licestudente
licestudente - Ominide - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao! Sono nuovo del forum quindi scusatemi se ho sbagliato sezione... Cercherò di essere breve:Io sono al 4º anno di un liceo scientifico statale e mi sono sentito obbligato a chiedere informazioni su una cattiveria che è iniziata già l'anno scorso in 3º. A causa delle varie assenze di massa (4 durante la quale sono comunque entrati 8-9 su 20) il professore ha deciso di 1. Interrogare nel giorno di spiegazione se il giorno prima ci sono più di 4 assenti (e su questo punto penso non ci siano soluzioni dato che un docente può interrogare quando vuole); 2. Abbassare il voto ogni 5 assenze (5= -0.5; 6: -1; 7: -1.5 e così via...), anche le assenze giustificate con il certificato medico verranno segnate (questo vuol dire che un influenza di una settimana ti farà scalare il voto di 1.5). Ora questa "riforma" è già stata attuata su qualcuno, fra i diritti degli studenti c'è scritto che ogni alunno ha diritto a 50 assenze o meglio un certo numero di ore quindi la domanda è questa: Sul piano legale questa "riforma" può essere attuata? E soprattutto in un periodo come questo, pieno di manifestazioni, vi sembra una cosa giusta? Attendo risposte... Grazie!!!

Aggiunto 17 minuti più tardi:

P.s. questo professore ce l'abbiamo 5 giorno su 6 :(((
ioelei
ioelei - VIP - 1917 Punti
Rispondi Cita Salva
Non è una cosa giusta..penso che debba evitare di assentarti proprio quando ce lui..perche visto che lo conosci e sai com è meglio evitate..non è una cosa giusta ma loro essendro dietro alla cattedra sono da risettare quindi ti consiglio di parlarne con preside in modo da fargli capore cosa succede e capire cosa ne pensa ..
Spero di esserti stata d'aiuto ;)
HectorFranz
HectorFranz - Erectus - 85 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao licestudente,

ti premetto che la mia risposta sarà fondata su quanto stabilisce la legge in generale, senza quindi avere la possibilità di consultare quello che è il regolamento interno del tuo istituto (in quanto non so qual' è).
Inoltre, voglio far presente che non sono il responsabile di questa sezione e che darò la mia opinione in quanto studente di giurisprudenza; sicuramente il responsabile potrà darti una risposta più esauriente della mia.

Detto questo ... ecco quanto ho trovato.

La legge ha disposto uno "Statuto degli Studenti e delle Studentesse" (se può interessare: DPR 24 giugno 1998, n. 249 - modificato da DPR 21 novembre 2007, n. 235).
Al caso che hai proposto si possono dare due tipi di lettura:

LETTURA 1 :

"Il professore sta attuando questo piano liberamente , in quanto può fare quello che vuole".

In questo caso va contro Art. 2 comma 4 (che elenca i diritti di studenti e studentesse), che stabilisce quanto segue:

<<... Lo studente ha inoltre diritto a una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca a individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento>>

Abbassare i voti a causa delle assenze (specialmente quelle giustificate attraverso certificato medico) non rispecchia in alcun modo il parametro, previsto dalla legge , su cui basare il sistema di votazione.

LETTURA 2:

"Il professore attua questo piano come sanzione al comportamento "assenteista" della classe.

Premesso che le sanzioni possono essere irrogate solo se previste dal regolamento interno.
A prescindere da ciò, quì vengono lesi due commi dell'art.4 (recante disposizioni sulla "disciplina" degli studenti); questi sono:

Comma 3: <<La responsabilità disciplinare è personale. Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima invitato ad esporre le proprie ragioni. Nessuna infrazione disciplinare connessa al comportamento può influire sulla valutazione del profitto>> ;
Comma 5: <<Le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate alla infrazione disciplinare e ispirate al principio di gradualità nonchè, per quanto possibile, al principio della riparazione del danno. Esse tengono conto della situazione personale dello studente, della gravita' del comportamento e delle conseguenze che da esso derivano. Allo studente e' sempre offerta la possibilità di convertirle in attività in favore della comunità scolastica>> .

N.B. Ti dico che è molto difficile che il professore vi dica che questa sua azione sia una "sanzione disciplinare" (non dovrebbe essere così ottuso), però è sempre meglio considerare l'ipotesi.

Come ho scritto prima, non posso dare una valutazione più profonda a livello legale, in quanto mi manca il regolamento interno della scuola.

Ora ... mettendo da parte le "ragioni legali" ...

Come ha sottolineato "ioelei" ...

<<... loro essendo dietro la cattedra ...>>

Il fatto di essere professore dà molte "armi" a disposizione per poter mettere i bastoni tra le ruote.
Dunque, se volete davvero prendere provvedimenti a riguardo, lo dovete fare in maniera incisiva .
Ciò può essere fatto in vari modi:

1) Trattare all'ordine del giorno di un consiglio di classe il problema, mettendo il tutto a verbale (si potrebbe anche esporre il problema al "Consiglio di istituto", coinvolgendo la scuola tutta);
2) Parlare del problema con il Preside, esponendo le vostre ragioni (non ci sta bisogno di "basi legali" per capire che il comportamento del professore è sbagliato);
3) Far andare i vostri genitori a parlare del problema con il Preside, con gli altri professori o col professore stesso.

Ovviamente sappi che quì vale il principio "ad ogni azione corrisponde una reazione" , dunque aspettatevi che il professore in questione potrebbe "dare fastidio".

Insomma ... valuta insieme ai tuoi compagni di classe come risolvere il problema.

Spero davvero di essere stato d'aiuto. Detesto queste angherie!
licestudente
licestudente - Ominide - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie per l'ottima risposta!! Tanto per essere sicuri, in allegato c'è il regolamento del mio istituto: Regolamento
HectorFranz
HectorFranz - Erectus - 85 Punti
Rispondi Cita Salva
Voglio concentrare l'attenzione su questo preciso punto del regolamento del tuo istituto.

Da pagina 12 in poi vengono elencate quelle che sono considerate azioni passibili di sanzione disciplinare; in particolare:

<<assenze collettive : ammonizione scritta sul registro di classe. Convocazione dei genitori. Voto in condotta 7 (sette). Organi competenti: docente coordinatore (per la convocazione dei genitori), Dirigente Scolastico e Consiglio di Classe>>.

Questo deve essere anche confrontato con ciò che è scritto all'inizio, cioè:

<<La responsabilità disciplinare è personale, le sanzioni sono sempre temporanee, proporzionate all’infrazione e ispirate al principio di gradualità, nonché, ove possibile, al principio della riparazione del danno. >>

Da questo si può capire che:

1) Il "sistema" adottato dal professore non rientra nel modo di sanzionare un caso di assenza collettiva;
2) la sanzione deve essere "proporzionata" al fatto (e non credo che si possa configurare l'ipotesi di 7 in condotta ... almeno in base a quello che è stato scritto da te);
3) qualsiasi sanzione venga applicata, questa non può essere permanente;
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email