JimmyPage
JimmyPage - Erectus - 140 Punti
Rispondi Cita Salva
Chi ha voglia di farmi un riassuntino delle filosofie ellenistiche (accademia Platonica, Stoa, Giardino, liceo Aristotelico) e qualche accenno allo Scetticismo, al Cinismo ed all'Epicureismo.
Inoltre chi mi aiuta a capire meglio la logica di Aristotele??

Grazie mille a chi posterà (di sicuro una persona lo farà! :D)
apona88
apona88 - Genius - 37906 Punti
Rispondi Cita Salva
ti linko un pò di siti interessanti con dei riassunti...

- Ellenismo
- Scetticismo
- Cinismo
- Epicureismo
- Logic aristotelica
JimmyPage
JimmyPage - Erectus - 140 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie mille!
JimmyPage
JimmyPage - Erectus - 140 Punti
Rispondi Cita Salva
Eccola! Grazie mille Francy! Sempre gentilissima!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
OOPS!!! ho sbalgiato e ho cancellato quello che ti avevo scritto questo pomeriggio...però non disperare ti ho ri-scritto le cose vecchie e ho finito aggiungendo quelle che mancavano...fammi sapere se è tutto ok!


ACCADEMIA DI PLATONE:
Fondata da Platone nel 387 prende il nome da Academo, un eroe greco, il cui nome fu dato ad una borgata di Atene, qui naacuqe la sucola di Platone che presse il suo nome. Fu una delle scuole più longeve dell'antichità, la vita della scuola in genere si usa suddividerlo in tre parti:
1 - fase antica
2 - fase media
3 - fase della Nuova Accademia
Ti riassumo in breve il pensiero di Platone che nell'Accademia veniva insegnato (non scordare che Platone è completamente influenzato dal suo maestro e dagli eventi che hanno portato alla sua morte, egli risente molto di Socrate, chep il protagonista di tutti i suoi dialoghi...Molti ritengono che Platone abbia tradotto in pratica la filosofia Socratica, mettendo in un luogo fisico il bene: l'iperuranio o anche mondo delle idee).

Platone:
discepolo di Socrate è molto attaccato l suo maestro la sua filosofia è sintomo di due momenti storici molto importanti:
1) La morte di Socrate: Platone prova disgusto per questo evento, ovvero per la condanna di un uomo giusto.
2) La situazione politica della polis: Platone matura l’idea che il Re = filosofo da cui nasce l’esigenza di fondare l’Accademia per formare i futuri governatori.
Dopo l’accusa di inconcludenza rivolta a Socrate, Platone decide di collocare il bene Socratico, in un posto metafisico (poiché nel mondo empirico il Bene non si realizza mai totalmente), l’Iperuranio o Mondo delle Idee. Al Mondo delle Idee partecipano tutti gli uomini prima di nascere.

Come fa Platone a postulare l’esistenza di un altro mondo? Parte dall’idea che la scienza ha come oggetto elementi universali, tuttavia sulla terra non possiamo trovare elementi universali, ma solo cose imperfette, poiché la scienza non può studiare cose imperfette, dovrà studiare la cose nella loro perfezione: l’idea delle cose. Tali idee non possono stare in un mondo mutabile ed imperfetto, bensì in uno immutabile e perfetto.

Parricidio: Platone si ri fa a Parmenide, ma ne supera la dottrina. Platone non parla di mondo dell’Unità, ma di mondo delle idee al quale il mondo Empirico che ne è copia imperfetta può partecipare.

Il Mondo delle Idee: nel Mondo delle Idee, le Idee, sono poste in maniera piramidale dalla più elementare alla più sublime:
1) alla base ci sono le idee elementari
2) poi le idee matematiche
3) poi le idee valori
4) infine vi è l’idea di Bene che riordina gerarchicamente tutte le altre: se il Bene sovrasta tutto vuol dire che è bene che tutto sia così

Il Mondo Empirico: è una copia imperfetta e mutevole del Mondo delle Idee, e il bene qui si identifica nella ricerca del bene, ogni cosa qui è una copia imperfetta del mondo ideale. L’uomo è partecipe del mondo ideale perché prima di nascere la sua anima conosce le idee nell’Iperuranio, solo chi è riuscito a vedere fino all’idea di bene potrà diventare Re, e colui che conosce l’idea di bene è il filosofo da qui nasce la dottrina platonica del re = filosofo o del filosofo = re.

