• Greco
  • Due versioni entro Domenica URGENTISSIME

    closed post
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Cerere e Prometeo
Antiquissimis temporibus homines vitam asperrimam degebant, pecudumque quam deorum vitae similiorem. Agriculturae omnino imperiti et plurimis periculis obnoxii, agros silvasque peragrabant tempus degentes ferarum more. Primum Ceres, misericordia(abl.) motà, hominum condiciones sublevare studuit: nam dea, mater frugum, animo benevolentissimo frumenti usum docuit. Postea etiam Prometheus optavit hominibus genus vitae minus asperum magisque idoneum humanae infirmitati. Minervae auxilio Titanus in caelum ascendit, ignem surripuit, super terras in ferula condìtum gessit hominibusque donavit. Res prospere evenerat, sed luppiter dolum detexit Prometheumque saevissimo supplicio punivit: ad rupem in Caucaso ferreis clavis fixit, aquilaque iecur noctu recrescens interdiu vorabat. Prometheus igitur poenas dedit, sed ignis dono hominum condiciones in melius mutavit. Ideo totus orbis terrarum Cererem et Prometheum ut maximorum beneficiorum auctores celebravit, semperque omnibus aevis celebrabit.


Le moine...dell'asino
In villa hominis ditissimi, praeter alia animalia, etiam asinus et catulus erant. Asinus blanditias et maximam domini benevolentiam erga catulum saepe videbat, ideoque olim ita cogitavit: “Profecto animalium condicio iniquissima est: nam dominus meus infimum et nuliius momenti animai diligit. Ego maior et fortior sum cane, praeterea auxilium meum utiius in plurimis rebus est; ego quoque igitur plures honores et maiorem benevolentiam obtinebo, si par obsequium domino praestitero”. Dum iumentum sic cogitat, dominus in stabulum intrat. Statim asinus obviam accurrit: caudam agitat, vehementer rudit, invenuste huc illuc exsultat et in dominum insilit: pedes anteriores humeris imponit. et lingua, ut catulus, collum vultumque lambit, sordidissimis ungulis nitidissimam vestem foedat atque dilacerat, dum toto corpore laetitia(abl.) fremit. Dominus perterritus clamat celerrimeque servi accurrunt: impùdens animal saevis verberibus percutiunt semianimumque ad praesepe vinciunt.

Mi potete dire su quale sito ci stanno o me le traducete.
Ringrazio chi risp.

Questa risposta è stata cambiata da marios46 (29-04-07 11:55, 9 anni 5 mesi 8 giorni )
alicia
alicia - Sapiens Sapiens - 881 Punti
Rispondi Cita Salva
Questa è la prima:
Cerere e Prometeo
Antiquissimis temporibus homines vitam asperrimam degebant, pecudumque quam deorum vitae similiorem. Agriculturae omnino imperiti et plurimis periculis obnoxii, agros silvasque peragrabant tempus degentes ferarum more. Primum Ceres, misericordia(abl.) motà, hominum condiciones sublevare studuit: nam dea, mater frugum, animo benevolentissimo frumenti usum docuit. Postea etiam Prometheus optavit hominibus genus vitae minus asperum magisque idoneum humanae infirmitati. Minervae auxilio Titanus in caelum ascendit, ignem surripuit, super terras in ferula condìtum gessit hominibusque donavit. Res prospere evenerat, sed luppiter dolum detexit Prometheumque saevissimo supplicio punivit: ad rupem in Caucaso ferreis clavis fixit, aquilaque iecur noctu recrescens interdiu vorabat. Prometheus igitur poenas dedit, sed ignis dono hominum condiciones in melius mutavit. Ideo totus orbis terrarum Cererem et Prometheum ut maximorum beneficiorum auctores celebravit, semperque omnibus aevis celebrabit.

