lollo4ever
lollo4ever - Sapiens Sapiens - 1211 Punti
Rispondi Cita Salva
Buonasera raga!! Mi trovo a che fare con un esercizio di filosofia in cui non riesco a saltarci molto fuori, mi affido dunque ai vostri preziosi aiuti e consigli!!

Ecco l'esercizio: Il relativismo dei valori, proprio dell'epoca dei sofisti, viene esplicitamente affermato da Protagora, il quale afferma che "l'uomo è misura di tutte le cose".

a) Rifletti sul significato da assegnare al termine "uomo" (sul quale gli studiosi non concordano) facendo qualche su ue possibili accezioni: come individuoe come popolo Continua l'elenco:
- Mario preferisce la stagione fredda, Giovanni è a suo agio solo d'estate ("uomo" come individuo)
- Per i cattolici la bigamia è inacettabile, come lo è la monogamia per gran parte dei musulmani ("uomo" come popolo)
Mi servirebbero altri 3 esempi!!

b) Le leggi morali e politiche scaturiscono dalle tradizioni dei popoli. Da che cosa dunque non scaturiscono? (al massimo 5 righe)

c) Se l'uomo è criterio di giudizio delle cose, è possibile che lo stesso oggetto possa essere osservato, conosciuto e descritto in modo differente. Sviluppa brevemente il seguente argomento: "IL RAPPORTO TRA PENSIERO ED ESSERE DA PARMENIDE AI SOFISTI"
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
a) Rifletti sul significato da assegnare al termine "uomo" (sul quale gli studiosi non concordano) facendo qualche su due possibili accezioni: come individuoe come popolo Continua l'elenco:
- Mario preferisce la stagione fredda, Giovanni è a suo agio solo d'estate ("uomo" come individuo)
- Per i cattolici la bigamia è inacettabile, come lo è la monogamia per gran parte dei musulmani ("uomo" come popolo) Mi servirebbero altri 3 esempi!!

1. Franco è molto felice di studiare, Marco non sopporta fare i compiti (individuo)
2. Gli Islamici non bevo no alcolici (popolo)
3. Francesca adora le scarpe con i tacchi e non sopporta quelle da ginnastica (individuo)
Spiegazione: uomo è individuo quando come negli esempi si dice che il soggetto specificato preferisce una cosa ovvero dire a me piace il dolce al cioccolato è un qualcosa che riguarda solo me quindi qui il concetto di uomo = individuo ed è ralativo ed è quello che diceva Protagora con l'uomo che è misura di tutte le cose.
Se invece si parla di una caratteristica di gruppo molto più che consistente di persone che hanno tutti in comune la stessa cosa si parla di uomo = popolo, e qui l'esempio del cristianesimo: che si definisce cristiano deve essere contro la bigamia...Perchè l'essere contro la bigamia e a favore del matrimonio, contro....identifica il gruppo religioso dei cristiani in questo caso....Spero di essere stata chiara


b) Le leggi morali e politiche scaturiscono dalle tradizioni dei popoli. Da che cosa dunque non scaturiscono? (al massimo 5 righe)
Dall'individuo e dal suo utilitarismo che non puo dar vita ad un sapere morale (poi argomenti tu credo sia questa la risposta che vuole la tua prof. non cpaisco perchè controcere tanto le domande....ma è riferito ai sofisti? Nel caso dei sofisti si parla appunto di relativismo etico e culturale)

c) Se l'uomo è criterio di giudizio delle cose, è possibile che lo stesso oggetto possa essere osservato, conosciuto e descritto in modo differente. Sviluppa brevemente il seguente argomento: "IL RAPPORTO TRA PENSIERO ED ESSERE DA PARMENIDE AI SOFISTI"
dovresti dirmi che altri filosofi avete fatto tra Parmenide e Sofisti...
intanto io ti parlo di Parmenide e dei Sofisti:
Per Parmenide e li Eleati in genere il pensiero si identifica con l'essere, per questo egli afferma che solo l'essere è, perché può essere pensato, il non essere che non può essere pensato non è proprio per questo motivo, si ha una coincidenza di pensiero ed essere.
Sofisti:
Si ha una frattura tra pensiero ed essere, i sofisti sono dei veri e propri antiparmenidei, essi al pensiero di Parmenide sostituiscono la conoscenza sensibile, ovvero quella che si ha con l'esperienza, ma affidarsi ad un simile sistema significa affidarsi d un sistema di conoscenza relativo, perché due persone possono percepire in modo differente la stessa cosa, essi credono nella conoscenza relativa, la morale sofista si incentra per questo sull'individuo.
lollo4ever
lollo4ever - Sapiens Sapiens - 1211 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti ringrazio infinitamente!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
l'ho fatto ho modificato la risposta su se hai problemi postali che cerco di risponderti
lollo4ever
lollo4ever - Sapiens Sapiens - 1211 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie mille.. cmq per ora siamo arrivati a Socrate!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
no dico tra parmenide e i sofisti chi altri avete fatto?
lollo4ever
lollo4ever - Sapiens Sapiens - 1211 Punti
Rispondi Cita Salva
Vabbè a parte i fisici pluralisti.. nessun'altro!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
ok allora va bene così! se hai dubbi chiedi pure...
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Penso possa bastare, chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 387 Punti

VIP
Registrati via email