STOA DEGLI STOICI:
è un movimento molto grande fondato da Zenone di Cizio nel 300 a.C. che avrà un largo spazio di diffusione nell'epoca romana. La stoa vive tre periodi:
1- Antica Stoà (III-II secolo a.C.).
2- La Media Stoà (II-I secolo a.C.).
3- La Nuova Stoà (I-III secolo d.C.).
Ecco i punti fondamentali del pensiero stoico:
* Tutto è logos, tutto per gli stoici è retto da una legge razionale, la casulità nn esiste, tale razionalità è da loro detta il logos. Tutto ciò hce accadee, accade in virtù del logos quindi le cose non potrebbero andare diversamente. TUtti i fenomeni del mondo sono manifetazione del logos

* Sono molto attenti alla logic, la logica classica infatti trov ale sue basi principalmente negli stoici e in Aristotele

* Se ogni cosa accade per volere del logos, ne deriva che anche l'uomo nel suo agire deve rispettare un qualcosa che gia è stato pre-determinato dal fato o dal destino, l'unic alibertà che ha l'uomo è quella di nn contrastare, di non opporsi al so destino. e un modo per farlo è quello di sopprimere gli istinti e le passioni, il phatos che è in antagonismo con la ragione, con il logos . L'uomo deve allotnanare da se le passioni che deve saper dominare. Il saggio stoico è colui che si astiene dalle passioni e guarda al mondo con distacco. Le passioni danno all'uomo aspirazini e sogni impossibili da ottenere per questo esse sono fonte di grande infelicità.

* Esistono inoltre 3 tipi di azioni per gli stoici:
1- quelle doverose, in armonia con il logos da fare sempre
2- quelle ingiuste da evitare perchè si rifugiano nell'abbandono alle passioni
3- quelle indifferenti, che mirano alla ricchezza, alla bellezza, alla gloria...

* Per lo stoico lo scopo essenziale della vita è quello di vivere una vita virtuosa, ovvero vivere secondo il logos. Le quattro virtù fondamentali dell'uomo sono: saggezza = propria di chi comprende l'autentico senso della verità; giustizia = che puo essere messa in pratica solo dal saggio; fortezza e temperanza = servono ad affrontare gli eventi e capire che ogni cosa che accade anche la più brutta è inevitabile, poichè non poteva che andare così per volere del logos

* Per gli stoici il tempo era circolare: tutto era soggetto ad un eterno ritorno: s irifondano periodicamente il tempo e i suoi eventi = apocatastasi. Il principio che compone ogni cosa materiale è il fuoco che distrugge e ricrea . Og ni cosa che accade si riproporrà nel tempo nel solito modo!

LICEO DI ARISTOTELE:
Il liceo Aristotelico è considerato la prima sucola superiore che sia mai esistita, fu fondato nel 336 s idice che Aristotele amasse insegnare mentre passeggiava per consentire ai suoi discepoli un contatto più diretto con la natura. Dalle lunge passeggiate sotto il peripatos, la scuola fu detta peripatetica e peripatetici i suoi alievi. Il liceo aveva lezioni mattutine e pomeridiane, le seconde erano molto selettive e nn erano per tutti, inoltre erano previsti dei lavori di approfondimento, delle ricerche e così via...
Ecco un riassunto del pensiero di Aristotele che nella scuola veniva insegnato:

Aristotele:
Gli scritti aristotelici si dividono in due categorie:
- esoterici: destinati alle lezioni per i suoi discepoli
- essoterici: quelli destinati al pubblico (e quindi la metafisica, la fisica....)- La grande innovazione di Aristotele rispetto a Platone sta nella concezione della sostanza che non è nell'idea (come per Platone), ma nella cosa stessa. La sostanza aristotelica è perciò unione di materia e forma.
Per Aristotele ogni cosa è Sinolo: tutto è nel mondo empirico non ci sono solo copie come avrebbe detto Platone.

