maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Oggi un mio istruttore (un assistente della facoltà di Ingegneria Aerospaziale molto bravo e preparato) ci ha accennato a John Titor....una storia incredibile ed affascinante.
Qualcuno (o QUALCOSA) usando il nome di John Titor e sostenendo di essere un soldato del 2036 ha presentato una quantità considerevole di informazioni su un forum di informatici (bbs.artbell.com) con l'username Timetravel.

Ha iniziato il 2 Novembre del 2000 circa, iniziando chiedendo se qualcuno poteva reperire lui degli schemi relativi ad un vecchissimo computer del 1975........Piano piano ha iniziato a parlare di una sua fantomatica macchina del tempo e di una missione che egli doveva compiere, la sua prospettiva sulla nostra società nel futuro (che non è delle migliori, si concluderà in una guerra nucleare globale molto breve ma devastante nel 2015).

"Ora ritorno nel 2036" ha detto scrivendo il suo ultimo post il 24 Marzo, 2001.

Col passare del tempo l'interesse nella storia di Titor si sviluppa in modo considerevole, ma torniamo alla missione, il recupero di un computer IBM 5100 portatile le cui caratteristiche particolari erano note solo alla casa costruttrice!!!!!!!!!!!
Titor nei suoi post ha parlato anche di se, dicendo di essere nato in Florida nel 1998, ricorda con molta gioia quando per Natale andò a Disney World, la spiaggia di Daytona, ma ricorda anche che circa nel 2006 si è dovuto rifugiare con la famiglia presso una comunità agricola per sfuggire alla guerra civile iniziata qualche anno prima, nel 2011 vi fece parte anche lui per 4 anni.
La guerra civile si concluderà nel 2015 e proprio in questa periodo ci sarà una guerra globale termonucleare scatenata dall'attacco della Russia contro le città degli USA, Europa e della Cina, i superstiti saranno pochissimi. Nel 2029 è entrato in un programma militare, nel 2033-2034 si è laureato ma non ha accennato il campo di studi, ma John dice che il morbo della mucca pazza diventerà una cosa seria, la nuova capitale degli Stati Uniti sarà Omaha, Nebraska. Titor ha portato foto, progetti, schemi della macchina del tempo. Ha dato delle spiegazioni tecniche plausibili sul suo viaggio nel tempo (per lo meno coerenti con le teorie attuali). Se si tratta di un burlone, ha sicuramente studiato molto bene la fisica relativistica, e le ultimissime teorie sui viaggi nel tempo perché il suo discorso è logico e fila bene. Ha risposto a praticamente tutte le domande che gli sono state poste nei 4 mesi che era on-line. A causa di ciò molte persone che non avevano letto i post precedenti hanno rivolto spesso le stesse domande a John, con sua comprensibile irritazione (e senza che cadesse mai in contraddizione). Certamente gli scettici avranno molto materiale su cui lavorare, anche per chi crede a questa straordinaria storia, ma una cosa è certa che ha lasciato un monito a tutta l'umanità per cambiare il corso degli eventi. La sua missione, in pratica, è il recupero di un computer IBM 5100 portatile le cui caratteristiche particolari erano note solo alla casa costruttrice. Uno dei primissimi pc con funzionamento di un driver a nastro magnetico con una espansione massima di 32K, il costo si aggirava intorno ai 14000 $, era dotato di uno schermo di ridotte dimensioni, il personal computer della IBM servirebbe a quanto sostiene John a superare un bug sconosciuto sui sistemi UNIX che causarono il blocco di tutte le macchine informatiche del suo tempo, il chip è dotato di particolari istruzioni non utilizzate nel periodo del suo utilizzo.


Ora, a quanto dice anche il mio istruttore, si è formata con il tempo una sorta di schiera di esperti del settore (tra cui molti suoi colleghi, ha ammesso) che sono effettivamente molto addentrati in quello che ha scritto Titor: le conoscenze tecniche sono tali da fare pensare che non dicesse fesserie, specie perchè disse nel 2001 che l'anno scorso ci sarebbe stata una importantissima scoperta sull'antimateria, tanto da permettere viaggi a velocità luce e viaggi nel tempo.......il che è stato quasi vero

Nel 1975, John ha avuto modo di incontrare suo nonno, al quale si è rivelato per quello che era. Completata la missione, John ha deciso di fare una capatina nel 2000: questo sia per far visita alla sua famiglia (ed al sé stesso bambino), sia per assistere agli effetti del Millennium Bug. John, ovviamente, rivela la propria identità anche ai suoi genitori, che lo accolgono “con sollievo e paura”. Nel novembre dello stesso anno, l'uomo si presenta come viaggiatore temporale in un forum in Internet, avviando una lunga discussione sul futuro, la teologia, la fisica, che lo terrà occupato per quattro mesi circa e che lo porterà ad interagire con centinaia di utenti curiosi. Nella primavera del 2001, sfruttando un momento fisicamente propizio, fa ritorno a casa, nel 2036.

