donrodrigo-votailprof
donrodrigo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Orlando?? Brava persona...veramente

Rita Borsellino fa campagna elettorale col carnefice del fratello?
QUANDO GIOVANNI FALCONE COMINCIÒ A MORIRE

Improvvisamente nelle elezioni siciliane ha fatto irruzione il fantasma di Leonardo Sciascia. Ad evocarlo per primo è stato il leader della Margherita Francesco Rutelli in polemica con i sostenitori della candidatura di Rita Borsellino, la sorella del magistrato ucciso dalla mafia, e di coloro che, a cominciare da Leoluca Orlando, per vincere le elezioni puntano sul tema mafia-antimafia e, più o meno scopertamente, sull'aiuto del braccio giudiziario dei magistrati della procura di Palermo, che hanno già messo sotto processo il governatore della Regione Totò Cuffaro. “In Sicilia - ha detto Rutelli - ci vorrebbe un Leonardo Sciascia del 2000. Spero che il Padreterno e la sapienza profonda della Sicilia facciano sbocciare un'intelligenza critica capace di stimolare un'alternativa alla mafia che sia radicale e sociale, che indichi coraggiose e nuove strade di sviluppo”. E non poteva essere più chiaro il richiamo alla polemica di Sciascia contro “i professionisti dell'antimafia”, quelli che avevano fatto della lotta alla mafia “uno strumento di potere che non consentiva dubbio, dissenso e critica”, e che hanno imperversato per un ventennio liquidando non la mafia, ma la classe politica siciliana, fino a provocare la reazione della da loro tanto invocata “società civile”, che alle elezioni politiche del 2001 regalò alla Casa della Libertà in Sicilia 61 collegi elettorali su 61.
Sarà per questo che Rita Borsellino, dopo avere vinto le “primarie”, si è preoccupata di prendere le distanze dagli esagitati che la circondano (al grido di “Viva Borsellino, viva la ghigliottina”) e di precisare che “tutto si può dire meno che io sia una giustizialista” e che “capita spesso che si scambi il giustizialismo con l'ansia di giustizia, che sono cose diverse” e che lei è “abbastanza preparata per sapere distinguere”. Per l'occasione Rita Borsellino rievoca anche il famoso articolo di Sciascia: “Lo ricordano in tanti – dice - quell'articolo sul ‘Corriere’ che se la prendeva anche con mio fratello. Non ricordano però la seconda puntata. E cioè che Sciascia e Paolo si incontrarono qualche tempo dopo a Marsala e pranzarono insieme. Mio fratello era rimasto di sale all'accusa di essere uno che faceva carriera combattendo la mafia. Ricordo il suo dolore. Si spiegarono. Sciascia, che era stato male informato, capì. E si rammaricò”.
In effetti Sciascia e Paolo Borsellino si incontrarono a Marsala per iniziativa di quel sindaco e di amici comuni un anno dopo la pubblicazione dell'articolo sul “Corriere” (l'incontro è del 27 gennaio 1988, l'articolo uscì il 10 gennaio dell'87) e lo stesso giudice aveva avuto modo di raccontare con più precisione come erano andate le cose in occasione di un convegno a Racalmuto dopo la morte di Sciascia (luglio'91): “Scontro tra me e Sciascia non ve ne fu. Intanto perché io stetti silenzioso, anzi colsi l'occasione subito dopo per indicare in Sciascia la persona che aveva estrema importanza nella mia formazione e anche nella mia sensibilità antimafia”, e quanto all'incontro di Marsala “Sciascia ebbe la gradevolezza di darmi una interpretazione autentica del suo pensiero che mi fece subito riflettere sul fatto che quella sua uscita mirava a ben altro”. E a cosa mirasse l'aveva spiegato lo stesso Sciascia anche prima, molto prima di avere l'occasione di incontrare Paolo Borsellino, e immediatamente dopo la pubblicazione dell'articolo del “Corriere” con una lettera all'“Espresso” il 25 gennaio dell'87: “E' chiarissimo nel mio articolo pubblicato sul ‘Corriere’ il 10 gennaio che non del fatto che fosse stato promosso il giudice Borsellino mi allarmavo, ma del modo: e invece eccoli in