• Filosofia
  • rivoluzione francese e napoleone...

scannetta
scannetta - Habilis - 240 Punti
Rispondi Cita Salva
domani ho il compito sulla rivoluzione francese e napoleone.....mi aiutate a fare un sintesi di tutto cio??????o anke uno skema sulle tappe????grazie milleeeeeeeeee........
un bacino a tutti
Cronih
Cronih - Genius - 23969 Punti
Rispondi Cita Salva
Cause

Prima del 1789, la Francia era una monarchia assoluta legata alla tradizione medioevale. Il Re, fiancheggiato dal clero e dalla ricca nobiltà, deteneva i tre poteri. Lo stato era incapace di adeguarsi ai mutamenti in atto e opprimeva le masse, ormai vessate da sgravi fiscali. L'invio di truppe e rifornimenti per sostenere gli Americani in lotta contro gli Inglesi aggravò la pesante situazione economica francese già in crisi perché vincolata all'agricoltura. La tassazione nei confronti dei contadini aveva raggiunto il limite di sopportazione, già minato dagli esosi oneri signorili ricollegati ad un antico sistema feudale. Il peggioramento inesorabile della condizione contadina fu anche dovuto alla crisi che sconvolse la produzione cerealicola del 1787 a causa di disastri meteorologici. I tenui tentativi del sovrano Luigi XVI di riformare il sistema fiscale, altamente squilibrato, vennero contrastati dal clero e dai nobili in quanto avrebbero dovuto rinunciare a buona parte delle loro ricchezze e dei loro privilegi. Le proposte del ministro delle finanze Necker puntavano infatti a limitare la classe dirigente e ciò gli costò la carica. Egli aveva tentato di attuare un prelievo fiscale più equo coinvolgendo le classi ricche e una riduzione degli sprechi attraverso tagli delle spese. Inoltre, le idee illuministiche si erano ormai diffuse in tutta Europa proponendo un atteggiamento fortemente antitradizionalista, nutrito dalla convinzione che il passato, in particolare il Medioevo, coincidesse con l'età dell'ingiustizia, del sopruso, della superstizione e dell'ignoranza. Opponendosi a sistemi antiquati che limitassero la libertà del singolo individuo in funzione di un ideale cosmopolita. Se dal punto di vista sociale, la Francia era in una profonda crisi, anche il sistema politico non respirava aria salutare. Non solo i contadini, ma anche la media borghesia aveva degli obiettivi ben definiti ed uno di questi era l'entrata nelle decisioni politiche. Obiettivi che portarono alla convocazione degli Stati Generali, sintomo di un esteso scontro che durerà per 10 anni. Il Terzo Stato, non avendo ottenuto né il voto per partecipante né riunioni congiunte dei tre ordini, si trovò fortemente sottovalutato e limitato nel proprio operato. Rimase il voto per ordine che, ovviamente, era sinonimo di mancanza di libertà poiché il 98% della popolazione francese aveva un solo voto contro il rimanente 2% tra clero e nobiltà. La volontà di una partecipazione politica attiva della borghesia commerciale veniva quindi stroncata sul nascere.
Scrive l'abate Sieyès al riguardo: "Che cos'è dunque il terzo stato? Tutto, ma un tutto impedito e oppresso. Che sarebbe senza l'ordine privilegiato? Tutto, ma un tutto libero e fiorente." Il passo seguente alla convocazione degli Stati Generali fu la formazione di un Assemblea Nazionale svincolata dallo stato illiberale. Come già detto, l'inasprimento delle relazioni tra "rivoluzionari" ed "oppositori" provoca reazioni violente, e un chiaro esempio lo troviamo con la presa della Bastiglia il 14 luglio 1789. La formazione di un governo tradizionalista da parte del sovrano e la concentrazione di truppe attorno a Parigi, scatenò la reazione della borghesia che formò una milizia armata. Quasi spontaneamente si generò una rivolta che Luigi XVI sottovalutò senza prendere misure di contenimento.