La divisione delle scienze: Aristotele divide le scienze in teoretiche a cui appartengono la metafisica, fisica e matematica e in Pratiche, le pratiche a loro volta possono essere paratiche dell'agire o poietiche del fare.

La metafisica aristotelica: Studia le cause, studia l'essere in quanto essere, studia la sostanza e studia Dio. la metafisica è l'unica scienza che non studia una sola parte dell'essere ma l'essere in generale. Dio non è sinolo, ma E' Pura Forma, ovvero la Sostanza per Eccellenza.

Dottrina delle quattro cause: per Aristotele esistono quattro cause: 1-Materiale: ad esempio un albero è causato dal seme.
2-Formale: il seme deve avere in sé la forma di ciò che nascerà.
3-Eficente: serve qualcuno che pianti il seme.
4-Finale: serve l'intenzione di avere un albero.
Nella dottrina delle quattro cause si nota l'attenzione che Aristotele ha non solo per la sostanza, ma anche la volontà di sapere da dove viene la sostanza e da come viene la sostanza. Da qui la teoria della Potenza e dell'atto che non sono concetti fissi, ad esempio l'embrione è la potenza di un bambino il bambino è l'ebrione in atto, ma il bambino a sua volta è potenza di un anziano che è un bambino in atto....la potenza quindi tende all'atto che si identifica con la forma. Per Aristotele la scienza è una scienza attraverso le cause ovvero la scienza che si interroga sul perchè e non sul come.

Scienza Aristotelica: l'universo per Aristotele è finito e diviso in un mondo sublunare che è mosso da due movimenti uno verso l'alto e l'altro verso il basso; mondo lunare o mondo della perfezione e quindi dotato di movimento circolare. Il movimento rettilineo è dato dal movimento della terra che poi muove gli altri tre elementi (aria, acqua e fuoco). Il primo motore da cui tutti questi movimenti prendono vita è Dio che è per Aristotele il Primo Motore Immobile (la fisica si lega alla Metafisica co la Teoria del Primo Motore immobile).

La Logica: è la scienza che studia la struttura del pensiero, la logica studia il discorso quando è razionale. il concetto per Aristotele puo avere:
- una estenzione= tutti gli enti a cui il concetto puo essere esteso e una - una comprensione= le caratteristiche di quel concetto e sono essenziali.
In un concetto tanto più aumenta la comprensione tanto più diminuisce l'estensione.

Le Premesse: Ogni premessa dipende dal termine medio e serve per collegare due frasi es.
frase 1: tutti gli uomini sono mortali
frase 2: Socrate è un uomo
il termine medio sarà uomo e uomini, ne deriva come conseguenza la frase 3: Socrate è mortale, ogni premessa dai caratteri generali arriva al particolare.

Sillogismo: i sillogismi hanno un termine medio M; un predicato P; un soggetto: S; eduna conseguenza SP. ci sono due tipi di sillogismo: MP e SM da cui deriva SP; altrimenti PM e SM da cui deriva SP; ne deriverà che MP e MS = SP.
Il sillogismo è discutibile nella realtà, e di sillogismo in sillogismo si arriva ad un punto che non si deve più spiegare. Dal sillogismo si arriva a tre principi:
1)indentità A=A.
2)non contraddizione A diverso B.
3)Escluso A=A; A diverso da B.

L'Etica: è la sicenza che indirizza l'agire dell'uomo, ogni fine indirizza ad un altro fine finchè non si arriva al fine ultimo, il sommo bene, che consiste nel realizzare le proprie capacità al massimo. le virtu aristoteliche sono etiche ovvero che guidano le azioni dell'uomo e dianoetiche che derivano dalla razionalità dell'anima in generale.

