Sissi_ste
Sissi_ste - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Salve sono una ragazza di tredici anni e insieme a mio fratello maggiore (25 anni) sono in cerca di consigli sull'orientamento scolastico.
Devo scegliere la scuola superiore a cui iscrivermi e ho un pò di dubbi.
Io vado bene a scuola in tutte le materie, mi piace in particolarmente italiano ma ho paura di farmi influenzare dal fatto che il mio professore d'italiano mi sta molto simpatico. Comunque, a parte arte mi piacciono un pò tutte le materie. Inoltre non sono sicura se vorrò/potrò proseguire gli studi con l'università ma voglio lasciare questa strada aperta.
La mia prima scelta è stata il liceo classico! L'ho scartata in quanto, appunto, non sò se farò l'università, e, mi è stato detto, che se faccio il classico senza università, avrò difficoltà a trovare lavoro. Inoltre mi piacciono anche altre materie e il liceo classico sembra essere una scelta troppo specializzata. Insomma scegliendo il classico scelgo 10 anni di materie umanistiche, scelta che faccio a 13 anni senza neanche sapere se potrò permettermi l'università dato il momento particolare della storia italiana. Capite la nostra perplessità?
Allora ho pensato al liceo scientifico, ma ho ancora paura di non trovare lavoro nel caso in cui non facessi l'università.
I miei fratelli maggiori (25 e 28 anni), entrambi ingegneri, mi stanno consigliando. Loro mi sostengono in parte nella scelta del liceo scientifico dicendomi che comunque se non vorrò proseguire gli studi, troverò ugualmente un posto di lavoro. Infatti, secondo loro un diploma (+ o -) vale l'altro, dato il gran numero di laureati in circolazione. Dicono che, sebbene sia vero che il liceo è meno orientato al mondo del lavoro, tale differenza, al giorno d'oggi, non è poi così elevata.
Loro pensano che le scuole superiori rimangano su livelli di studio molto generali e che per quanto riguarda i miei gusti, visto che non ho particolari difficoltà e preferenze, ancora una volta non c'è gran differenza tra una scuola e un'altra.
Però, al tempo stesso mi dicono che il liceo scientifico non ha nel programma di studio molto materie che non conosco ma che potrebbero piacermi come diritto, economia, ecc. . In più loro insistono su fatto che le lingue sono di primaria importanza rispetto al resto e quindi loro mi hanno consigliato l'istituto tecnico per periti aziendali e corrispondenti in lingue estere. Loro mi dicono che qui ho la possibilità di imparare bene le lingue, di conoscere molti campi diversi, e quindi di scegliere più facilmente una qualsiasi università (anche università umanistiche se ancora mi piacerà italiano) o, se non ho voglia di continuare, di trovare più facilmente lavoro. Quindi qualsiasi scelta faccio per quanto riguarda l'università, sono facilitata facendo questa scuola.
A me, però, al momento piacerebbe comunque studiare italiano (e anche latino visto che seguo un corso pomeridiano facoltativo presso la mia scuola) e proseguire gli studi all'università, ma non conoscendo poi così molto queste materie, ho paura di sbagliare.
Vorremmo avere più conferme su questi ragionamenti, Voi che ne pensate?
Grazie mille.

Questa risposta è stata cambiata da paraskeuazo (13-11-09 19:44, 7 anni 24 giorni )
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti rispondo per sequenze, visto che hai toccato vari punti:

La mia prima scelta è stata il liceo classico! L'ho scartata in quanto, appunto, non sò se farò l'università, e, mi è stato detto, che se faccio il classico senza università, avrò difficoltà a trovare lavoro

Troverai difficoltà a trovare lavoro in ogni caso se fai qualsiasi liceo senza un'adeguata specializzazione universtaria e se pur troverai qualcosa, non avrà nulla a che vedere con quello che hai fatto a scuola. Il classico come lo scientifico hanno il compito di darti una conoscenza generale tale da permetterti di scegliere quasi qualsiasi facoltà, il primo ovviamente incentrando la preparazione più sulle materie umanistiche, il secondo su quelle scientifiche.

Inoltre mi piacciono anche altre materie e il liceo classico sembra essere una scelta troppo specializzata

No affatto. Il classico è l'antitesi della "specializzazione" come già detto su. Le scuole superiori che danno una specializzazione sono gli istituti tecinici e professionali!!

Loro mi sostengono in parte nella scelta del liceo scientifico dicendomi che comunque se non vorrò proseguire gli studi, troverò ugualmente un posto di lavoro. Infatti, secondo loro un diploma (+ o -) vale l'altro, dato il gran numero di laureati in circolazione

Uscito da un liceo scientifico dubito fortemente che qualcuno vorrà assumerti in un laboratorio di analisi chimiche o per ricerche in campo di fisica. Ripeto, senza l'università, se ti va bene trovi lavoro come cameriera, commessa, o qualsiasi impiego per il quale basta un diploma di scuola superiore e il resto si può apprendere con un praticantato (sempre se hai fortuna)

Loro pensano che le scuole superiori rimangano su livelli di studio molto generali e che per quanto riguarda i miei gusti, visto che non ho particolari difficoltà e preferenze, ancora una volta non c'è gran differenza tra una scuola e un'altra [quote]

Ogni scuola superiore punta su qualcosa in particolare, e solo il classico e lo sientifico si mantengono più sul "generico", ma ricordo ancora una volta gli istutiti tecnici e professionali, quelli ti danno in mano un diploma col quale già in teoria potresti lavorare! (in teoria). Secondo me devi tenere in gran conto i tuoi gusti, le differenza tra una scuola e l'altra ci sono eccome!

[quote]A me, però, al momento piacerebbe comunque studiare italiano (e anche latino visto che seguo un corso pomeridiano facoltativo presso la mia scuola) e proseguire gli studi all'università, ma non conoscendo poi così molto queste materie, ho paura di sbagliare

Da quello che dici, potresti tranquillamente orientarti per un liceo, specie se nn hai una vera e propria passione per una professione o un campo tecnico specifico.

Conta che al classico si fanno le stesse materie dello scientifico, solo con meno ore di scienze, mate e fisica e più ore di latino (specie al biennio) aggiungendo l'unica materia di cui tutti gli altri istituti italiani sono sprovvisti, che è il greco. Il linguistico inutile dirlo punta sulle lingue (se ne studiano tre) e ha pur'esso il latino. Lo psico-socio-pedaogico, è caraterizzato, oltre che dalle solite materie, anche dalla psicologia e dalla pedagogia (ovviamente). Non entro più nei dettagli perchè non ho approfondite conoscenza.

Sta a te vedere come senti di cavartela in matematica, come ti paiono le materie scientifiche, se senti di preferire lo studio più critico o quello più teorico, se credi davvero di non proseguire l'università, se punti già ad una determinata professione...
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Gloongo

Gloongo Geek 3658 Punti

VIP
Registrati via email