molti, anche tra quelli che condividono la sostanza del mio articolo, ad accusarmi di avere attaccato il Borsellino. Ma quando ho scritto l'articolo, io nulla sapevo di lui, della sua capacità, dei suoi metodi e meriti... Ora sul giudice Borsellino so un po’ di più; ma il punto della questione non era e non è la sua persona, ma quello che intorno alla sua nomina si legge nell'estratto dei verbali del Consiglio superiore della magistratura, dove a un certo punto si coglie questa perla: che il dottor Alcamo (l'altro magistrato aspirante al posto di procuratore della Repubblica di Marsala) non poteva essere preso in considerazione per la ‘lacuna’ di non essere mai stato investito di processi di stampo mafioso: lacuna ‘a lui assolutamente non imputabile, non potendosi pretendere che egli pietisse l'assegnazione di questo tipo di procedimenti’. E si postula dunque, che i processi di stampo mafioso sono quelli che fanno andare su un magistrato e che si può arrivare anche a ‘pietirli’. Brutta e allarmante parola, per chi ha un'idea piuttosto alta, piuttosto nobile, dell'amministrazione della giustizia”.
Ma in questa storia c'è chi, oltre a deformare le parole di Sciascia, deforma anche il ricordo delle parole di Borsellino, il quale il 25 giugno del 1992 nel rievocare alla biblioteca comunale di Palermo la strage di Capaci e la morte del suo amico Falcone ebbe a dire:”... il paese, lo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciò a farlo morire il primo gennaio del 1988, se non forse l'anno prima, l'anno dell'articolo del ‘Corriere’...”. Parole forti, e giustificabili solo con la disperazione di Borsellino per quella strage che già gli faceva presentire la sua, che seguirà dopo due mesi (“E' già arrivato in Sicilia il tritolo che servirà ad uccidermi...”), ma che vengono sbrigativamente sintetizzate e deformate dai giustizialisti sostenitori di Rita Borsellino nello slogan: “Fu con l'articolo di Sciascia che Falcone cominciò a morire...”. Uno slogan ignobile, che non solo non corrisponde alla lettera dell'invettiva di Borsellino, che indica chiaramente nella magistratura chi “ha più colpe d'ogni altro”, ma contraddice ciò che lo stesso Borsellino ha raccontato delle sue reazioni immediate all'articolo di Sciascia (“colsi l'occasione per indicare in Sciascia...), come fece anche Falcone (“E' Sciascia che ci ha insegnato a capire la mafia...”).
Quando cominciò a morire, lo racconta lo stesso Falcone quando fu trascinato dinanzi alla commissione disciplinare del consiglio superiore della magistratura da Leoluca Orlando che lo accusava di nascondere “le carte nel cassetto” per non incriminare Giulio Andreotti: “Orlando ormai ha bisogno della temperatura sempre più alta. Sarà costretta a spararla ogni giorno più grossa. Per ottenere questo risultato lui e i suoi amici sono disposti a tutto, anche a passare sui cadaveri dei loro genitori. Questo è cinismo politico. Mi fa paura...”.Mancavano sette mesi alla strage di Capaci. E appena una settimana prima Falcone confida a un suo amico magistrato: “Mi insozzano, poi spareranno... Mi stanno delegittimando. E' il primo passo. Cosa Nostra fa sempre così: prima insozza la vittima e poi la fa fuori. Questa volta mi ammazzano davvero...”. Rita Borsellino, quando qualcuno le rimprovera di festeggiare la vittoria alle primarie con il più fanatico dei suoi sostenitori, quel Leoluca Orlando che fu il più accanito denigratore di Falcone, risponde: “Certo,ci furono delle incomprensioni...”.
Spunterà in tempo uno Sciascia del 2000 per scongiurare una nuova stagione dell'orlandismo e del giustizialismo antimafia?
rusky-votailprof
rusky-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
8O
anonymous-votailprof
anonymous-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
"donrodrigo":
Orlando?? Brava persona...veramente
Rita Borsellino fa campagna elettorale col carnefice del fratello?
