SABRISAL
SABRISAL - Ominide - 14 Punti
Salva
che cos'è l'analisi del bello in kant e l'universalità del giudizio estetico
ale92t
ale92t - Genius - 4788 Punti
Salva
Ciao Sabrisal

Ragion Giudizio:
La Critica della Ragion Giudizio si occupa del sentimento e della bellezza, per molti la Ragion Giudizio è una via di mezzo tra le altre due Critiche, ma non la loro conciliazione: nella Ragion Pura l'uomo non è libero, ma legato al sensibile, l'uomo nella Pura è scollegato dalla natura alla quale da delle leggi, ma che rimane rispetto all'uomo una realtà differente; nella Pratica invece l'uomo è libero e la natura gli è ostile, perchè la natura gli dice di seguire le sue inclinazioni e i piaceri e non la morale; nella Giudizio, infine, la naturà non è né ostile né indifferente all'uomo, ma ha una finalità che è l'uomo stesso.
Nella Ragion Giudizio la natura è vista come principio soggettivo del Giudizio Universale, dove per soggettivo si intende proprio del soggetto. i Giudizi Kantiani si dividono in:
Riflettenti: quelli che fanno riflettere l'uomo, l'uomo infatti pensa che la natura non sia solo meccanicistica, ma abbia un fine quindi che sia finalistica.
Determinanti: quelli che fanno conoscere la realtà tramite le dodici categorie e comprendono due tipi diferenti di Giudizio:
1) Estetico: si occupa del bello e del sublime, le cose belle hanno come finalità l'uomo, ovvero il suo piacere e il bello per essere tale si basa sul disinteresse (una cosa è bella perchè è bella), sulla finalità senza scopo (è bello ciò che è armonioso) e sull'universalità (il bello è dimostrabile intuitivamente e non intellettualmente). Inoltre la bellezza è anche libera, la bellezza non è nell'oggetto, ma nell'uomo (terza rivoluzione copernicana di Kant la bellezza non è nell'oggetto, ma nell'uomo) e aderente, la bellezza aderente è il sublime, che non è immediato come il bello, infatti in un primo momento il sublime provoca nell'uomo un senso di piccolezza ed impotenza.
Se il bello deriva dall'armonia, il sublime deriva dalla non armonia. Il sublime può essere dinamico, quando si ha davanti qualcosa di assolutamente potente o matematico, quando l'uomo è davanti a qualcosa di assolutamente grande.
2) Teleologico: qui il fine della natura non è l'uomo, ma la natura stessa.
da: http://www.skuola.net/filosofia-moderna/kant-critica-giudizio.html

:hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 376 Punti

VIP
Registrati via email