• Greco
  • 2versioni eutropio - livio

    closed post
maty23
maty23 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti!scusate se disturbo,ma mi servirebbero 2 versioni di latino...

N°1
AUTORE=LIVIO
TITOLO= UNA MADRE PIEGA IL FIGLIO E SALVA ROMA
TESTO= tum matronae ad Veturiam matrem Coriolani Volumniamque uxorem frequentes accurrunt. Utrum sua sponte id fecissent an Senatus consilio, haud certum est. Tamen pervicerunt Veturiam, magno natu mulierem, et Volumniam ut, duos parvos Coriolani filios secum ferentes, in castra hostium irent. Sic,quoniam armis viri defendere urbem non poterant, mulieres precibus lacrimisque defenderunt. Ubi ad castra ventum est atque Coriolano nuntiatum est adesse ingens mulierum agmen, multo obstinatior adversus lacrimas muliebres fuit. Deinde, familiarium quidam, qui inter ceteras matronas cognoverant maestissimam Veturiam, inter nurum nepotesque stantem, dixit: <Coriolane, hic adsunt mater, coniunx liberique tui.> Cum iret Coriolanus, costernatus, obviam matri complexum, mulier, ira incensa, sic dixit: <Coriolane, priusquam complexum accipio, scire cupio ad hostem an ad filium venerim, captiva an mater in castris tuis sinm. Num longa vita et infelix senectus me traxerunt ut te exsulem, deinde hostem viderem? Num vastare potes hanc terram quae te genuit atque aluit? Nonne ante urbis portam ira tua cecidit?> Uxor deinde ac liberi fletusque ab omni turba mulierum sublatus fregerunt tandem virum. Ipse retro ab urbe castra movit.

--------

N° 2
AUTORE= EUTROPIO
TITOLO= LA FIDES GLORIOSA DI FURIO CAMILLO
(ne ho trovate diverse simili,ma il testo in alcune parti differenzia abbastanza..non so se l'adattamento sia mio o degli altri...)
TESTO= Post viginti annos Veientani rebellaverunt. Cum Romae Senatus quo modo hostes depellerentur quidque facere oporteret ignoraret, dictator contra ipsos missum est Furius Camillus, qui, proelio commisso, primum eos vicit acie, mox etiam civitatem cepit, antiquissimam Italiaeque ditissimam. Post eam cepit et Faliscos, non minum nobilem civitatem. Sed commota est ei invidia a quibusdam praedam male eum divisisse existimantibus, damnatusque ob eam causam et expulsus civitate. Num urbem reliquit? Num cives, ut ultionem peteret, deseruit? Minime! Interea Galli Senones,cum Romam venissent oppugnatum et,victis Romanis usque ad flumen Alliam, undecimo miliario a Roma,institissent, etiam urbem occupaverunt. Nec sociorum quisquam Romae succurrit neque defendi quicquam nisi Capitolium potuit; quod cum diu hostes obsedissent et iam Romani fame laborarent, accepto auro ne Capitolium obsiderent, recesserunt. Sed a Camillo, qui in quadam vicina civitate exsulabat, Gallis superventum est gravissimeque victi sunt. Postea eos fugavit Camillus et ita cecidit, ut et aurum, quod his datum erat, et omnia, quae ceperant, militaria signa revocaret. Ita tertio die triumphans urbem intravit et appellatus est secundus Romulus, quasi et ipse patriae conditor.


Grazie mille in anticipo per il disturbo!:hi:worry
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prima versione:

Tum matronae ad Veturiam matrem Coriolani Volumniamque uxorem frequentes coeunt. Id publicum consilium an muliebris timor fuerit, parum invenio: pervicere certe, ut et Veturia, magno natu mulier, et Volumnia duos parvos ex Marcio ferens filios secum in castra hostium irent et, quoniam armis viri defendere urbem non possent, mulieres precibus lacrimisque defenderent. Ubi ad castra ventum est nuntiatumque Coriolano est adesse ingens mulierum agmen, ut qui nec publica maiestate in legatis nec in sacerdotibus tanta offusa oculis animoque religione motus esset, multo obstinatior adversus lacrimas muliebres erat; dein familiarium quidam qui insignem maestitia inter ceteras cognoverat Veturiam, inter nurum nepotesque stantem, "nisi me frustrantur" inquit, "oculi, mater tibi coniunxque et liberi adsunt." Coriolanus prope ut amens consternatus ab sede sua cum ferret matri obviae complexum, mulier in iram ex precibus versa "sine, priusquam complexum accipio, sciam" inquit, "ad hostem an ad filium venerim, captiva materne in castris tuis sim. In hoc me longa vita et infelix senecta traxit ut exsulem te deinde hostem viderem? Potuisti populari hanc terram quae te genuit atque aluit? Non tibi, quamvis infesto animo et minaci perveneras, ingredienti fines ira cecidit? Non, cum in conspectu Roma fuit, succurrit: intra illa moenia domus ac penates mei sunt, mater coniunx liberique? Ergo ego nisi peperissem, Roma non oppugnaretur; nisi filium haberem, libera in libera patria mortua essem. Sed ego mihi miserius nihil iam pati nec tibi turpius usquam possum, nec ut sum miserrima, diu futura sum: de his videris, quos, si pergis, aut immatura mors aut longa servitus manet." Uxor deinde ac liberi amplexi, fletusque ob omni turba mulierum ortus et comploratio sui patriaeque fregere tandem virum. Complexus inde suos dimittit: ipse retro ab urbe castra movit.