L'uomo come animale politico: l'uomo per essere considerato tale ha bisogno di vivere in collettività: si comincia con la famiglia, poi le famiglie si uniscono in villaggi e i villaggi in stati, per Aristotele non esiste uno Stato ideale ma analizza gli Stati ogni forma di stato puo essere buona o cattiva egli analizza tre tipologie di stato:
1- Democrazia dove regnano i più.
2-Aristocrazia dove regnano i migliorri e se mal gestita diventa oligarchia.
3-Monarchia dove regna uno solo, ma se gesita male diventa tirannide.

GIARDINO DI EPICURO:
Prende questo nome perchè le lezioni si tenevano nel giardino di una casa d alui acquistata, la filosofia di Epicuro, vuole rendere l'uomo felice liberandolo dalle preoccupazioni che da sempre lo hanno oppresso per questo la sua filosofia prende anche i lnome di Farmaco per l'anima che si rifà a quattro regole principali:
1. L'uomo non deve temere gli déi e il loro giudizio perchè se esistono non si occpuano dlel'uomo infatti chi è perfetto come le divinità non puo preoccuparsi altrimenti non sarebbero né perfetti né imperturbabili, essi quindi risiedono nell'intermundia e si disinteressano all'uomo
2. Morte: Essendo solo disgregazione degli atomi nn arreca dolore quindi non va temuta
3. Piacere è accessibile a tutti;
4. Dolore: quello acuto non deve essere temuto perchè porta quasi subito alla morte che non deve essere temuta, mentre se è breve non va tmeuto perchè sopportabile.
Per Epicuro l'uomo, per vivere felice, deve rispettare i suoi bisogni e distingue tre tipi di bisogni:
1. Primari Necessari come mangiare, bere, respirare, le amicizie...
2. Naturali come mangiare una certa cosa, avere una certa dimora...
3. non primari e non necessari come il bisogno di ricchezza, di gloria...
Gli ultimi desideri portano all'uomo solo angoscie e problemi e l'uomo deve evitarli.
Teoria degli atomi = come Democrito anche Epicuro pensa che la realtà sia costituita da atomi, solo che aggiunge alla visione atomica di Democrito la teoria del clinamen = gli atomi cadono nel vuoto in linea retta, ma alcuni di essi spontaneamente deviano (clinamen è questa deviazione) e in virtù di questa deviazione essi si possono incontrare tra di loro.


SCETTICISMO:
Lo scetticismo filosofico è essenzialmente una critica alla conoscenza assoluta: non si puo avere una sconsocenza che sia vera in modo assoluto, nasce nella antica Grecia e uno dei suoi più importanti esponenti sarà Pirone di Elea, che parlo di scetticismo pratico. Pe rgli scettici l'umo non ha accesso alla verità, quindi essi predicano una sospensione del giudizio che nn puo arrivare a verità certe. La pace per l'ìuomo scettico si raggiunge quindi rifiutando qualsiasi dottrina, così l'uomo potrà ottenere la pace interiore che p il dine pratico che gli scettici perseguono. Gli scettici nn negano la verità dei fenomeni, ma le dottrine che vogliono diventare le interpreti di queste verità.

CINISMO:
il nome deriva dal κύων, che significa cane, cane era il soprannome dato ad uno dei più importanti Cinici, Diogene. I cinici avevano una vita randagia. I cinici danno un nuovo significato al concetto di virtù: vita secondo natura

EPICUREISMO:
si intende per Epicureismo sia il pensiero di Epicuro che quello delgi studiosi che a lui si sono rifatti, ma credo che a te interessi il primo che trovi sopra quando ti ho parlato del giardino


E ocn questo possiamo considerare chiusa questa prima trattazione, ma chiusa solo a livello teorico, se hai qualsiasi problema o non hai cpaito qualche passaggio o frase, posta i tuoi dubbi o anche le tue domande che ne parliamo insieme! ciau ciau alla prox!
JimmyPage
JimmyPage - Erectus - 140 Punti
Rispondi Cita Salva
Meno male che mi sono portato avanti grazie al tuo post! Gentilissima ed esaustiva, come sempre! Alla prossima! ^^
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email