Ovviamente, tra le domande più ricorrenti formulate a Titor durante le sue interminabili conversazioni, ci sono quelle poste allo scopo di avere conferma o meno circa quanto andava affermando, domande riguardanti particolari circa fatti od avvenimenti recenti che, ovviamente, un uomo del futuro non può non conoscere: chi vincerà il campionato di baseball il prossimo anno, quante sono state le vittime dell'incidente aereo di ieri, quale sarà il valore di mercato dell'oro per i prossimi mesi. Titor, però, ha sempre evitato di rispondere a domande come queste, giustificandosi affermando di non ricordarsi, di non saperlo o, semplicemente, considerando la domanda inutile: nessuno di voi è in grado di ricordare, dice, che tempo abbia fatto il 28 maggio 1983, come nessuno di voi ricorderebbe quante persone precisamente siano morte, per esempio, nella strage di Ustica (è un esempio “italiano”, non portato direttamente da Titor, ma utile a farci comprendere il suo messaggio). Al contrario, Titor rispose molto volentieri alle domande riguardanti il futuro del mondo. Ed il futuro che prospetta non è affatto dei più rosei.

Veniamo ora alla parte più interessante: il procedimento per il viaggio nel tempo e la struttura dei “mondi” visitabili. L'esposizione di questi argomenti è parecchio difficile, vista l'estrema complessità dei campi della fisica che vengono toccati; tuttavia, cercheremo di dare almeno le linee generali.

Entro 18 mesi circa, racconta Titor, il CERN, a Ginevra, intraprenderà alcuni studi sui campi elettromagnetici e gravitazionali riguardanti anche i buchi neri, esperimenti condotti per valutare la possibilità di velocizzare i trasporti. Durante alcuni di questi esperimenti, per caso, gli scienziati creeranno un piccolo buco nero. A differenza di quanto si possa pensare, questo piccolo black hole non assorbirà tutta la materia nelle sue vicinanze (in questo caso l'intero Sistema Solare): al contrario, gli scienziati del CERN, utilizzando un campo elettromagnetico (ricordiamo che presso il centro c'è il più grande acceleratore di particelle del mondo), riusciranno a contenerne le dimensioni e, con il tempo, a creare buchi neri volontariamente, anche di dimensioni più ampie.


Il fatto sconcertante è che, per puro caso o meno, QUELL'ESPERIMENTO E' STATO REALIZZATO A GINEVRA DAVVERO, ma un anno dopo quanto nel 2001 prevedè Titor.....solo all'ultimo minuto, per un problema tecnico, è stato rinviato (storia di pochi mesi fa). Come caspita poteva saperlo lui nel 2000????
L'affascinante teoria delle “stringhe”, che John Titor ci conferma essere esatta, sostiene che viaggiando all'interno di un buco nero si possa tornare indietro nel tempo. Questo perché il black hole è caratterizzato principalmente da un campo gravitazionale pressoché infinito, tanto da poter attrarre anche la luce (questo spiega anche perché sia nero); proprio per questa sua caratteristica, il buco nero sarebbe in grado di deformare la struttura stessa del tessuto dello spazio e del tempo. Sempre secondo questa teoria, ad ogni buco nero corrisponde un “buco bianco”, una sorta di via d'uscita del buco nero. L'esistenza di questo altro ente fisico è ipotizzata anche in ottemperanza della legge secondo cui “nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma”: cosa accade alla materia, alla luce, all'energia che viene risucchiata nel buco nero? E' possibile che sia espulsa, dopo un viaggio di cui si ignorano le tappe, attraverso un buco bianco. In base a questa teoria, sfruttando le conoscenze sui campi gravitazionali che gli scienziati otterranno dallo studio di questi “mini buchi neri”, la società statunitense della General Electric progetterà e realizzerà alcune unità che permetteranno il viaggio nel tempo. Ovviamente, questa tecnologia non sarà alla portata di tutti, ma sarà un'esclusiva dei militari, specialmente, è ovvio, di quelli statunitensi. Da qui in poi comincerà l'avventura umana in quelle che sono, è il caso di dirlo, le nebbie del tempo.