QUANDO GIOVANNI FALCONE COMINCIÒ A MORIRE

Improvvisamente nelle elezioni siciliane ha fatto irruzione il fantasma di Leonardo Sciascia. Ad evocarlo per primo è stato il leader della Margherita Francesco Rutelli in polemica con i sostenitori della candidatura di Rita Borsellino, la sorella del magistrato ucciso dalla mafia, e di coloro che, a cominciare da Leoluca Orlando, per vincere le elezioni puntano sul tema mafia-antimafia e, più o meno scopertamente, sull'aiuto del braccio giudiziario dei magistrati della procura di Palermo, che hanno già messo sotto processo il governatore della Regione Totò Cuffaro. “In Sicilia - ha detto Rutelli - ci vorrebbe un Leonardo Sciascia del 2000. Spero che il Padreterno e la sapienza profonda della Sicilia facciano sbocciare un'intelligenza critica capace di stimolare un'alternativa alla mafia che sia radicale e sociale, che indichi coraggiose e nuove strade di sviluppo”. E non poteva essere più chiaro il richiamo alla polemica di Sciascia contro “i professionisti dell'antimafia”, quelli che avevano fatto della lotta alla mafia “uno strumento di potere che non consentiva dubbio, dissenso e critica”, e che hanno imperversato per un ventennio liquidando non la mafia, ma la classe politica siciliana, fino a provocare la reazione della da loro tanto invocata “società civile”, che alle elezioni politiche del 2001 regalò alla Casa della Libertà in Sicilia 61 collegi elettorali su 61.
Sarà per questo che Rita Borsellino, dopo avere vinto le “primarie”, si è preoccupata di prendere le distanze dagli esagitati che la circondano (al grido di “Viva Borsellino, viva la ghigliottina”) e di precisare che “tutto si può dire meno che io sia una giustizialista” e che “capita spesso che si scambi il giustizialismo con l'ansia di giustizia, che sono cose diverse” e che lei è “abbastanza preparata per sapere distinguere”. Per l'occasione Rita Borsellino rievoca anche il famoso articolo di Sciascia: “Lo ricordano in tanti – dice - quell'articolo sul ‘Corriere’ che se la prendeva anche con mio fratello. Non ricordano però la seconda puntata. E cioè che Sciascia e Paolo si incontrarono qualche tempo dopo a Marsala e pranzarono insieme. Mio fratello era rimasto di sale all'accusa di essere uno che faceva carriera combattendo la mafia. Ricordo il suo dolore. Si spiegarono. Sciascia, che era stato male informato, capì. E si rammaricò”.
In effetti Sciascia e Paolo Borsellino si incontrarono a Marsala per iniziativa di quel sindaco e di amici comuni un anno dopo la pubblicazione dell'articolo sul “Corriere” (l'incontro è del 27 gennaio 1988, l'articolo uscì il 10 gennaio dell'87) e lo stesso giudice aveva avuto modo di raccontare con più precisione come erano andate le cose in occasione di un convegno a Racalmuto dopo la morte di Sciascia (luglio'91): “Scontro tra me e Sciascia non ve ne fu. Intanto perché io stetti silenzioso, anzi colsi l'occasione subito dopo per indicare in Sciascia la persona che aveva estrema importanza nella mia formazione e anche nella mia sensibilità antimafia”, e quanto all'incontro di Marsala “Sciascia ebbe la gradevolezza di darmi una interpretazione autentica del suo pensiero che mi fece subito riflettere sul fatto che quella sua uscita mirava a ben altro”. E a cosa mirasse l'aveva spiegato lo stesso Sciascia anche prima, molto prima di avere l'occasione di incontrare Paolo Borsellino, e immediatamente dopo la pubblicazione dell'articolo del “Corriere” con una lettera all'“Espresso” il 25 gennaio dell'87: “E' chiarissimo nel mio articolo pubblicato sul ‘Corriere’ il 10 gennaio che non del fatto che fosse stato promosso il giudice Borsellino mi allarmavo, ma del modo: e invece eccoli in molti, anche tra quelli che condividono la sostanza del mio articolo, ad accusarmi di avere attaccato il Borsellino. Ma quando ho scritto l'articolo, io nulla sapevo di lui, della sua capacità, dei suoi metodi e meriti... Ora sul giudice Borsellino so un po’ di più; ma il punto della questione non era e non è la sua persona, ma quello che intorno alla sua nomina si legge nell'estratto dei verbali del Consiglio superiore della magistratura, dove a un certo punto si coglie questa perla: che il dottor Alcamo (l'altro magistrato aspirante al posto di procuratore della Repubblica di Marsala) non poteva essere preso in considerazione per la ‘lacuna’ di non essere mai stato investito di processi di stampo mafioso: lacuna ‘a lui assolutamente non imputabile, non potendosi pretendere che egli pietisse l'assegnazione di questo tipo di procedimenti’. E si postula dunque, che i processi di stampo mafioso sono quelli che fanno andare su un magistrato e che si può arrivare anche a ‘pietirli’. Brutta e allarmante parola, per chi ha un'idea piuttosto alta, piuttosto nobile, dell'amministrazione della giustizia”.
