piccolastella
piccolastella - Genius - 2850 Punti
Rispondi Cita Salva
X il korso di rekupero dovrei ripetere dalle origini della filosofia a Talete anassime e annassimandro...xo sulle origini della filosofia mi servono anke il passaggio dal mitos al logos ecc...rispodnetemi presto!

E urgentissimo mi potete spiegare il passaggio dal mytos al logos
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Per passaggio da mitos a logos si intende quel passaggio attuato dei primi filosofi che non si accontentano più dle mito per giustificare i fenomeni naturali, ma che affidano tale spiegazione al logos. I primi filosofi infatti attuano una vera e propria indagine sullorigine delle cose che è rintracciata non più nel mito ma in cause naturali e soprattutto i primi filosofi rintracciano la causa prima, l'arché del mondo dai 4 elementi

Presofisti e Presocratici:
Per correnti presocratiche intendiamo tutte le correnti di pensiero che precedettero Socrate, non tanto cronologicamente, quanto più idealmente. Questa divisione sottolinea l'importanza che ha avuto la filosofia socratica. i Presocratici o i Presofisti si dividono in 5 categorie:
1- Ionici di Mileto
2- Pitagorici
3- Eraclitei
4- Eleati
5- Fisici Posteriori

1- Ionici di Mileto:
Hanno in comune la convinzione che al di là di tutto esista una realtà unica ed eterna, un principio primo, arché, da cui tutte le cose si originano. i maggiori esponenti sono:
Talete: è il fondatore della scuola e fu, oltre che filosofo, un politico, un astronomo, un matematico e un fisico. Secondo Talete l'arché da cui tutto si origina è l'acqua, intesa anche come principio umido. La Terra sta sopra l'acqua.
Anassimandro: è il primo autore di scritti filosofici in Grecia. Secondo Anassimandro tutto si origina dell'infinito, indeterminato che tutto abbraccia e governa. Le cose derivano dalla sostanza Primordiale e si creano per separazione dei contrari.
Anassimene: Come Talete anche per lui il tutto si origina da una sostanza determinata aria o pneuma, l'aria è il principio del movimentoe di ogni mutamento.

2- Pitagorici:
Si parla di setta dei pitagorici poichè per i suoi seguaci Pitagora era il depositario di una sapienza divina e quindi immodificabile poichè: "ipse dixit".
Pitagora: Per Pitagora il corpo è la prigione dell'anima, e la vita è come una pena che l'anima deve scontare, tuttavia l'anima può liberarsi tendendo alla filosofia.
La filosofia per i pitagorici era matematica: tutto è numero e il numero è la sostanza delle cose. Qui il numero è considerato come un insieme di unità, per numero si intende il punto geometrico che tutto costituisce. Se la sostanza delle cose è il numero, le opposizioni tra le cose si riconducono ad opposizioni tra numeri: il numero si divide in pari e dispari e questa opposizione si riflette in tutte le cose del mondo che si divide nella parte corrispondente ai numeri pari e in quella corrispondente ai numeri dispari.
Filolao: Fu il primo a ritenere che la terra non sia il centro fisso del mondo, e che avanzò l'ipotesi secondo cui la terra e gli altri corpi celesti si muovono intorno ad un corpo fisso centrale denominato altare dell'universo (Hestia). Intorno al corpo centrale si muovono dieci corpi celesti, dieci perchè era il numero sacro per i pitagorici.
Eofanto: Fu il primo a riconoscere la rotazione della terra intorno al suo asse .
Eristarco: fu il primo a fare una vera e propria ipotesi eliocentrica, in quanto al posto del fuoco centrale collocò il sole anticipando in tal modo Copernico.

3- Eraclitei:
Eraclito: Alla base del pensiero di Eraclito c'è la contrapposizione tra la filosofia che corrisponde alla verità e la comune mentalità degli uomini ritenurta luogo di errore. Per Eraclito il padre di tutte le cose è il Polemos. Importante è la sua teoria del Panta Rei, tutto scorre. Egli riconosce l'origine di tutto nel Fuoco, inteso non in senso fisico, ma in senso criptico oracolare: il fuoco non è mai affine a se stesso, muta continuamente e vive del suo mutamento e della morte della legna. Inoltre un altra teoria eraclitea è quella dell'unità dei contrari: una slaita a seconda di come la si guarda può essere una salita o una discesa.

4- Eleati:
Parmenide: Colloca la verità e l'opinione in due mondi differenti e senza possibilità di mediazione. Nel suo libro Intorno alla Natura egli descrive il suo viaggio nei due mondi, in quello della verità descrive un palazzo bellissimo davanti al quale lo attendeva la dea della Giustizia, fa entrare solo chi ritiene giusto che possa entrare, all'interno della città c'era la dea Necessità, poichè tutto ciò che accade è necessario che accada. Dalle parola della dea Parmenide apprende l'insegnamento che : "Solo l'essere è e non può non essere, il non essere non è e non può essere". Il mondo della della verità è il mondo dell'Unità, dell'Uno Parmenideo, che è statico eterno e senza tempo. Solo l'essere può essere pensato ed espresso.

5- Pluralisti:
Cercano di ricondurre la razionalità l mondo empirico. I filosofi pluralisti sono tre: Empedocle, Anassagora e Democrito.
Queste icone indirizzano ai siti di social bookmarking dove i lettori possono condividere e scoprire nuove pagine web.
piccolastella
piccolastella - Genius - 2850 Punti
Rispondi Cita Salva
Per quali motivi si passa dal mito alla filosofia?
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
perchè gli uomini non si accontentano più di spiegazioni non scientifiche diciamo e vogliono OSSERVARE SCIENTIFICAMENTE le cause degli eventi è da questa osservazione che egli estrapolano le prime tesi logos è appunto il discorso il pensiero, non ci si accontenta più di un mito dato ma si vogliono pensare le cause e le origini del tutto!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
anny=)

anny=) Moderatore 30560 Punti

VIP
Registrati via email