Parlando, a questo punto, del viaggio in senso stretto, Titor ci spiega il funzionamento del suo macchinario, modello C204. Come vedremo analizzando le foto da lui stesso pubblicate in Rete, esso non è una “macchina del tempo” classica, come quella immaginata da H.G. Wells nel suo romanzo o come quella che si vede nei film della serie “Ritorno al futuro”. Si tratta, piuttosto, di un macchinario, anche piuttosto ingombrante, che necessita, per funzionare, proprio di un veicolo (Titor ha utilizzato una Corvette del '66 e, successivamente, un “Chevy Truck”, un camion). Il funzionamento della macchina del tempo è molto simile a quello che permetterebbe il viaggio nel tempo attraverso i buchi neri. L'apparecchio, molto sinteticamente, distorce il campo gravitazionale esterno al veicolo, lo fa contrarre, lo concentra in un solo punto: in breve, è come se ricreasse quelle che sono le caratteristiche di un buco nero, che, abbiamo detto, permetterebbe il viaggio nel tempo. Tuttavia, sussistono dei problemi. Innanzitutto, la posizione della Terra nello spazio non rimane invariata al passare del tempo, ruotando la terra intorno al Sole e ruotando tutto il Sistema Solare insieme alla via Lattea. Dunque, per ipotesi, se io mi spostassi indietro nel tempo, al mio arrivo mi ritroverei nello stesso punto dell'universo dal quale sarei partito, ossia nel vuoto cosmico. Per ovviare a questo problema, Titor spiega come il suo macchinario sia dotato di metaforici “paletti”, che, “piantati a terra” tramite alcuni parametri molto complessi, garantiscono che il punto di arrivo del viaggiatore sia lo stesso della partenza, evitando che lo sventurato si ritrovi a galleggiare nello spazio.

Un altro problema della macchina del tempo di Titor è il suo range: non è possibile, ci dice il viaggiatore nel tempo, compiere viaggi più indietro o più avanti di 60 anni. Quindi, per fare un esempio, dal 2004 non potremmo viaggiare più indietro del 1944 o più avanti del 2064. Una soluzione a questo problema sarebbe compiere “salti” di sessant'anni in sessant'anni, ma questo stratagemma non è attuabile. Il motivo di questa limitazione nei viaggi è dovuto alla limitata tecnologia della macchina. La “meta” del viaggio viene individuata, nel continuum temporale, grazie a coordinate che si riferiscono al campo gravitazionale. Tali riferimenti diventano tanto più imprecisi quanto più ci si allontana dal punto di origine (per noi il 2004, per Titor il 2036). Dunque, aumentare l'ampiezza dei salti è possibile, ma sconsigliabile, in quanto si potrebbe finire ovunque nel tempo. Questa, in breve e sicuramente con qualche imprecisione, la spiegazione fornita da Titor del funzionamento della sua macchina del tempo.

La prima obiezione che può venire in mente, parlando di viaggi nel tempo, è una cosa di questo tipo: “Ma se io viaggio indietro nel tempo ed uccido mio padre prima che mi concepisca, io sparisco all'istante?” E' una delle domande che più frequentemente sono state poste a John Titor. La risposta è stata sempre la stessa: no. Titor, infatti, spiega come questo non sia possibile tirando in ballo le worldlines, parola che potremmo tradurre con “linee temporali”, o, più letteralmente, “linee di realtà”. Titor ci spiega che l'evolversi della realtà è determinato dalle scelte. Facciamo un esempio: per salire a casa mia al quinto piano ho due scelte: fare le scale o prendere l'ascensore. La prima scelta, un particolare giorno della mia vita, mi fa arrivare sano e salvo; la seconda causa la mia morte, perché, quel giorno, l'ascensore ha un malfunzionamento, precipita e si schianta al suolo. A seconda della scelta da me compiuta a questo bivio, io continuo a vivere o no. La mia scelta ha determinato una biforcazione, che ha generato due worldlines, due realtà temporali differenti: una in cui sono ancora vivo, una in cui sono morto. E', questo, un discorso che molto assomiglia a quello degli universi paralleli. Il viaggio nel tempo, spiega Titor, soprattutto quello a ritroso, non può determinare cambiamenti nella linea del tempo del viaggiatore, qualunque cosa faccia, in quanto essa è ormai fissata e stabilita, determinata da scelte già compiute. Questo spiega anche il perché egli si riveli: la sua realtà ormai è decisa, egli non è tornato indietro nel tempo per cambiare il suo futuro avvertendoci dei fatti a venire in modo che noi possiamo evitarli. Egli non può cambiare il suo presente, ma noi possiamo cambiare il nostro futuro. E' questo il motivo per cui Titor non intende svelare nulla riguardo i fatti inevitabili (terremoti, inondazioni…) che avverranno. Le sue rivelazioni potrebbero far evitare, a chi legge, di andare incontro al proprio destino, magari tragico. E queste ingerenze nel corso del destino non rientrano nel codice deontologico del viaggiatore temporale.