Ma in questa storia c'è chi, oltre a deformare le parole di Sciascia, deforma anche il ricordo delle parole di Borsellino, il quale il 25 giugno del 1992 nel rievocare alla biblioteca comunale di Palermo la strage di Capaci e la morte del suo amico Falcone ebbe a dire:”... il paese, lo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciò a farlo morire il primo gennaio del 1988, se non forse l'anno prima, l'anno dell'articolo del ‘Corriere’...”. Parole forti, e giustificabili solo con la disperazione di Borsellino per quella strage che già gli faceva presentire la sua, che seguirà dopo due mesi (“E' già arrivato in Sicilia il tritolo che servirà ad uccidermi...”), ma che vengono sbrigativamente sintetizzate e deformate dai giustizialisti sostenitori di Rita Borsellino nello slogan: “Fu con l'articolo di Sciascia che Falcone cominciò a morire...”. Uno slogan ignobile, che non solo non corrisponde alla lettera dell'invettiva di Borsellino, che indica chiaramente nella magistratura chi “ha più colpe d'ogni altro”, ma contraddice ciò che lo stesso Borsellino ha raccontato delle sue reazioni immediate all'articolo di Sciascia (“colsi l'occasione per indicare in Sciascia...), come fece anche Falcone (“E' Sciascia che ci ha insegnato a capire la mafia...”).
Quando cominciò a morire, lo racconta lo stesso Falcone quando fu trascinato dinanzi alla commissione disciplinare del consiglio superiore della magistratura da Leoluca Orlando che lo accusava di nascondere “le carte nel cassetto” per non incriminare Giulio Andreotti: “Orlando ormai ha bisogno della temperatura sempre più alta. Sarà costretta a spararla ogni giorno più grossa. Per ottenere questo risultato lui e i suoi amici sono disposti a tutto, anche a passare sui cadaveri dei loro genitori. Questo è cinismo politico. Mi fa paura...”.Mancavano sette mesi alla strage di Capaci. E appena una settimana prima Falcone confida a un suo amico magistrato: “Mi insozzano, poi spareranno... Mi stanno delegittimando. E' il primo passo. Cosa Nostra fa sempre così: prima insozza la vittima e poi la fa fuori. Questa volta mi ammazzano davvero...”. Rita Borsellino, quando qualcuno le rimprovera di festeggiare la vittoria alle primarie con il più fanatico dei suoi sostenitori, quel Leoluca Orlando che fu il più accanito denigratore di Falcone, risponde: “Certo,ci furono delle incomprensioni...”.
Spunterà in tempo uno Sciascia del 2000 per scongiurare una nuova stagione dell'orlandismo e del giustizialismo antimafia?


No. Spero che non spunti un tempo che veda l’avvento di uno Sciascia del 2000. Spero che non spunti, o meglio non ritorni, come sembra ciclicamente accadere, un tempo dei veleni e delle incomprensioni .
