• Filosofia
  • Commento sul pensiero di Max Weber

Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tutti!! Potreste aiutarmi a fare un commento sul pensiero di Max Weber? Riguardo al suo modo di vedere la società...
Grazie, Viking :hi
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Filosofia?
Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
No sociologia :)
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti fa niente se lo lasciamo qua? (Visto che Weber è un filosofo comunque...)
Viking
Viking - Genius - 5352 Punti
Rispondi Cita Salva
va bene! ragazzi se sapete aiutarmi, fatevi avanti...
stylelibero
stylelibero - Erectus - 80 Punti
Rispondi Cita Salva
Sotto il protestantesimo il dibattito teologico si è ampliato e, sull’onda della libertà individuale e di espressione, sono stati prodotti traduzioni e commentari biblici. Col passar del tempo, però, la libertà ha portato a galla la critica biblica. Sono state accolte nuove idee; l’autodeterminazione è diventata la norma comunemente seguita. Anziché essere come un placido sciabordare di onde, il progresso sembra ora il mugghiare di un mare in tempesta. Una fortissima corrente riformistica ha divelto le fondamenta stesse della dottrina cristiana tradizionale. Alternative moderne quali evoluzione, liberazione della donna e ‘nuova moralità’ sono come relitti abbandonati sulle spiagge, silenziose testimonianze dell’avvenuta tempesta. La religione personalizzata ha fatto sì che in alcuni paesi protestanti i singoli individui andassero alla deriva, lasciando ognuno naufrago sulla propria solitaria isola di fede.

Nelle zone protestanti il panorama è dominato dalla tendenza a mettere in discussione le norme accettate. La gente viene educata nel credo del progresso, della libertà e dei diritti umani. Nel 1904 Max Weber, un sociologo ed economista tedesco, pubblicò un saggio su protestantesimo e capitalismo. Egli affermò che il capitalismo non era semplicemente un prodotto della Riforma, ma in effetti scoprì che nelle zone capitaliste progredite e pluriconfessionali i proprietari, i leader, i più qualificati e preparati erano in genere protestanti. Secondo il Fischer Weltalmanach, due terzi dei 540 premi Nobel assegnati fino al 1985 erano andati a persone di cultura protestante. Solo il 20 per cento era stato assegnato a persone di estrazione cattolica. Delle venti nazioni che avevano il prodotto nazionale lordo pro capite più elevato, nove erano protestanti e due cattoliche. D’altro canto, su dieci nazioni in via di sviluppo e fortemente indebitate, cinque erano cattoliche e nemmeno una protestante.

Sul settimanale tedesco Der Spiegel è stato scritto che furono gli ideali calvinisti ad incitare gli inglesi a diventare una grande potenza mondiale. A partire dal XIX secolo, la crescente forza politica di Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna ha contribuito in modo determinante al rinnovamento sociale. Si è posto l’accento sul fatto che tutti dovevano avere uguali possibilità. Alcuni sono dell’opinione che i vortici creatisi all’interno della corrente principale della Riforma siano stati i precursori del socialismo moderno. La coscienza politica della responsabilità sociale ha preparato la strada al cosiddetto stato assistenziale. È stato soprattutto nelle regioni protestanti che le autorità civili hanno assunto a poco a poco il controllo degli aspetti legali relativi a nascite, decessi, matrimoni, divorzi ed eredità. Spesso c’è molta differenza tra paesi cattolici e protestanti per quel che concerne la possibilità di divorziare o di abortire legalmente.


Un fattore determinante

Fa differenza credere o no nel destino? “Le condizioni di vita degli uomini influiscono molto sulla loro filosofia, ma d’altra parte la loro filosofia influisce molto sulle loro condizioni”, scrisse il filosofo inglese Bertrand Russell.

In realtà, la credenza nel destino — che esso esista o no — può determinare il nostro comportamento. Credendo che la loro condizione sia volontà degli dèi, molti la accettano passivamente, per quanto ingiusta o oppressiva, come se fosse la loro sorte immutabile. Quindi la credenza nel destino mina il concetto di responsabilità individuale.

D’altro canto la credenza nel destino ha spinto altri nella direzione opposta. Ad esempio, gli storici fanno risalire lo sviluppo del capitalismo e la rivoluzione industriale a diversi fattori, uno dei quali è la credenza nella predestinazione. Alcune religioni protestanti insegnavano che Dio predestina gli individui alla salvezza. Il sociologo tedesco Max Weber dice: “Una domanda doveva sorgere per ogni credente . . . : sono io dunque fra gli eletti?” I singoli cercavano di stabilire se avevano la grazia di Dio e se erano quindi destinati alla salvezza. Weber sosteneva che facevano questo attraverso la loro “vita professionale laica”. Il successo negli affari e l’accumulo di ricchezze erano visti come un segno del favore di Dio.

La credenza nel destino spinge alcuni a compiere azioni estreme. I piloti giapponesi suicidi della seconda guerra mondiale credevano nel kamikaze o “vento divino”. L’idea che gli dèi avessero un disegno e che fosse possibile avere una parte in esso coloriva di sfumature religiose quella morte orrenda. Nello scorso decennio i dinamitardi suicidi in Medio Oriente hanno spesso fatto notizia per i loro raccapriccianti assalti. Il fatalismo ha un ruolo importante in questi “attacchi suicidi ispirati da convinzioni religiose”, fa notare l’Enciclopedia delle religioni.
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
http://www.skuola.net/sociologia/sociologia-weber-max.html
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
strategeek

strategeek Geek 72 Punti

VIP
Registrati via email