Allora le donne sposate andarono in massa a trovare Veturia e Volumnia, rispettivamente madre e moglie di Coriolano. Non mi è stato possibile ricostruire se ci fu un preciso ordine ufficiale o semplicemente la paura delle donne. In ogni modo convinsero l'anziana Veturia e Volumnia, con al suo séguito i due bambini avuti da Marzio, ad accompagnarle nell'accampamento nemico: se Roma non la si poteva difendere con le armi degli uomini, allora l'avrebbero difesa le donne con le loro lacrime e le loro suppliche. Quando arrivarono all'accampamento e venne annunciata a Coriolano la presenza di una massiccia schiera di donne, egli, irremovibile di fronte alla maestà dei rappresentanti dello Stato nonché di fronte all'aspetto venerando dei sacerdoti - che tanto può sugli occhi e sullo spirito -, in un primo tempo si mostrò ancora più ostinato nei confronti delle lacrime di quelle donne. Poi, uno dei suoi amici più intimi, riconosciuta Veturia che spiccava tra le altre per mestizia ed era in piedi tra la nuora e i nipotini, gli disse: "Se la vista non m'inganna, quelli là sono tua madre, tua moglie e i tuoi bambini." Coriolano saltò giù come una furia dal suo sedile e corse incontro alla madre per abbracciarla. Lei però, passata dalle suppliche alla collera, gli disse: "Fermo lì, prima di abbracciarmi: voglio sapere se qui ci troviamo da un nemico o da un figlio e se nel tuo accampamento devo considerarmi una prigioniera o una madre. Ecco fino a che punto mi hanno trascinato questa mia lunga vita e questa infelice vecchiaia: son costretta a vederti in esilio e addirittura nostro nemico. Come hai potuto devastare questa terra che ti ha generato e nutrito? Anche se eri partito con animo ostile e minaccioso, possibile non ti si sia sbollita la rabbia una volta superati i confini? Possibile che con Roma davanti agli occhi non ti sia venuto in mente di pensare "Dentro quelle mura c'è tutto quello che mi appartiene, casa, penati, madre, moglie, figli"? Allora, se io non ti avessi messo al mondo, Roma adesso non sarebbe assediata. Se non avessi avuto figli, sarei morta libera in una libera patria. D'altra parte, oramai non mi attende più nulla che possa peggiorare la mia miseria e il tuo disonore: se ho toccato il fondo della disgrazia non ho più molto tempo per rimanerci. è a loro che devi pensare: se ti ostini in questa direzione, gli toccherà o una morte immatura o una lunga servitù." Allora la moglie e i figli lo abbracciarono e il pianto levatosi da tutte le donne e i loro lamenti per la patria e se stesse alla fine piegarono l'irremovibilità di Marzio. Abbracciò la sua famiglia rimandandola a casa; quanto a lui, tolse l'accampamento da sotto le mura.
Seconda versione:

Post viginti deinde annos Veientani rebellaverunt. Dictator contra ipsos missus est Furius Camillus, qui primum eos vicit acie, mox etiam civitatem diu obsidens cepit, antiquissimam Italiaeque ditissimam. Post eam cepit et Faliscos, non minus nobilem civitatem. Sed commota est ei invidia, quasi praedam male divisisset, damnatusque ob eam causam et expulsus civitate. Statim Galli Senones ad urbem venerunt et victos Romanos undecimo miliario a Roma apud flumen Alliam secuti etiam urbem occupaverunt. Neque defendi quicquam nisi Capitolium potuit; quod cum diu obsedissent et iam Romani fame laborarent, accepto auro ne Capitolium obsiderent, recesserunt. Sed a Camillo, qui in vicina civitate exulabat, Gallis superventum est gravissimeque victi sunt. Postea tamen etiam secutus eos Camillus ita cecidit, ut et aurum, quod his datum fuerat, et omnia, quae ceperant, militaria signa revocaret. Ita tertio triumphans urbem ingressus est et appellatus secundus Romulus, quasi et ipse patriae conditor.

Vent'anni più tardi i Veientani si ribellarono. Dittatore contro di loro fu mandato Furio Camillo, il quale dapprima li vinse in battaglia, poi, assediatala a lungo, prese anche la città, tra le più antiche e ricche d'Italia. Dopo quella prese anche Faleri, città non menofamosa. Ma gli fu provocata contro la malevolenza , quasichè avesse divisa male la preda, e per tal ragione fu condannato ed espulso dalla città.
Tosto i Galli Senoni vennero contro Roma e, vinti i Romani a undici miglia dalla città presso il fiume Allia, inseguitili anche la occuparono. Nè alcun luogo si potè difendere fuorchè il Campidoglio; e avendolo a lungo assediato e ormai i Romani soffrendo la fame, ricevuto denaro perchè non lo assediassero, si ritirarono. Ma Camillo che esulava in una città vicina piombò sopra i Galli e toccarono una gravissima sconfitta. Poi anche però (ricevuto denaro perchè non assediassero il Campidoglio, si ritirarono, ma) Camillo inseguitili ne fece tal scempio, che recuperò e l'oro che era stato dato loro e tutte le insegne militari che avevano preso. Così trionfando per la terza volta entrò in città e fu chiamato secondo Romolo, quasi anch'egli (fosse stato) il fondatore della patria.
poppy
poppy - Sapiens - 542 Punti
Rispondi Cita Salva
v prego è urgente versioni di latino eutropio fai della prima guerra punica
giasoneit
giasoneit - Sapiens Sapiens - 1746 Punti
Rispondi Cita Salva
Poppy apri un altro thread.
ok bravo supergara;) Ciao chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Suzy90

Suzy90 Moderatore 8654 Punti

VIP
Registrati via email