lisat
lisat - Erectus - 72 Punti
Rispondi Cita Salva
c è qualcuno che mi può spiegare la logica e la metafisica di aristotele? in modo da comprenderla che mi risulta complicato come argomento grazie in anticipo =)
caligola
caligola - Sapiens Sapiens - 1379 Punti
Rispondi Cita Salva
CIAO OGGI HO FATTO L'INTERROGAZIONE SU ARISTOTELE E LE SCUOLE ELLENICHE QUINDI SONO SUPER PREPARATO. QUESTI APPUNTI SONO MIEI E NON GLI HO COPIATI DA NESSUN SITO O TESTO. CONTATTAMI X QUALUNQUE ALTRO DUBBIO xD vota come la migliore pls
-----------
METAFISICA:
-----------
Per aristotele ci sono 3 gruppi di scienze:
1 teoretiche che sono la metafisica la fisica e la matematica che studiano il necessario ovvero una cosa deve essere così e basta e non può essere diversamente.
2 pratiche che sono l'etica e la politica che insieme alle scienza poietiche ovvero le arti belle e le tecniche studiano il possibile ovvero una cosa può essere diversa da così com'è.

Per indicare tale disciplina aristotele usava il termine di filosofia prima, la parola metafisica deriva da metà ta physikà ovvero dopo gli scritti di fisica e fu data da andronico di rodi nel I secolo.

La metafisica studia:
1) le cause e i principi primi
2) l'essere in quanto essere---> sul quale aristotele si soffermerà maggiormente xk diversamente dalle altre scienze che studiano solo una parte della realtà quest'utlima studia la struttura stessa delle cose. quindi sta alla base di tutto.
3) la sostanza
4) dio e la sostanza immobile

Se la metafisica studia l'essere, che cos'è questo essere?
x platone l'essere è possibilità
x aristotele si manifesta in molti modi e si trova in ogni cosa e in ogni luogo qui sulla terra.


--------
LOGICA:
--------
L'oggetto della logica è la forma comune di tutte le scienze, cioè il procedimento dimostrativo di cui si avvalgono. aristotele non usava il termine logica ma analitica questo termine fu dato da alessandro di afrodisia.
aristotele elabora la logica parallelamente alla metafisica. <--> = rapporto
forme del pensiero ( logica ) <----> forme della realtà ( metafisica )
su cui si fonda non solo il realismo gnoseologico ma anche la precedenza ideale della metafisica rispetto alla logica.

ciao lisat :hi :hi ( vota come la migliore)
Dandelion
Dandelion - Erectus - 57 Punti
Rispondi Cita Salva
Allora,posso risponderti solo sulla logica:
la logica per Aristotele è basata sul sillogismo:un tipo di ragionamento dimostrativo che si compone di due premesse che rapportandosi tra loro formano la concluisione.
Le premesse sono le cosidette proposizioni di Aristotele,esse sono di quattro tipi:universale affermativa,universale negativa,particolare negativa,particolare affermativa. Le prime hanno come soggetto l'intero insieme di un genere (ad esempio: tutti gli animali),le seconde solo una parte di questo genere (ad esempio:alcuni animali).
Ora,tornando al sillogismo e facendo un esempio pratico:
abbiamo le due premesse:
-Tutti i greci sono uomini
-Aristotele è un greco
-Aristotele è un uomo

