lucas22f
lucas22f - Sapiens - 389 Punti
Rispondi Cita Salva
per domani devo fare il compito di storia... ki mi aiuta?

ecco le domande:
1 ) Quali eventi scatenarono la rivoluzione francese?
2 ) Perchè la costituzione del 1793 è considerata la più democratica tra tutte quelle varate dopo la rivoluzione dell '89?
3 ) Come giunse al potere Napoleone in Francia? (= principale tappe della sua ascesa politica)
4 ) Che cosa fu il blocco continentale e perchè le sue conseguenze furono tanto negative per la politica napoleonica?
5 ) Cosa fu il Codice Civile? E perchè gli storici (e Napoleone stesso) lo considerano la principale eredità lasciata da Napoleone?
6 ) Quali furono i principali effetti del dominio napoleonico in Italia?
7 ) Quali princìpi dominarono il Congresso di Vienna e di cosa non si tenne invece conto?
8 ) Quali potenze uscirono maggiormente rafforzate dal Congresso di Vienna? Quali paesi ebbero solo il ruolo di stati-cuscinetto?

Grazie...
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
1 ) Quali eventi scatenarono la rivoluzione francese?
La rivoluzione francese fu anche dettata dalla scarsa partecipazione degli intellettuali nella vita politica, sebbene la Francia Illuminista potesse contare su un vivace dibattito culturale, dovuta anche alla forte politica d'opposizione che s'era creata in quegli anni.
Fra i tanti problemi di governo figurano la crisi economica che la Francia attraversò negli anni 1780 che portò alla convocazione degli Stati generali; i criteri di rappresentanza del Terzo Stato in quest'ultima, nonché la conseguente rivendicazione di maggiori diritti sociali, civili e politici. In maniera minore anche l'inadeguatezza di Luigi XVI, incapace di imporre una riforma fiscale che avrebbe tassato Clero e Nobiltà, i due ceti privilegiati da sempre esenti dal pagamento delle imposte. (tratto da wikipedia)

2 ) Perchè la costituzione del 1793 è considerata la più democratica tra tutte quelle varate dopo la rivoluzione dell '89?

è la costituzione a maggioranza giacobina. Evidenti sono le differenze con la Costituzione del 1791. Qui, infatti, si prevede un rafforzamento del potere legislativo, il suffragio universale, il referendum popolare, l'assistenza agli i nfermi ed ai più poveri, il diritto allo studio in una scuola laica e pubblica. Nel corso dell'Ottocento questa sostanziale differenza si ripercuoterà su due movimenti di pensiero: la borghesia liberale si ispirerà, infatti, alla Costituzione del 1791, quella democratica e radicale troverà nella Costituzione del 1793 il suo punto di riferimento ideologico e politico. Il popolo francese , convinto che l'oblio e il disprezzo dei diritti naturali dell'uomo sono le sole cause delle sventure del mondo, ha deciso di esporre in una dichiarazione solenne questi diritti sacri e inalienabili, affinchè tutti i cittadini potendo paragonare incessantemente gli atti del Governo con il fine di ogni istituzione sociale, non si lascino opprimere ed avvilire dalla tirannia, affinchè il popolo abbia sempre davanti agli occhi le basi della sua libertà e della sua felicità, il magistrato la regola dei suoi doveri; il legislatore l'oggetto della sua missione. Di conseguenza, esso proclama, al cospetto dell'Essere Supremo, la seguente dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino. [url=http:www.robespierre.it/rivoluz_cost_rep.htm](tratto da qui)[/url]

3 ) Come giunse al potere Napoleone in Francia
[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:1uAB3KqQBRkJ:www.vitellaro.it/silvio/storia%2520e%2520filosofia/Appunti%2520storia/ascesa%2520di%2520Napoleone.doc+ascesa+politica+napoleone&hl=it&ct=clnk&cd=5&gl=it]clicca[/url]

