tzupeppe
tzupeppe - Sapiens - 358 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tutti
mi sono appena iscritto

come prima richiesta di aiuto chiedo se potreste farmi uno schema riassuntivo chiaro e completo sulla seconda o terza guerra guerra d'indipendenza entro oggi preferibilmente

grazie in anticipo
shark
shark - Genius - 8072 Punti
Rispondi Cita Salva
Prima Guerra D’Indipendenza


La prima guerra d’indipendenza inizia con Carlo Alberto di Savoia che varcò il confine tra il Piemonte e il lombardo-veneto ed entrò in guerra contro gli Austriaci.
Carlo Alberto aveva in mente una semplice guerra dinastica (ingrandire i possedimenti della sua casata), visto che gli Austriaci erano deboli lui poteva impadronirsi della Lombardia.
Questa operazione non riusci perché il re era un pessimo comandante, perché invece che tagliare la strada a Radetky mentre fuggiva da Milano e di affrontarlo in battaglia i Piemontesi lo aspettarono alcuni giorni e cosi permisero all’esercito austriaco di costruire un “Quadrilatero”.
E cosi quando le due armate si scontrarono a custodia, Radetky aveva avuto tutto il tempo per organizzarsi e vinse.
L’anno dopo persero ancora cosi Carlo Alberto abdicò in favore di suo fuglio, che nel marzo 1849 firmò un’armistizio contro l’Austria.
E cosi dopo la sconfitta di Carlo Alberto a Custodia, i democratici provocarono insurrezioni nella penisola e il granduca di Toscana e il papa pio v fuggirono.
a Firenze e a Roma i democratici organizzarono governi repubblicani, a loro si agiunse Venezia che si rifiutò l’armistizio.
E cosi nacquero:


- Repubblica Toscana
- Repubblica Romana
- Repubblica di Venezia


In Italia dopo l’armistizio, Radetzky schiaccio in Lombardia la rivolta del popolo di Brescia. Poi mandò via la Repubblica di Venezia e la Repubblica di Toscana. I cattolici francesi volevano l’invio di truppe in aiuto del papa e sconfissero la Repubblica Romana.
In Italia ritornò l’assolutismo: i patrioti furono fucilati.
L’unica regione in cui non cambiò niente fu il Piemonte, che mantenne lo Statuto, formò il Parlamento e adottò come bandiera il tricolore.
Nel 1850 Massimo D’Azeglio fece approvare le Leggi Siccardi, posero fine ai privilegi del clero nel Regno Sabaudo, adeguarono la legislazione ecclesiastica a quella degli altri stati cattolici europei.
I vincitori furono i borghesi che prima avevano combattuto sulle barricate a fianco dei lavoratori e li avevano rinnegati.
I borghesi affermarono che non si sarebbero più uniti al proletariato che combattevano per obiettivi contrari ai loro interessi e cosi ottennero dai governi tutte le libertà e le garanzie che servivano per lo sviluppo della loro classe.









Seconde guerra d'indipendenza

Nel 1852 Cavour diventò Presidente del Consiglio. Lui voleva creare un’Italia forte e unita. Cavour fece votare la legge sull’abolizione dei dazi sul grano ;poi riformò il sistema fiscale, ricavando denaro che fu speso per i lavori pubblici e per l’industria siderurgica e meccanica in Liguria.
Cavour voleva l’alleanza tra Francia per battere l’Austria e nel 1855,scoppiò la Guerra di Crimea tra Russia e Turchia contro Inghilterra e Francia ci fu anche il Regno Sardo con i bersaglieri. Nel 1856 Cavour interferì nel congresso di Parigi e denunciare gli Austriaci. Nel 1858 Napoleone III firmo i Patti di Plombieres ,e promise l’intervento francese in cambio di Nizza e della Savoia se l’Austria avesse compiuto il primo atto di guerra. Nel 1859, gli Austriaci andarono nel confine del Piemonte dando inizio alla Seconda Guerra d’Indipendenza. I Francesi si unirono ai Piemontesi e pero vinsero gli Austriaci. Giuseppe Garibaldi, liberava Brescia,Bergamo,Como e Varese.
Emilia e Toscana cacciarono i loro sovrani e disarmarono le truppe del papa . Nel 1859, Napoleone III, firmò a Villafranca un armistizio con Francesco Giuseppe: l’Austria do la Lombardia al Regno Sardo , ma conservò il Veneto e voleva la restituzione dei territori del Centro-Nord.
Cavour diede le dimissioni nel 1860 , e diede alla Francia, Nizza e la Savoia e incita l’Emilia Romagna e la Toscana a votare l’annessione al Regno di Sardegna. Crispi e Garibaldi liberarono il Mezzogiorno. Partiti da Quarto sbarcati a Marsala , i Mille garibaldini sconfissero a Calatafimi i borbonici e entrarono a Palermo . Nino Bixio,braccio destro di Garibaldi ,diede il via alle fucilazioni perché c’era un conflitto tra garibaldini e contadini perché volevano una rivoluzione sociale. Garibaldi andò in Calabria e poi andò a Napoli , dove assunse “la dittatura del Regno delle due Sicilie in nome del re d’Italia“.
Cavour fu spaventato dalle vittorie dei Mille, e temeva che Garibaldi fece nel Meridione una repubblica democratica e che prendesse Roma aiutandosi con Napoleone III ;allora disse a Vittorio Emanuele II di invadere lo Stato pontificio senza toccare il Lazio e soprattutto Roma. A Teano Garibaldi consegnò a Vittorio Emanuele II il Regno delle due Sicilie e il 17 marzo 1861 Vittorio Emanuele II diventò re d’Italia.
tzupeppe
tzupeppe - Sapiens - 358 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie shark !!!
cmq io avevo bisogno di uno schema perkè io ho grosse difficoltà a farli
proprio nn sò mai neanke da dove partire.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Corra96

Corra96 Moderatore 3218 Punti

VIP
Registrati via email