In tempi molto antichi gli uomini passavano una vita assai difficile, e più simile alla vita degli animali che degli dei. Completamente inesperti nell’agricoltura e soggetti a molti pericoli, percorrevano campi e boschi trascorrendo il tempo con l’abitudine dei selvaggi. Per primo Cerere, spinta dalla misericordia, si dedicò a sollevare le condizioni degli uomini: infatti la dea, madre dei frutti, insegnò con spirito molto benevolo l’uso del grano. Poi anche Prometeo scelse per gli uomini un modo di vita meno difficile e più idoneo alla debolezza umana. Con l’aiuto di Minerva Titano salì in cielo, rubò il fuoco, lo portò sopra le terre nascosto in una canna e lo donò agli uomini. Il fatto era capitato (si era compiuto) favorevolmente, ma Giove scoprì l’inganno e punì Prometeo con un ferocissimo supplizio: lo attaccò con chiodi di ferro a un grosso sasso nel Caucaso, e l’aquila divorava il fegato di notte che ricresceva durante il giorno. Prometeo allora pagò i castighi (?), ma con il dono del fuoco cambiò in meglio le condizioni degli uomini. Perciò tutto il mondo festeggiò Cerere e Prometeo come autori dei massimi benefici, e sempre nei tempi li celebrerà
:yes
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie 1000 per la prima versione. Ora cerco aiuto per la seconda. Ancora grazie alicia
alicia
alicia - Sapiens Sapiens - 881 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco la 2^ versione.
Le moine...dell'asino
In villa hominis ditissimi, praeter alia animalia, etiam asinus et catulus erant. Asinus blanditias et maximam domini benevolentiam erga catulum saepe videbat, ideoque olim ita cogitavit: “Profecto animalium condicio iniquissima est: nam dominus meus infimum et nuliius momenti animai diligit. Ego maior et fortior sum cane, praeterea auxilium meum utilius in plurimis rebus est; ego quoque igitur plures honores et maiorem benevolentiam obtinebo, si par obsequium domino praestitero”. Dum iumentum sic cogitat, dominus in stabulum intrat. Statim asinus obviam accurrit: caudam agitat, vehementer rudit, invenuste huc illuc exsultat et in dominum insilit: pedes anteriores humeris imponit. et lingua, ut catulus, collum vultumque lambit, sordidissimis ungulis nitidissimam vestem foedat atque dilacerat, dum toto corpore laetitia(abl.) fremit. Dominus perterritus clamat celerrimeque servi accurrunt: impùdens animal saevis verberibus percutiunt semianimumque ad praesepe vinciunt.

Nella casa dell’uomo molto ricco, oltre agli altri animali, c’erano anche l’asino e il cagnolino. L’asino spesso vedeva le carezze e la grandissima benevolenza del padrone verso il cagnolino, e perciò una volta così pensò: “Senza dubbio la condizione degli animali è molto ingiusta: infatti il mio padrone apprezza/ama….(non ho ben capito questa frase)
Io sono più grande e forte del cane, inoltre il mio aiuto è più utile in moltissime cose; insomma io ottenevo anche più lodi e maggiore benevolenza, se avrò mostrato (mostrerò) al padrone uguale obbedienza”.
Mentre l’asino pensa così, il padrone entra nella stalla. Subito l’asino gli corre incontro: agita la coda, ragliò energicamente, senza grazia salta qua e là e balza sopra al padrone: mette le zampe anteriori sopra le spalle e con la lingua, come un cucciolo, lecca il volto e il collo, macchia e strappa con le unghie sporchissime la pulitissima veste, mentre freme con tutto il corpo di felicità. Il padrone spaventato chiama velocissimamente e i servi accorrono: colpiscono con delle violenti bastonate lo sfrontato animale e morente lo legano al recinto.