Sciascia dunque non conosce Borsellino “Ma quando ho scritto l'articolo, io nulla sapevo di lui, della sua capacità, dei suoi metodi e meriti...” ciò che critica non è il magistrato, ma un certo modo di amministrare la giustizia con riferimento palese al CSM “non è la sua persona, ma quello che intorno alla sua nomina si legge nell'estratto dei verbali del Consiglio superiore della magistratura”,
Lo lascia perplesso,annichilito, la scoperta che “i processi di stampo mafioso sono quelli che fanno andare su un magistrato” .
Cosa strana mi verrebbe da dire, quasi fosse disdicevole per una Procura quale quella di Palermo, il cui impegno quotidiano,costante e diciamolo, anche da “taluni” ..poco gradito, è rappresentato dalla lotta... ai bracconieri e non dalla lotta a Cosa Nostra, avere un Procuratore capo che ...ne capisca di lotta alla mafia.
Cosa tanto strana, che lo stesso CSM dall’alto della sua lungimiranza sembrò fare tesoro del monito di Sciascia, tantè che nella seduta del 19 gennaio del 1988 preferì Antonino Meli a Giovanni Falcone motivando tale scelta proprio con l’esigenza di evitare eccessi di protagonismo di certi magistrati....gli stessi che più tardi nella loro foga di fare carriera ....sarebbero saltati in aria. Come vedi la storia è custode della verità più della corta memoria degli uomini
Caro don Rodrigo, spero di non essere annoverato tra i “giustizialisti al soldo della signora Borsellino” se mi permetto di completare il discorso che il fratello tenne alla biblioteca di Palermo riempiendo quei puntini da te “distrattamente” lasciati cadere e completando la frase che ebbe a pronunciare “... il paese, lo Stato, la magistratura che forse ha più colpe di ogni altro, cominciò a farlo morire il primo gennaio del 1988, se non forse l'anno prima, l'anno dell'articolo del ‘Corriere’.. in quella data che ha or ora ricordato Leoluca Orlando: cioè quell'articolo di Leonardo Sciascia sul "Corriere della Sera" che bollava me come un professionista dell'antimafia, l'amico Orlando come professionista della politica, dell'antimafia nella politica. Ma nel gennaio del 1988, quando Falcone, solo per continuare il suo lavoro, il Consiglio superiore della magistratura con motivazioni risibili gli preferì il consigliere Antonino Meli".
Il pensiero è chiaro e credo non necessiti di alcun commento.
Ciò che invece, brevemente, mi va di commentare sono le ultime nove righe da te scritte in grassetto, alcune delle quali sottolineate, per indicare in Orlando uno dei “carnefici in pectore” di Falcone e lo faccio con una banalissima considerazione ricordandoti che in quella famosa sera alla biblioteca di Palermo, gremita all’inverosimile, Paolo Borsellino rischiò di non andarci perchè, stremato, si era ...dimenticato dell’impegno. Raggiunto al telefono da Orlando, quasi scusandosi con l’anziana madre con la quale stava cenando, decise comunque di prendervi parte per non deludere le persone che lo stavano aspettando.
Sinceramente mi viene difficile immaginare Paolo Borsellino sedere accanto a colui che il tuo grassetto sembrerebbe indicare tra quelli che uccisero Falcone ancor prima che l’ignobile mano di Brusca premesse il telecomando e definirlo per giunta “l’amico Orlando”.
Ma si sa, noi giustizialisti abbiamo i paraocchi e ...siamo deboli di stomaco, tanto deboli da non riuscire a trattenere i conati di vomito nel leggere “... coloro che, a cominciare da Leoluca Orlando, per vincere le elezioni puntano sul tema mafia-antimafia e, più o meno scopertamente, sull'aiuto del braccio giudiziario dei magistrati della procura di Palermo, che hanno già messo sotto processo il governatore della Regione Totò Cuffaro.” .
Non so se Rutelli abbia effettivamente pronunciato quelle frasi da te riportate,permettimi di sperare ma, soprattutto di dubitare che non l’abbia fatto, riponendo nel dubbio l’ultimo fondamento della speranza.
