donrodrigo-votailprof
donrodrigo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Questo è innegabile

Roma, 10 gen . (Adnkronos/Adnkronos Salute) - A un anno esatto dall'entrata in vigore della legge antifumo che ha esteso il divieto di accendere le sigarette nei locali pubblici compresi bar, ristoranti e discoteche, in Italia ci sono 500mila fumatori in meno. A commentare il successo di una legge fortemente voluta dall'ex ministro della Salute Girolamo Sirchia è oggi il sottosegretario alla Salute Domenico Di Virgilio in una conferenza stampa al ministero della Salute a Roma. La diminuzione del numero dei fumatori riguarda sia gli uomini sia le donne che nella scelta di spegnere le sigarette hanno attribuito all'entrata in vigore della legge una notevole importanza.

Il 7% di tutti coloro che hanno deciso di smettere, infatti, l'ha fatto spinto dai numerosi divieti. Infine, secondo il ministero dell'Economia che registra i dati relativi alla vendita di tabacco, nel periodo tra gennaio e novembre del 2005 si è osservata una riduzione complessiva nella vendita del 5,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Un altro successo della legge antifumo, secondo il dicastero di via XX settembre. Un altro dato positivo, anche se parziale, attribuito alla legge, è quello relativo ai ricoveri per infarto acuto del miocardio che, nei primi due mesi del 2005, sono diminuiti del 7% nelle quattro regioni sotto osservazione (Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Campania). Gli esperti del ministero della Salute non nascondono la loro soddisfazione per i risultati del primo monitoraggio, a soli 12 mesi dalla rivoluzione che ha cambiato l'aria oltre che le abitudini di molti italiani.

Durante il convegno 'Tutela della salute dei non fumatori: un bilancio dopo un anno di applicazione della legge', in corso oggi al ministero della Salute e organizzato dal Centro nazionale prevenzione e controllo malattie (Ccm), sono state però numerose le sorprese. Nonostante le iniziali avversioni, infatti, sembra che con il tempo gli italiani abbiano cominciato ad apprezzare i divieti imposti dalla legge, contemperandoli con il buon senso.

Secondo un'indagine Doxa-Istituto superiore di sanità, infatti, nove italiani su dieci sono d'accordo con la creazione di appositi spazi per fumatori nei locali pubblici, ma l'87,3% degli intervistati è concorde con il divieto assoluto di fumo al di fuori di essi. E le restrizioni per chi ha 'il vizio' non hanno neppure mutato le abitudini dei nostri connazionali che nella maggioranza dei casi (83%) continua a frequentare bar, ristoranti e discoteche con la stessa frequenza di prima. Anzi, un 9,6% di italiani esce più spesso. Nonostante i molti successi della legge, si registrano anche alcune note dolenti. Per esempio il rispetto dei divieti sul luogo di lavoro. I Nas, i carabinieri della sanità, nell'ultimo anno hanno effettuato 6.076 ispezioni e accertato 327 infrazioni (5,4%). Ma secondo lo studio Passi promosso da Iss, Ccm e Regioni, tra i più disobbedienti ci sono i lavoratori delle Asl. I dipendenti delle Aziende sanitarie locali della penisola, infatti, denunciano il mancato rispetto delle norme nel 17% dei casi o, nel 26%, la difficoltà a verificare l'applicazione della legge. Ciononostante, il sottosegretario alla Salute Domenico Di Virgilio si è detto orgoglioso dei risultati di una legge che fa dell'Italia ''un esempio per il resto d'Europa, come testimonia l'interessamento della Spagna al provvedimento approvato 12 mesi fa. Tra un anno - ha aggiunto - faremo una seconda verifica, ma i risultati maggiori si vedranno solo tra una decina d'anni. Nel frattempo - ha concluso - saremo pronti a cogliere eventuali miglioramenti di una legge già di per sé buona''.

A sottolineare gli aspetti positivi delle norme antifumo è stato oggi anche Francesco Schittulli, presidente della Lega italiana per la lotta ai tumori (Lilt), che ha apprezzato il senso civico degli italiani. Secondo l'esperto, però, per apprezzare dei risultati evidenti in termini di guadagno di salute e minore incidenza dei tumori, ''dovremo aspettare almeno dieci anni''. Infine, per Donato Greco, direttore operativo del Ccm, ''l'Italia è diventata leader mondiale nella lotta al fumo e ai suoi
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
no no, per favore, niente comunicati stampa e niente titoli tipo successo del governo per favore..un dibattito sano si, spam elettorale no.
battagliero-votailprof
battagliero-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
perché, non siamo sul forum di rete4? :roll:
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
batti...bbono...
cmq chiudo...
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

pizzibutti

pizzibutti Blogger 284 Punti

VIP
Registrati via email