Obiettivi

La rivoluzione francese è stata guidata dalla media borghesia che sfruttò la forza delle masse contadine, prive di grandi obiettivi rivoluzionari, per raggiungere i propri scopi. Il principale obiettivo della borghesia era l'ammodernamento attraverso il passaggio dalla monarchia alla repubblica. Un passaggio verso uno stato formato da classi determinate in base al patrimonio e non in base alla nascita. Cioè uno stato fondato sulla mobilità e capace di evolvere, non fossilizzato su un'immobilità medioevale. Tali idee sono riassumibili in una finalità: la libertà. Fin dall'Assemblea Nazionale, poi costituente con l'aggiunta di membri aristocratici, venne stilata la "Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino" che fissò gli ideali rivoluzionari nel motto: "Libertè, Egalitè, Fraternitè". Questo implicò un passaggio verso i principi democratici di sovranità popolare e suddivisione dei poteri poi diventati effettivi nella Costituzione del 1791. Per raggiungere ciò, l'Assemblea abolì il regime feudale eliminando le corvèes e le decime, in un processo atto a colpire l'aristocrazia ed il clero.
Gli "assegnati" sono stati una soluzione al problema economico perché, oltre a limitare direttamente la ricchezza della Chiesa, hanno portato altro denaro nelle bisognose casse dello stato. Perciò, come scopo troviamo una lotta, spinta anche da uno spirito illuminista basato sulla razionalità, contro lo strapotere della Chiesa francese. E infatti la costituzione civile del clero del 1790 riformava l'organizzazione ecclesiastica sul modello di quella amministrativa. In più, sempre per migliorare le condizioni economiche, venne deliberata l'abolizione delle barriere doganali interne; la giustizia fu organizzata in modo più uniforme e ordinato. Un fine conseguente alla rivoluzione fu la guerra contro l'Austria voluta dai giacobini. Con tale scontro armato, essi sperarono di compattare le diverse fratture interne verso un unico avversario e quindi sistemare i contrasti nascenti. La genesi di una monarchia costituzionale sembrò porre termine alla rivoluzione, ma non fu così perché sia il sovrano insoddisfatto dei poteri limitati, sia i radicali giacobini desiderosi di partecipare attivamente alla politica minarono la precaria stabilità ottenuta dalla borghesia. Inoltre è chiara la decisione, degli anni seguenti, di cancellare tutto ciò che fosse legato al potere monarchico e di iniziare un processo di "scristianizzazione"; ne sono un esempio l'uccisione di Luigi XVI in pubblica piazza e la creazione di un nuovo calendario. Il secondo è un atto simbolico che taglia ogni legame con il passato. Le proposte radicali vennero sostenute da Robespierre, Marat e Danton. La rivoluzione ha anche come obiettivo la rivoluzione stessa. Nella costituzione del 1793, verrà fissato uno dei principi che la legittimerà pienamente. L'Articolo 35 recita: "Quando il governo viola i diritti del popolo, l'insurrezione è, per il popolo e per ogni frazione del popolo, il più sacro e il più imprescindibile dovere". Questo articolo rappresenta la volontà dei francesi di ribellarsi a ogni forma di oppressione e quindi giustificare gli sconvolgimenti rivoluzionari.



Opposizioni

Le forze di opposizione, in Francia, sono rappresentate dal monarca, dall'aristocrazia, dalla Chiesa, da contadini insoddisfatti e da monarchici. Fin dalla convocazione degli stati generali, sia il Sovrano che i suoi diretti sostenitori, continuarono a limitare le nascenti necessità del Terzo Stato non permettendogli di guadagnare potere. L'insoddisfazione di Luigi XVI per aver perso il potere assoluto lo portò ad atti controrivoluzionari nonostante fosse stata stabilita una monarchia costituzionale. Infatti, possedendo ancora il diritto di veto sulle decisioni dell'Assemblea Nazionale costituente, impedì tangibilmente i progressi borghesi. Il fine primario del Re era quindi la ricostituzione di una monarchia assoluta, anche con l'aiuto degli altri stati europei. Si ricordi che tali stati non legittimarono i nuovi governi rivoluzionari. Al fianco di Luigi XVI troviamo un gruppo di aristocratici fuggiti dalla Francia che cercarono di convincere le monarchie europee a dichiarare guerra alla madre patria. Per quanto riguarda la Chiesa, sempre si è opposta veementemente ai mutamenti improvvisi, violenti e pericolosi per difendere la propria egemonia. Dalla costituzione civile del clero, molti membri si rifiutarono di prestare giuramento alle istituzioni francesi e per questo vennero definiti "refrattari". Tutti i procedimenti dell'Assemblea verso la Chiesa, tuttavia, portarono più danni che miglioramenti. La somma di questa spinta controrivoluzionaria al mancato soddisfacimento dei bisogni della maggior parte dei contadini che non vedevano migliorare la propria condizione economica, anzi peggiorata dall'istituzione di una leva obbligatoria, portò gli stessi ad agire contro la rivoluzione. In Vandea, soprattutto, si notarono atti di ribellione poi soppressi nel sangue dalla dittatura di Robespierre. Era inevitabile che i contadini, privati della forza lavoro più giovane e della religione a cui erano secolarmente legati, non approvassero i successivi sviluppi della rivoluzione. Molti tra i francesi guidarono azioni controrivoluzionarie proponendosi come difensori della fede cattolica. Inoltre, ricordiamo i controrivoluzionari "termidoriani" che uccisero Robespierre (1794) ponendo fine alla "dittatura democratica" dei giacobini, agli anni del "Terrore"; riportando in funzione un governo borghese moderato.