Ovviamente, tale visione della struttura fisica della realtà ha parecchie conseguenze, soprattutto a livello religioso: c'è un Dio solo o uno per ogni worldline? La risposta, chiaramente, non è certa, tanto meno univoca. Titor, però, ci dà la sua: ogni realtà, ogni linea temporale, tutto fa parte di un unico sistema, di un'unica Creazione, voluta da un unico Dio, da un'unica entità generatrice. Chiaramente, affermazioni come quelle di John Titor, sedicente viaggiatore nel tempo, devono essere prese con la necessaria cautela. Tuttavia, a favore di Titor giocano alcuni elementi assai rilevanti:

·John Titor, abbiamo visto, ha descritto, in maniera piuttosto dettagliata, le scoperte che saranno compiute dal CERN e le applicazioni che da queste deriveranno. Alla fine del 2001, dunque a circa un anno di distanza dalle affermazioni di Titor, come lui stesso ha preannunciato il CERN ha confermato ufficialmente la possibilità di creare artificialmente mini buchi neri;

·Titor ha spiegato che il computer portatile IBM 5100 era dotato di particolari caratteristiche, rimaste nascoste alla totalità degli utilizzatori. Numerosi ingegneri IBM hanno confermato questa affermazione;

·tra le sue “profezie”, Titor ha parlato dell'Iraq, affermando come Saddam Hussein non possedesse alcuna arma di distruzione di massa e di come, nonostante questo, una guerra venisse scatenata con lo scopo ufficiale di rimuovere tali armi (queste le sue parole: “Sareste più sorpresi di sapere che l'Iraq ha armi nucleari o che si tratta solo di un pretesto per convincere tutti riguardo la prossima guerra?”);

·Titor ha presentato una notevole conoscenza di alcuni importanti campi della fisica, esponendo con parecchia proprietà e sicurezza argomenti assai complessi: se l'uomo fosse un impostore, gli andrebbero comunque fatti i complimenti per la sua preparazione.
maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Cosa dire?..............John Titor, abbiamo visto, ha descritto, in maniera piuttosto dettagliata, le scoperte che saranno compiute dal CERN e le applicazioni che da queste deriveranno. Alla fine del 2001, dunque a circa un anno di distanza dalle affermazioni di Titor, come lui stesso ha preannunciato il CERN ha confermato ufficialmente la possibilità di creare artificialmente mini buchi neri;

·Titor ha spiegato che il computer portatile IBM 5100 era dotato di particolari caratteristiche, rimaste nascoste alla totalità degli utilizzatori. Numerosi ingegneri IBM hanno confermato questa affermazione;

·tra le sue “profezie”, Titor ha parlato dell'Iraq, affermando come Saddam Hussein non possedesse alcuna arma di distruzione di massa e di come, nonostante questo, una guerra venisse scatenata con lo scopo ufficiale di rimuovere tali armi (queste le sue parole: “Sareste più sorpresi di sapere che l'Iraq ha armi nucleari o che si tratta solo di un pretesto per convincere tutti riguardo la prossima guerra?”);

·Titor ha presentato una notevole conoscenza di alcuni importanti campi della fisica, esponendo con parecchia proprietà e sicurezza argomenti assai complessi: se l'uomo fosse un impostore, gli andrebbero comunque fatti i complimenti per la sua preparazione.
momita-votailprof
momita-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Questa storia mi lascia piuttosto perplessa.Non mi intendo di fisica o altro, dunque non posso dire scientificamente parlando se viaggiare nel tempo sia possibile.

Titor ha parlato di una guerra civile nel 2006(se ho letto bene), dunque non dovremo aspettare molto per sapere se ha detto il vero oppure no.

Però sorge un dubbio. Visto che possono esistere degli universi paralleli si potrebbe dire che in questo universo non si sono verificate le cause che hanno fatto scoppiare la guerra civile.Noi non sappiamo se tutti gli elementi che hanno portato allo scoppio della guerra si verificheranno.

E poi, perchè non ha parlato delle torri gemelle???E' un avvenimento troppo importante per dimenticarlo.
In effetti però, sempre per quella storia degli universi paralleli, i terroristi che erano sugli aerei potrebbero essere stati fermati in aereoporto...