4 ) Che cosa fu il blocco continentale e perchè le sue conseguenze furono tanto negative per la politica napoleonica?
il blocco è il divieto, fatto da Napoleone Bonaparte il 21 novembre 1806 da Berlino (Decreto di Berlino), di far attraccare le navi inglesi in qualsiasi porto dei paesi soggetti al dominio francese. Egli lo fece per rispondere al blocco dei porti francesi già fatto dalla marina Britannica che sequestrò qualche navi francesi ed anche qualche nave neutrale.
Il blocco però divenne un'arma contro lo stesso Napoleone: non era accettato dalle nazione a lui alleate "e ciò contribuì a ridurre di gran lunga il favore che la politica di Napoleone e lui stesso personalmente godevano presso una parte consistente delle loro popolazioni. Il mancato rispetto da parte dei paesi non direttamente amministrati dalla Francia costrinse inoltre l’Imperatore, per motivi non solo economici ma anche di prestigio, ad intervenire contro di loro militarmente, con gran dispendio di risorse umane e materiali che alla lunga si rivelò fatale. L’intervento contro Spagna e Portogallo (altro paese, insieme all’Olanda, che, vivendo di traffici marittimi, non poteva permettersi, pena il disastro economico, l’inimicizia della prima potenza marinara del mondo) del periodo 1807-1809 ebbe per scopo (anche se non l’unico) di imporre alle due nazioni il rispetto del Blocco e la Campagna di Russia del 1812, che condurrà Napoleone alla rovina, fu la risposta all’ultimatum di Alessandro I di Russia (27 aprile 1812), nel quale lo zar intimava a Napoleone anche la rimozione del Blocco nei confronti della Russia. Anche agli inglesi le misure di ritorsione al Blocco crearono parecchi problemi con le nazioni cosiddette “neutrali”, in particolare il “diritto di perquisizione” con le relative azioni compiute dalle navi britanniche nei confronti di quelle degli Stati Uniti d’America fu uno dei principali motivi che determinarono la dichiarazione di guerra di questi ultimi all’Inghilterra il 4 giugno 1812. Complessivamente, guardando cioè a tutti gli aspetti della questione e non solo a quelli strettamente economici, l’Inghilterra riuscì tuttavia a contenere le conseguenze negative del Blocco (e dei suoi relativi sviluppi) molto meglio della Francia".(tratto da wikipedia)

5 ) Cosa fu il Codice Civile? E perchè gli storici (e Napoleone stesso) lo considerano la principale eredità lasciata da Napoleone?

pubblicato nel 1804 era un insieme di 36 leggi che regolamentavano le istituzioni del diritto civile francese. perchè è un'opera originale ma che segna anche un periodo di cambiamento inoltre esso è importante poichè fu ripreso dagli autori del Codice di procedura civile (1806) e del Codice di commercio (1807).

6 ) Quali furono i principali effetti del dominio napoleonico in Italia?
In Italia Napoleone ampliò i territori sotto il suo dominio e diede un assetto alla penisola che avrebbe potuto cambiare solo con la caduta del suo impero; la sua decadenza iniziò con la campagna di Russia, in cui l'esercito napoleonico, pur entrando vittorioso nella capitale russa, fu costretto ad una drammatica ritirata che costò la vita ad un gran numero di soldati francesi. Le forze della nuova coalizione, costituite da Gran Bretagna, Austria, Prussia, Russia e Svezia, poterono così riuscire a sconfiggere Napoleone ed entrare trionfanti a Parigi nel 1814. Naturalmente questo crollo comportò lo sfacelo dell’assetto politico dell’Italia e il Papa poté riprendere tranquillamente dimora a Roma. In seguito Napoleone riprese il potere in Francia e tentò l'ultimo colpo di coda, venendo però sconfitto definitivamente a Waterloo e costretto all'esilio. Furono le potenze vincitrici a dettare il nuovo assetto politico dell'Europa post-napoleonica durante il Congresso di Vienna, i cui lavori proseguirono incuranti del ritorno sulla scena di Napoleone, con lo scopo di riportare l'Europa allo status quo ante. Il progetto napoleonico crollò, ma il suo messaggio e la sua importanza rimasero indenni, anzi si svilupparono come idee innovative in un continente conservatore. ([url=http://209.85.135.104/search?q=cache:eXXYUHJ2pkoJ:www.liceoberchet.it/ricerche/netday98/premesse/quadronap.htm+dominio+napoleonico+italia&hl=it&ct=clnk&cd=1&gl=it]tratto da qui[/url])

7 ) Quali princìpi dominarono il Congresso di Vienna e di cosa non si tenne invece conto?
Si svolge il 1° ottobre 1814 al 9 giugno 1815 e vi parteciparono le più importanti nazioni europee, si cercò di dare un nuovo assetto all'"Europa napoleonica".

In realtà si cercò di dare un assetto alle sole altre potenze, in quanto i termini di pace con la Francia erano già stati stipulati con il precedente trattato di Parigi del 30 maggio 1814. Le decisioni del Congresso seguirono due linee-guida per l'assegnazione dei territori europei ai vari sovrani e seguirono due principi:
* il principio di equilibrio = nssun paese doveva avere la supremazia su di un altro e mirava ad equilibrare le forze
* il principio di legittimità = Lo stato ritornava ai legittimi sovrani
Il secondo principio nn fu sempre rispettato, ne attribuito in tutti i paesi, non tutti i paesi uscirono rafforzati dal congresso: mil congresso è stato spesso criticato per non aver dato alcuna importanza agli impulsi nazionali e liberali, e per avere imposto una reazione repressiva sul continente.

8 ) Quali potenze uscirono maggiormente rafforzate dal Congresso di Vienna? Quali paesi ebbero solo il ruolo di stati-cuscinetto?
lucas22f
lucas22f - Sapiens - 389 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie mille..... mi hai salvato
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
alla prossima ciau!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
pizzibutti

pizzibutti Blogger 284 Punti

VIP
Registrati via email