma ho sbagliato versione era quella sotto...quindi CLEOBI E BITONE di CICERONE

inizio: deorum immortalium iudicia rhetores....fine:....eo die mortui sunt reperti
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Nulla...
IlGuista
IlGuista - Eliminato - 1431 Punti
Rispondi Cita Salva
mi serviva in particolare questa frase:

QUIBUS APOLLO SE ID DATURUM OSENDIT POST EIUS DIEI DIEM TERTIUM; EO DIE MORTUI SUNT REPERTI.
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Ai quali con Apollo mostrò di darsi dopo tre giorni, quel giorno stesso furono trovati
morti.

Però servirebbe il contesto
giasoneit
giasoneit - Sapiens Sapiens - 1746 Punti
Rispondi Cita Salva
scrivi correttamente che versione è o se è risolto problema . Ciao
IlGuista
IlGuista - Eliminato - 1431 Punti
Rispondi Cita Salva
risolto il problema grazie!!
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Bene allora chiudo.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email