NAPOLEONE BONAPARTE

(Ajaccio 1769 - Sant'Elena 1821). Condottiero e statista francese, imperatore dei francesi (1804-1814 e 1815). Appartenente alla piccola nobiltà provinciale corsa, studiò nel collegio di Autun, poi nelle scuole militari di Brienne e di Parigi. Nominato sottotenente di artiglieria (1785), alternò la vita di guarnigione a lunghi soggiorni in Corsica dove si legò al partito di Pasquale Paoli. Quando però questi insorse contro la Convenzione rivendicando l'indipendenza dell'isola, Napoleone e la sua famiglia, ritenuta filofrancese, dovettero fuggire a Marsiglia (1793). Divenuto fervido sostenitore della causa giacobina, si distinse nell'assedio di Tolone, occupata dagli inglesi, e fu nominato generale di brigata. Arrestato dopo il colpo di stato del termidoro e radiato dall'esercito, tornò rapidamente in auge allorché Barras gli affidò il compito di reprimere il colpo di stato realista del 13 vendemmiaio (1795). Avuto il comando dell'armata in Italia contro gli eserciti della prima coalizione, le vittorie conseguite (1796-1797) lo affrancarono progressivamente dalla subordinazione al Direttorio. Forte del prestigio conquistato sul campo, impose una linea diplomatica e scelte sull'assetto istituzionale dei territori conquistati che si discostavano dalla politica ufficiale. La successiva spedizione in Egitto (17981799), destinata a colpire l'Inghilterra nei suoi traffici in oriente, non fu un completo successo. Ben più gravi furono, tuttavia, le sconfitte subite dalle armate francesi in Europa che screditarono completamente il Direttorio. Il diciotto brumaio Napoleone volse la situazione a suo favore instaurando una dittatura militare nelle forme sancite dalla costituzione dell'anno VIII (1799) in base alla quale fu proclamato primo console. Successivi plebisciti popolari gli consentirono il passaggio al consolato a vita (1802) e, infine, all'impero (1804). Strenuo fautore di una riorganizzazione dello stato fondata su un forte potere esecutivo e sull'accentramento amministrativo, Bonaparte sottopose l'intero territorio francese al controllo del governo centrale tramite l'azione dei prefetti e dei sindaci che erano di nomina governativa. In ambito giuridico realizzò un'imponente opera di omogeneizzazione degli ordinamenti legislativi, ponendo fine alla molteplicità delle fonti del diritto che aveva caratterizzato la Francia di antico regime. In particolare fu di grande importanza il Codice civile che, esteso a tutti gli stati annessi o vassalli, sancì i principi della libertà individuale, dell'uguaglianza giuridica e della proprietà privata. Napoleone si sforzò di riorganizzare le finanze pubbliche e istituì la Banca di Francia, liberando lo stato dalla dipendenza dai banchieri privati. Per favorire la pace sociale riammise gli emigrati monarchici disposti a giurare fedeltà al regime e soddisfece le istanze dei cattolici stipulando un concordato con la Santa sede (1801) con il quale si riconosceva il cattolicesimo come religione della maggior parte dei francesi. La politica estera perseguita da Bonaparte gli consentì, con la forza delle armi (guerre napoleoniche), di riorganizzare temporaneamente l'Europa centroccidentale in modo conforme agli interessi francesi, introducendo tuttavia profonde riforme negli assetti istituzionali e sociali dei paesi assoggettati


gurda se trovi qualkosa che ti potrebbe interessare in questo riassunto!!
scannetta
scannetta - Habilis - 240 Punti
Rispondi Cita Salva
oi grazie mille!!!!!!!!!!
Cronih
Cronih - Genius - 23969 Punti
Rispondi Cita Salva
di niente!!!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Pinchbeck

Pinchbeck Moderatore 2645 Punti

VIP
Registrati via email