marcelo84-votailprof
marcelo84-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
9 maggio 1978 Cinisi Sicilia, in una notte semiestiva ai bordi della linea ferroviaria, veniva crudelmente ammazzato, per mano di Cosa Nostra, Peppino Impastato. Militante di Democrazia proletaria, fondatore di di radio aut, già vittima della guerra alla mafia (il padre fù ammazzato per mano dello stesso mandante del figlio). Lo stesso giorno fu piantato a Termini Imerese in sua memoria un albero, l'albero della speranza, la speranza che il messaggio di Peppino non restasse inascoltato. Oggi 6 aprile 2007 quest'albero è stato brutalmente sdradicato, posto vicino ad un muro su cui capeggiava una scritta:VIVA LA MAFIA!

Il mandante degli omicidi Impastato, Don Tano Badalamenti, non ha mai pagato per gli atroci crimini commessi nella "sua" Sicilia è morto in carcere negli Stati Uniti pochi anni fà. Vogliamo che crimini come questi ci passino indifferenti e rimangano lontani da noi fino a quando un film non ci ricordi (i cento passi ndr) chi sono questi eroi? Non sarebbe ora di reagire, di non stare ad aspettare, attendere, che qualcuno si sacrifichi per noi? Non è ora di rimboccarci le mani e dire che la mafia, la camorra, la 'ndragheta, la sacra corona unita, i clan, la mafia cinese, i Giuliano, i Casalesi, i Misso, i Vollaro, i Calabresi, i Di Lauro, gli Alfieri, gli scissionisti, gli spacciatori, la mafia tutta.....CI FA SCHIFO!!!

E' ora di iniziare a fare qualcosa, basta poco come non comprare più bustine di erba dagli spacciatori, piuttosto combattete affinchè vengano legalizzate, non alimentare il mercato del falso che fornisce centinaia di miliardi alle cosche di tutto il mondo, non girare la faccia dall'altro lato quando un commerciante, solo e indifeso, viene minacciato...è ora di iniziare ad essere protagonisti senza aspettare un nuovo Peppino Impastato che si sacrifichi per noi. E' ora di far capire che non ci stiamo più ad alimentare le tasche del "sistema". E' ora di agire!!!

Vergogna,possono mai bastare pochi decenni per dimenticare il sacrificio e l'importanza di un uomo che ha dato la vita per una verità che si chiama giustizia e libertà?

Studenti tutti riflettete....Ciao Peppino e scusaci ancora!



Marcello Framondi

(L'articolo è presente anche sul nostro bolg della facoltà di Scienze Politiche federico II di napoli: politologi.splinder.com )
fid-votailprof
fid-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Per chi non conoscesse la storia di Peppino vi suggerisco di leggere il libro o vedere il film "i cento passi" sono sicuro che rimarrete molto emozionati dalla storia di questo eroe siciliano che sacrificò la propria esistenza per far capire alla proipria gente che esisteva un alternativa alla cultura mafiosa e filomafiosa radicata nella popolazione.

Peppino ha rappresentato una delle figure più importanti della società civile,un uomo che ha perso la sua battaglia terrena ma che ha lasciato un segno di quanto sia importante la cultura e il rispetto della legalità e delle libertà.Se oggi il suo ricordo insieme a tanti altri fosse maggiormente presente e conosciuto si uscirebbe da quel clima opportunistico che quotidianamente fa credere a tantissimi di essere contro la mafia ma che nei fatti li rende partecipi e inconsapevoli fiancheggiatori immersi in quella zona grigia di cui tanto parlò Giovanni Falcone
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email