Insomma, questa teoria sembra confermare il tutto ma anche l'opposto del tutto.
maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
la cosa estremamente affascinante di questa storia non è tanto la preveggenza, quanto il fatto che le presunte conoscenze tecniche da lui vantate sul distortore di materia hanno fondamenta che hanno lasciato di stucco fior di scienzati, per non parlare delle caratteristiche del computer IBM del 1975 che pochissimi sapevano.......e le sua previsione della prova di ginevra poi realizzatasi...insomma, non so se sia un nuovo nostradamus o cosa, ma se fior di menti elette degli atenei tecnici non lo reputano poi tanto lontano da una possibile realtà.....voi come lo vedete?

In fondo, nessuno credeva a Sarah Connor in Terminator quando si parlava di apocalissi e macchine ribelli.... :roll:

Il mio istruttore dice che è assurdo ed incredibile la teoria per cui il nostro Jhon mostra che ai suoi tempi si può modellare l'antimateria nello spaziotempo, piegando oggetti e realizzando forze inaudite...quello da anni a Ginevra stanno tentando di fare.......insomma, per chi ha un decoroso background di fisica sono teorie estremamente affascinanti.

Se volete vedere le immagini che egli ha "spedito dal futuro": http://www.cosenascoste.com/John-Titor/
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Conoscevo Titor in modo superficiale da un pò, in quanto, ebbene si faccio outing, sono appassionato di teoria delle superstringhe.

Credergli? Non lo sinceramente, ma la teoria cosidetta "multimundi" è stata oggetto di una tesi di laurea di un nuoto fisico e viene comunemente accettata in fisica. Se non erro, e non vorrei essere impreciso, c'è stato un esperimento in austria sulla dislocazione dei fotoni, dove si sono persi due fotoni. Cosi, spariti nel nulla. Si ritiene, ma vado a memoria, che possano essere passati attraverso una oscillazione del continuum spazio tempo, o quella comunemente definita "quantum foam" in un universo parallelo.

La fisica è ben diversa da come l'abbiamo finora concepita, ma so che in pochi possono capirla. Io ad esempio mi escludo, oltre un certo limite non riesco a capire...mio nonno, che ha insegnato fisica una vita diceva "solo alcuni possono capire le implicazioni di certe teorie. E' come avere la televisioni a colori o no...con l'audio o senza. Non è intelligenza, penso sia solo un modo in cui è fatto il cervello".
maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
quanto tu mi dici avvale ancora di più l'ipotesi che non sia solo fumo negli occhi....e se avesse ragione Momita? Se universi paralleli si creano, si incrociano e si scambiano?

Nei lunghissimi articoli che ho trovato su di lui c'è anche una parte dove parla di questo......
grandeturco-votailprof
grandeturco-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
davvero interessante..non sapevo nulla a riguardo di titor..ma è possibile leggere direttamente i suoi interventi sul forum?
maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
si, nel link che ti ho dato, ovviamente sono scritti in americano! :wink:
neroh-votailprof
neroh-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Se non sbaglio Titor parla di una guerra civile in america tra il 2004 e il 2005 che coinvolge campagne contro città, cosa che non si è verificata quindi penso proprio che sia stata una presa in giro
malusblade-votailprof
malusblade-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Sinceramente nn avevo mai sentito parlate di questa persona...ma visto le teorie ke ha "predetto" si sarebbero scoperte da lì a qualche anno, diciamo ke è tutto da prendere cn le pinze!!!
da sempre l'uomo ha immaginato e cercato di viaggiare nel tempo e nello spazio...ho letto di fisica quantistica(ho letto un interessante spiegazione, presa da dati scientifici verificati, sul libro "Timeline";) e della grande probabilità ke esistano infiniti universi, diversi tra loro nn nella forma, ma + ke altro nel contenuto...dove x esempio le scimmie hanno preso il potere e il genere umano è trattato come inferiore(Il pianeta delle scimmie!!)
Potrei citare mille esempi di multiversi presi dalla letteratura, dal cinema e dal mondo del fumetto!!! Questo sicuramente ha un fondo di verità, visti gli studi fatti nel mondo dagli scienziati e le prove pratiche a Ginevra!!
Insomma secondo me potremmo usare l'esistenza di infiniti universi x spiegare il xkè titor nn abbia annunciato catastrofi grandi come l'11 settembre o ne abbia previste di nn avvenute, o possiamo parlare di scuse usate da ki è un ciarlatano...sinceramente nn posso prendere una posizione sicura!!
grandeturco-votailprof
grandeturco-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
penso che nessuno possa prendere una posizione sicura sull'argomento..ma a prescindere che sia una bufala o meno,questa storia ha sguinzagliato la mia fantasia!
cmq a quanto ho capito,qusto tizio ha previsto cosa è stato poi effettivamente scoperto a ginevra..questo come si giustifica?
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Registrati via email