Ma, se così fosse, se improvvisamente il tema dell’antimafia non dovesse più comparire tra gli impegni dei suoi candidati, forse er piacione farebbe meglio a interrogarsi se non è il caso di passare...dall’altra parte, giusto per provare il gusto del cambiamento di bandiera tanto in voga tra i suoi ...candidati. Chissà, magari l’ebbrezza potrebbe essere foriera di mirabolanti programmi da opporre a quelli ....dell’ingiustamente ...inquisito Cuffaro.
Buona serata
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Un solo commento: una delle discussioni più belle alle quali abbia assistito...
donrodrigo-votailprof
donrodrigo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Ringrazio l'administrator x il commento...eh eh eh

Cmq le parole di Rutelli sono quelle del virgolettato, ma è fuor di dubbio che la questione-sicilia ai vertici della margherita non sia andata tanto giù, in quanto i DL sono il primo partito del centro sinistra nell'isola e ben conoscendo l'indole "democristiana" di essa avrebbero preferito un candidato "moderato", non che la signora Borsellino non lo sia, ma si respira quell'aria un pò da muro contro muro, buoni-cattivi, mafia-antimafia che potrebbe avvelenare la campagna elettorale.
Bè, le parole di Falcone su Orlando difficlmente possono essere travisate, tanto da far dire alla neo-candidata dell'Unione "Certo, ci furono delle incomprensioni" riguardo all'affaire Orlando-Falcone, ognuno è libero di intendere queste parole come pare più corretto farlo.

P.S: io ho una sensazione, Cuffaro non sarà il candidato del centro destra, ma si opterà x un uomo/donna di Forza Italia, tipo Miccichè o la Prestigiacomo, a quel punto ne vedremo delle belle...
tutto l'impianto di una certa campagna elettorale andrebbe a crollare e i giochi sarebbero tutti da riscrivere.
fid-votailprof
fid-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
candidare qualcun'altro sarebbe un atto di buon senso ma come vedrete da quella parte il buon senso è qualcosa che come ha più volte ribadito Nello Musumeci si è perso per strada
anonymous-votailprof
anonymous-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
"donrodrigo":
Ringrazio l'administrator x il commento...eh eh eh
Cmq le parole di Rutelli sono quelle del virgolettato, ma è fuor di dubbio che la questione-sicilia ai vertici della margherita non sia andata tanto giù, in quanto i DL sono il primo partito del centro sinistra nell'isola e ben conoscendo l'indole "democristiana" di essa avrebbero preferito un candidato "moderato", non che la signora Borsellino non lo sia, ma si respira quell'aria un pò da muro contro muro, buoni-cattivi, mafia-antimafia che potrebbe avvelenare la campagna elettorale.
Bè, le parole di Falcone su Orlando difficlmente possono essere travisate, tanto da far dire alla neo-candidata dell'Unione "Certo, ci furono delle incomprensioni" riguardo all'affaire Orlando-Falcone, ognuno è libero di intendere queste parole come pare più corretto farlo.

P.S: io ho una sensazione, Cuffaro non sarà il candidato del centro destra, ma si opterà x un uomo/donna di Forza Italia, tipo Miccichè o la Prestigiacomo, a quel punto ne vedremo delle belle...
tutto l'impianto di una certa campagna elettorale andrebbe a crollare e i giochi sarebbero tutti da riscrivere.

Le parole di Rutelli saranno anche quelle del...virgolettato, ma se del ...virgolettato se ne fa l'uso che fai tu ..permettimi di dubitarne.
Visto che scrivi da Balestrate e non dal Sud Tirol forse dovresti preoccuparti nel caso in cui non si respirasse quell'aria da muro contro muro, mafia-antimafia, perchè a meno che non si voglia credere alla favoletta che la mafia è stata sconfitta, è proprio sulla mancanza di questa consapevolezza, sul venir meno della tensione morale e dell'impegno civile che contano gli "uomini del disonore", i quali, è bene ricordarlo, ormai da anni hanno smesso la coppola per indossare il doppiopetto grigio.
Se la CDL candidasse Miccichè sarei contento, sarebbe un bel regalo
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email