• Chimica
  • ESPERIMENTO FACILE MENDEL

SARASTEKKA96
SARASTEKKA96 - Ominide - 23 Punti
Rispondi Cita Salva
HEI RAGA MI SERVE UNA MANO... POTETE DIRMI UN' ESPERIMENTO FACILE SULLA 1 LAGGE DI MENDEL??? è X DOMANIIIII!!!!!!!!! AIUTATEMI VI PREGOOOOO!!!!!!! GRZ <3
zubiavick
zubiavick - Erectus - 52 Punti
Rispondi Cita Salva
tutte le cellule hanno il suo proprio dna.. il dna contiene il m,ateriale genetico che si trasmete di generazione in generazione...
l'informazione genetica viene trascritta e tradotta dal rna..
Negli organismi in cui esiste un solo corredo cromosomico la trasmissione ereditaria avviene in modo uniforme (salvo rare mutazioni provocate da uno "sbaglio" nella duplicazione del dna durante l'interfase).
Negli organismi diploidi muniti di un doppio corredo cromosomico, coabitano invece due serie di informazioni genetiche più o meno diverse che si integrano e riassortiscono in modo diverso ogni volta che intervengono i processi di sessualità, evento che per gli animali e le piante si ripete a ogni generazione o a ogni ciclo riproduttivo.

Le conseguenze di questa integrazione e di questo riassortimento sono state comprese per la prima volta da Gregorio Mendel il quale, a seguito di una brillante sperimentazione, ha enunciato (nel 1866) alcune regole che sono risultate molto feconde per lo sviluppo della scienza dell'eredità e chiave per risolvere questioni fondamentali della biologia.

Il principio della dominanza
Mendel nell'impiantare la sua ricerca usò un accorgimento assai utile in tutte le discipline scientifiche sperimentali: prese in considerazione una variabile per volta, cioè, nel caso specifico, una variante morfologica per volta.

Scelse infatti con cura due ceppi di piante che differivano per una sola coppia di caratteri alternativi e che si riproducevano mantenendo costante quel loro carattere, e provvide a incrociarle mediante fecondazione artificiale. Incrociò piante di pisello a fusto lungo con piante di pisello a fusto nano ottenendo sempre nella prima generazione piante 'ibride' a fusto lungo. Ripeté l'esperimento con altri ceppi che differivano, rispettivamente, per la coppia di caratteri 'seme giallo' e 'seme verde', e per la coppia di carattere 'seme liscio' e 'seme grinzoso': di nuovo ottenne una prima generazione uniforme per uno dei caratteri saggiati: rispettivamente 'seme giallo' e 'seme liscio'.

Questi e altri risultati, che del resto confermavamo risultati simili ottenuti in precedenza da orticultori e allevatori, lo indussero a formulare il 'principio della dominanza' che così suona:

Se si incrociano individui di'linea pura' che differiscono per una coppia di caratteri alternativi si ottiene una prima generazione uniforme di organismi che presentano tutti uno soltanto dei due caratteri. Questo carattere venne poi designato dominante mentre quello che spariva venne designato come recessivo.



La prima legge, o della segregazione dei caratteri
Proseguendo nella sua ricerca, Mendel incrociò tra loro le piante ibride di prima generazione che presentavano il solo carattere dominante. Da esse ottenne tanto individui col carattere dominante quanto individui col carattere recessivo. Applicando in modo felice l'esame statistico, l'autore accertò che il numero dei primi stava al numero dei secondo come 3:1.

Questo risultato portò all'enunciazione della 'legge della segregazione': incrociando individui ibridi di prima generazione si vede ricomparire in un quarto degli individui di seconda generazione il carattere scomparso negli ibridi di prima generazione (cioè il carattere recessivo).
Fecondazione artificiale





Caratteri studiati da Mendel





Dominanza





Segregazione



La seconda legge, o dell'indipendenza dei caratteri
Un ulteriore sforzo di Mendel fu quello di incrociare due ceppi di piselli di 'linea pura' che differivano non per una, ma per due coppie di caratteri. Ad esempio: piante che producevano semi gialli e lisci con piante che producevano semi verdi e grinzosi. Nella prima generazione ottenne tutte piante che producevano semi gialli e lisci (cioè con i due caratteri dominanti). Attraverso l'incrocio di questi 'diibridi' Mendel ottenne:

piante con i due caratteri dominanti;

piante con un carattere dominante e uno recessivo (semi verdi e lisci);

piante con l'altro carattere dominante e l'altro recessivo (semi gialli e grinzosi);

piante con entrambi i caratteri recessivi: la proporzione tra queste quattro categorie era eguale a 9.3.3.1.


Ottenendo da questa e altre prove simili sempre risultati costanti sotto il profilo statistico l'autore ricavò la 'legge dell'indipendenza' che si può così enunciare: Quando si incrociano individui che differiscono per due coppie di caratteri, ciascuna coppia si comporta in modo indipendente dall'altra. Questa legge può essere formulata anche con: il comportamento ereditario di un carattere che si presenta in due forme alternative può venire studiato prescindendo dal comportamento degli altri caratteri. Tale legge consente grande semplicità di impostazione delle analisi genetiche.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
Amore e sessualità, quello che non sai sulla tua sicurezza

Lascia un messaggio ai conduttori Vai alla pagina TV

In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

valevarc

valevarc Tutor 4 Punti

VIP
Registrati via email