;) ciao
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Alicia ti ringrazio tantissimo per le 2 versioni. marios46
alicia
alicia - Sapiens Sapiens - 881 Punti
Rispondi Cita Salva
di nulla!! :thx
Classika
Classika - Genius - 7012 Punti
Rispondi Cita Salva
grande alicia.... kiudo visto che è tutto risolto
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho riaperto questo thread poichè marios mi ha supplicato di tradurre nuovamente le versioni che la sua professoressa gli aveva assegnato per casa, in quanto, dopo averle presentato le traduzioni di alicia, la stessa professoressa si era lamentata dicendo che erano sbagliate e impondogli di portarle corrette la volta successiva. Si è rivolto a me, chiedendo aiuto.

L'unica cosa che posso dirti, marios, è che, vista la lamentela della tua professoressa, io non ho corretto la traduzione di alicia, ma anzi ho tradotto la prima versione senza guardare ciò che aveva postato alicia; eccoti la mia traduzione:

Cerere e Prometeo

Antiquissimis temporibus homines vitam asperrimam degebant, pecudumque quam deorum vitae similiorem. Agriculturae omnino imperiti et plurimis periculis obnoxii, agros silvasque peragrabant tempus degentes ferarum more. Primum Ceres, misericordia(abl.) motà, hominum condiciones sublevare studuit: nam dea, mater frugum, animo benevolentissimo frumenti usum docuit. Postea etiam Prometheus optavit hominibus genus vitae minus asperum magisque idoneum humanae infirmitati. Minervae auxilio Titanus in caelum ascendit, ignem surripuit, super terras in ferula condìtum gessit hominibusque donavit. Res prospere evenerat, sed luppiter dolum detexit Prometheumque saevissimo supplicio punivit: ad rupem in Caucaso ferreis clavis fixit, aquilaque iecur noctu recrescens interdiu vorabat. Prometheus igitur poenas dedit, sed ignis dono hominum condiciones in melius mutavit. Ideo totus orbis terrarum Cererem et Prometheum ut maximorum beneficiorum auctores celebravit, semperque omnibus aevis celebrabit.

In tempi antichissimi gli uomini passavano una vita durissima, e più simile alla vita degli animali che degli dei. Completamente inesperti dell’agricoltura e soggetti a moltissimi pericoli, percorrevano i campi e i boschi trascorrendo il tempo come selvaggi. Per prima Cerere, spinta dalla misericordia, cercò di sollevare le condizioni degli uomini: infatti la dea, madre della raccolta, con animo molto benevolo insegnò l’uso del frumento. In seguito anche Prometeo scelse per gli uomini un modo di vita meno difficile e più idoneo alla debolezza umana. Con l’aiuto di Minerva Prometeo salì in cielo, rubò il fuoco, lo portò sulla terra nascondendolo in una ferula e lo donò agli uomini. La situazione si era messa favorevolmente, ma Giove scoprì l’inganno e punì Prometeo con un durissimo castigo: lo immobilizzò con chiodi di ferro a una roccia sul Caucaso, e un’aquila gli divorava l’anima di notte, la quale rinasceva di giorno. Dunque Prometeo fu punito, ma con il dono del fuoco migliorò le condizioni degli uomini. Per questo motivo tutto il mondo festeggiò Cerere e Prometeo come autori dei massimi benefici, e li celebrerà sempre per l’eternità.
Inserisco anche il testo di alicia qui sotto:

In tempi molto antichi gli uomini passavano una vita assai difficile, e più simile alla vita degli animali che degli dei. Completamente inesperti nell’agricoltura e soggetti a molti pericoli, percorrevano campi e boschi trascorrendo il tempo con l’abitudine dei selvaggi. Per primo Cerere, spinta dalla misericordia, si dedicò a sollevare le condizioni degli uomini: infatti la dea, madre dei frutti, insegnò con spirito molto benevolo l’uso del grano. Poi anche Prometeo scelse per gli uomini un modo di vita meno difficile e più idoneo alla debolezza umana. Con l’aiuto di Minerva Titano salì in cielo, rubò il fuoco, lo portò sopra le terre nascosto in una canna e lo donò agli uomini. Il fatto era capitato (si era compiuto) favorevolmente, ma Giove scoprì l’inganno e punì Prometeo con un ferocissimo supplizio: lo attaccò con chiodi di ferro a un grosso sasso nel Caucaso, e l’aquila divorava il fegato di notte che ricresceva durante il giorno. Prometeo allora pagò i castighi (?), ma con il dono del fuoco cambiò in meglio le condizioni degli uomini. Perciò tutto il mondo festeggiò Cerere e Prometeo come autori dei massimi benefici, e sempre nei tempi li celebrerà