Poi puoi sbizzarriri facendo esempi..se ne possono fare a centinaia,e magari se te ne inventi uno tu penso anche che il professore apprezzerà di più perchè capisce che hai compreso la lezione e non hai solo imparato a memoria..
ary2193
ary2193 - Erectus - 60 Punti
Rispondi Cita Salva
allora...la METAFISICA
x Aristotele le scienze si dividono in 3gruppi:
-SCIENZE TEORETICHE, che hanno come oggetto di indagine ciò ke nn può essere diverso da com è
-SCIENZE PRATICHE,che devono guidare l'azione dell'uomo e sono precisamente 2:l'ETICA se si occupa di un'azione individuale, la POLITICA se si occupa di un'azone collettiva
-SCIENZE POIETICHE, che sono le arti e le tecniche e riguardano il fare dell'uomo.
le SCIENZE PRATICHE e quelle POIETICHE hanno come oggetto di indagine il possibile, cioè ciò che può essere diverso da com è.
Aristotele chiama qst scienza FILOSOFIA PRIMA e mai METAFISICA,infatti qst termine fu introdotto x la prima volta da ANDRONICO DI RODI.
Aristotele da ben 4definizioni sulla "METAFISICA":
1) scienza che studia i principi primi
2) scienza che studia l'essere in quanto essere
3) scienza che studia la sostanza
4) scienza di dio
Tra queste 4 Aristotele privilegia la 2°, cioè l'idea della metafisica come scienza che studia l'essere. L'essere infatti secondo lui si manifesta in varie forme. Le principale sono 4:
1)ESSERE come VERO
2)ESSERE come CATEGORIA
3)ESSERE come ACCIDENTE
4)ESSERE come ATTO e POTENZA
Per CATEGORIE Aristotele intende le caratteristiche fondamentali dell'essere. X lui le categorie sono 10: SOSTANZA, RELAZIONE, QUANTITA', QUALITA', L'AGIRE, IL SUBIRE, IL DOVE, IL QUANDO, LO STATO e L'ESSERE.
La piu importante tra queste è la SOSTANZA xk è il supporto x tutte le altre categorie. Infatti quando noi parliamo di qualità o quantità, queste si riferiscono smp a qualcosa, che è appunto la sostanza.
X SOSTANZA Aristotele intende l'INDIVIDUO CONCRETO, cioè l'unione della FORMA e della MATERIA, unione ke viene chiamata SINOLO. Nel SINOLO la FORMA rappresenta la struttura interna, la funzione dell cosa, ed è quindi l'elemento attivo e immutabile, mentre invece la MATERIA rappresenta il materiale con cui una cosa è formata ed è quindi l'elmento passivo e mutabile.
La teoria della sostanza è strettamente collegata alla TEORIA DELLE 4CAUSE. Per comprendere la sostanza bisogna infatti chiedersi il xk, bisogna indagare sulle cause della sua esistenza.
Aristotele individua 4 tipi di cause:
1) CAUSA MATERIALE, che riguarda il materiale con cui una cosa è fatta
2) CAUSA FORMALE, che costituisce l'essenza di una cosa
3) CAUSA EFFICIENTE, che produce la cosa
4) CAUSA FINALE, cioè lo scopo x cui una cosa esiste
Alla dottrina delle 4cause è collegata quella del DIVENIRE. Come sappiamo Parmenide aveva negato l'esistenza del divenire, ma in realtà secondo Aristotele, Parmenide aveva semplicemente fatto un errore di valutazione considerando il divenire come un passaggio dall'ESSERE al NULLA e dal NULLA all'ESSERE,senza rendersi conto che invece esso implica 1passaggio da 1determinata forma di essere ad un'altra forma di essre. Xciò x Aristotele il DIVENIRE è innegabile.
Per meglio spiegare qst suaconvinzione, Aristotele utilizza i concetti di ATTO e POTENZA. La POTENZA è la possibilità di 1 qualcosa di realizzarsi e di diventare ATTO. L'ATTO è la potenza realizzata.
Il rapporto tra atto e potenza si basa xo su continue ripetizioni, è un rapporto cioè infinito. X interrompere questo ciclo infinito bisogna xciò individuare 1 ATTO e 1 POTENZA PURA. X Aristotele la POTENZA PURA è la MATERIA PRIMA, l'ATTO PURO invece coincide con dio.
X Aristotele l'esistenza di dio si dimostra attraverso il concetto del movimento. A quel tempo il movimento era determinato dalla trasmissione dello stesso da 1 corpo ad un altro.Anke in qst caso quindi si tratterebbe di 1 processo infinito, xciò è necessario individuare un origine, cioè un corpo fermo che da origine al movimento.
Questo corpo viene identificato con dio. Ma come può un movimento originarsi da un corpo fermo? X Aristotele Dio agisce sul mondo nn come causa efficiente, ma come causa finale, cioè esercita sulla materia una sorta di attrazione. In realtà non è dio che muove il mondo, ma il mondo che si muove verso dio.


è un po lunga xo spero che ti faccia capire qualcosa!!! ciao ciao
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email