ponga.la.stronga
ponga.la.stronga - Sapiens Sapiens - 850 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao raga... avrei da kiedervi 1 piccolo aiutino.. devo scrivere 1 massimo d 20 righe su platone e tt ql k ha fatto... potete aiutarmi???? non so da dv cominciare!!
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
ma sul pensiero o anche sui dialoghi, nel senso vuoi un appunto generale sul pensiero di Platone o qualcosa che comprenda anche le sue opere?

...cmq intanto ti incollo un mio riassunto su Platone:
Platone:

discepolo di Socrate è molto attaccato l suo maestro la sua filosofia è sintomo di due momenti storici molto importanti:
1) La morte di Socrate: Platone prova disgusto per questo evento, ovvero per la condanna di un uomo giusto.
2) La situazione politica della polis: Platone matura l’idea che il Re = filosofo da cui nasce l’esigenza di fondare l’Accademia per formare i futuri governatori.
Dopo l’accusa di inconcludenza rivolta a Socrate, Platone decide di collocare il bene Socratico, in un posto metafisico (poiché nel mondo empirico il Bene non si realizza mai totalmente), l’Iperuranio o Mondo delle Idee. Al Mondo delle Idee partecipano tutti gli uomini prima di nascere.

Come fa Platone a postulare l’esistenza di un altro mondo? Parte dall’idea che la scienza ha come oggetto elementi universali, tuttavia sulla terra non possiamo trovare elementi universali, ma solo cose imperfette, poiché la scienza non può studiare cose imperfette, dovrà studiare la cose nella loro perfezione: l’idea delle cose. Tali idee non possono stare in un mondo mutabile ed imperfetto, bensì in uno immutabile e perfetto.

Parricidio: Platone si ri fa a Parmenide, ma ne supera la dottrina. Platone non parla di mondo dell’Unità, ma di mondo delle idee al quale il mondo Empirico che ne è copia imperfetta può partecipare.

Il Mondo delle Idee: nel Mondo delle Idee, le Idee, sono poste in maniera piramidale dalla più elementare alla più sublime:
1) alla base ci sono le idee elementari
2) poi le idee matematiche
3) poi le idee valori
4) infine vi è l’idea di Bene che riordina gerarchicamente tutte le altre: se il Bene sovrasta tutto vuol dire che è bene che tutto sia così

Il Mondo Empirico: è una copia imperfetta e mutevole del Mondo delle Idee, e il bene qui si identifica nella ricerca del bene, ogni cosa qui è una copia imperfetta del mondo ideale. L’uomo è partecipe del mondo ideale perché prima di nascere la sua anima conosce le idee nell’Iperuranio, solo chi è riuscito a vedere fino all’idea di bene potrà diventare Re, e colui che conosce l’idea di bene è il filosofo da qui nasce la dottrina platonica del re = filosofo o del filosofo = re.
Queste icone indirizzano ai siti di social bookmarking dove i lettori possono condividere e scoprire nuove pagine web.
ponga.la.stronga
ponga.la.stronga - Sapiens Sapiens - 850 Punti
Rispondi Cita Salva
credo di dover seguire qst:
malata è, dunque, la verità; ma malate sono anche la città (in preda a conflitti non mediabili) e l'anima (ormai vittima di un conformismo irrazionale). solo tenendo presente questo quadro, si può cmprendere il senso del progetto filosofico di Platone. per rispondere alla sfida dei sofisti, ai quali egli addebita in larga misura le cause della crisi appena descritta, occorre essere in grado di approntare una grandiosa terapia filosofica che guarisca verità città e anima.

IN PRATICA (mi ha appena detto tutto una mia amica) dire cs ha fatto platone x superare i sofisti e come ha ristabilito l'anima delle persone e quindi dopo questo è riuscito a riformare la città
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Per i sofisti la realtà è relativa, Platone supera questa visione sostenendo l'anima può conoscere la verità (l'anima vede le idee prima di nascere), la verità va ricercata con la reminiscenza!
ponga.la.stronga
ponga.la.stronga - Sapiens Sapiens - 850 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie 1000 m salvi la vita... direi k adexo vado.. se riesco torno dmn o stase
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Allora per quanto concerne i sofisti Platone supera la visione che la realtà sia un qualcosa di relativo, sostenendo che l'anima può conoscere la verità (l'anima vede le idee prima di nascere), la verità va ricercata con la reminiscenza! La verità esiste ed è un qualcosa di immutabile ed egli la colloca in un mondo fisico che è quello delle idee. Anche nel Simposio Platone per bocca di Socrate, va contro il sofismo che nn cerca vera sapienza. L'anima dell'uomo a seconda delle idee che vede diventa e da questo nella repubblica dipende l'ordine statale. Ad esempio solo chi ha viso l'idea di bene potrà essere Re e da qui l'idea del filosofo RE. A seconda delle idee che gli uomini hanno visto quindi occupano una classe sociale che non è più in Plaotone determinata dalla nascita, ma dall'anima del singolo...Per questo i bambini devono crescere lontani dalle famiglie ed essere educati dallo stato per vedere di che anima dispongono: esistono le anime d'oro = I futuri regnanti coloro che hanno visto l'idea di bene; quelle d'argento = coloro che diventeranno i guardiani dello stato; quelle di ferro = come ad esempio gli artigiani. Per farti comprendere meglio la cosa per Platone un figlio di artigiani può diventare re e un figlio di re se non dispone dell'anima aurea può diventare artigiano! In questo modo lo Stato Rispecchia la perfezione del mondo ideale e questo per Platone è garanzia di buon funzionamento...(Il Dialogo in cui si trattano questi problemi di stato ed anima è la Repubblica).

poi alla u composizione incolla questo a proposito delle idee:

Il Mondo delle Idee: nel Mondo delle Idee, le Idee, sono poste in maniera piramidale dalla più elementare alla più sublime:
1) alla base ci sono le idee elementari
2) poi le idee matematiche
3) poi le idee valori
4) infine vi è l’idea di Bene che riordina gerarchicamente tutte le altre: se il Bene sovrasta tutto vuol dire che è bene che tutto sia così

Il Mondo Empirico: è una copia imperfetta e mutevole del Mondo delle Idee, e il bene qui si identifica nella ricerca del bene, ogni cosa qui è una copia imperfetta del mondo ideale. L’uomo è partecipe del mondo ideale perché prima di nascere la sua anima conosce le idee nell’Iperuranio, solo chi è riuscito a vedere fino all’idea di bene potrà diventare Re, e colui che conosce l’idea di bene è il filosofo da qui nasce la dottrina platonica del re = filosofo o del filosofo = re.

Questo è il mito della Biga Alata a cui ho fatto riferimento:
http://www.skuola.net/filosofia-antica/platone-biga-alata.html

E qui trovi il riassunto della Repubblica per vedere l'idea di stato:
http://www.filosofico.net/repub.html
ponga.la.stronga
ponga.la.stronga - Sapiens Sapiens - 850 Punti
Rispondi Cita Salva
ok grazie ancora... non so proprio cm avrei fatto... :O_o:p:thx
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
prego!!!! e di che son qui apposta...alla prox
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
closed
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email