...Ma devo dire che la traduzione fatta da alicia è CORRETTA :yes! Ora, non volendo inveire contro la tua professoressa, l'unica spiegazione è che sia successo qualcosa prima che l'ha fatta arrabbiare e che lei non abbia nemmeno guardato le traduzioni, ma per ripicca ti abbia detto che erano sbagliate...altrimenti deve riprendere in mano qualche libro di grammatica...:lol
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
non so il perchè abbia detto che erano sbagliate. ti ringrazio per il momento della prima
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
La seconda è una versione stra nota che tutti fanno in prima: io ricordo dall'anno scorso cosa succedeva in questo episodio, perciò, al di là semmai di qualche errore grammaticale, non posso sbagliare! E, anche in questo caso, alicia ha tradotto benissimo ;); ho solo corretto una o due cose:

Le moine...dell'asino

In villa hominis ditissimi, praeter alia animalia, etiam asinus et catulus erant. Asinus blanditias et maximam domini benevolentiam erga catulum saepe videbat, ideoque olim ita cogitavit: “Profecto animalium condicio iniquissima est: nam dominus meus infimum et nuliius momenti animai diligit. Ego maior et fortior sum cane, praeterea auxilium meum utilius in plurimis rebus est; ego quoque igitur plures honores et maiorem benevolentiam obtinebo, si par obsequium domino praestitero”. Dum iumentum sic cogitat, dominus in stabulum intrat. Statim asinus obviam accurrit: caudam agitat, vehementer rudit, invenuste huc illuc exsultat et in dominum insilit: pedes anteriores humeris imponit. et lingua, ut catulus, collum vultumque lambit, sordidissimis ungulis nitidissimam vestem foedat atque dilacerat, dum toto corpore laetitia(abl.) fremit. Dominus perterritus clamat celerrimeque servi accurrunt: impùdens animal saevis verberibus percutiunt semianimumque ad praesepe vinciunt.

Nella casa dell’uomo ricchissimo, oltre agli altri animali, c’erano anche l’asino e il cagnolino. L’asino spesso vedeva le carezze e la grandissima benevolenza del padrone verso il cagnolino, e perciò una volta pensò questo: “Senza dubbio la condizione degli animali è molto ingiusta: infatti il mio padrone ama l’animale più basso e di nessuna importanza. Io sono più grande e più forte del cane, inoltre il mio aiuto è più utile in moltissime situazioni; dunque io otterrò anche più lodi e maggiore benevolenza, se mostrerò al padrone uguale obbedienza”. Mentre l’asino pena così, il padrone entra nella stalla. Subito l’asino gli corre incontro: agita la coda, raglia energicamente, salta qua e là senza grazia e balza sopra al padrone: mette le zampe anteriori sopra le spalle e con la lingua come un cucciolo, lecca il volto e il collo, con le unghie sporchissime macchia e strappa la veste pulitissima, mentre con tutto il corpo freme di felicità. Il padrone spaventato grida e velocissimamente i servi accorrono: colpiscono lo sfrontato con delle violenti bastonate animale e lo legano morente al recinto.
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti ringrazio tantissimo. non so xchè quella stupida di una prof. abbia detto che erano da rifare. grazie 10000000000
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego ;)! Chiudo di nuovo, e speriamo definitivamente stavolta...:yes:lol
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di settembre
Vincitori di settembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email