• Chimica
  • dubbi per quanto riguarda chimica..domani interrogazione

-selena-
-selena- - Genius - 4987 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao..allora avrei alcuni dubbi da chiedervi..
1)come si legge la tavola periodica? come funziona insomma??
2)perchè gli elementi del gruppo IIA che hanno un'elevata affinità elettronica. quando gli viene fonita energia diventano 2 cariche positive+ 2 elettroni?? tipo
Ca + energia---->
[math]Ca^2+ +2e^-[/math]
perchè due cariche positive, cioè perchè 2 elettroni non neutralizzati?
3)cosa sono gli elementi di transizione??
4)il raggio atomico?
5) e i simboli di Lewis?? cosa si mettono?
grazie 10000
x favore
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao per prima cosa devo dirti che da oggi ogni volta che intendi aprire un thread non devi andare sulla voce discussione ma domanda altrimenti ti verrà chiuso e non avrai nessuna risposta...per quanto riguarda il tuo aiuto in chimica,ora un pò alla volta vedo di risponderti...

Aggiunto 12 minuti più tardi:

1)la tavola periodica è formata da elementi che sono disposti lungo 7 righe orizzontali chamati "periodi" e questi sono divisi in 8 colonne verticali "gruppi", poi ci sono gli elementi di transizione .gli elementi sono circa 110.Per quanto riguarda i gruppi, i più interessanti sono i primi due a sinistra e gli ultimi sei a destra, perchè, nel loro insieme, presentano un pò tutta la gamma dei diversi comportamenti degli elementi chimici. Per tale regione sono detti gruppi di tipo "A", o gruppi degli elementi rappresentativi. Tali gruppi, oltre che alla "A", sono contraddistinti da un numero romano: gruppo IA, IIA, IIA fino all VIIIA. Gli altri dieci gruppi si rifanno, sotto certi aspetti, a qualcuno dei precedenti.

2)II A, gruppo dei metalli alcalino – terrosi, contengono i metalli più reattivi.

3)Questi metalli sono anche chiamati elementi del blocco d, perché la loro comparsa nella tavola periodica coincide con il riempimento degli orbitali d.Essi comprendono il metallo più comune utilizzato nelle costruzioni e nelle manifatture (ferro), metalli pregiati per la loro bellezza (oro, argento, platino), metalli utilizzati nelle monete (nichel, rame) e metalli utilizzati nelle moderne tecnologie (titanio, molibdeno, niobio). In questo gruppo ci sono inoltre gli elementi più densi (osmio, d=22,57 g/cm3; iridio, d=22,62 g/m3) e quelli con il più alto e il più basso punto di fusione (tungsteno, p.f. 3422°C; mercurio, p.f.-38,8°C). C’è anche un elemento radioattivo, il tecnezio .Qui c’è anche il metallo più costoso, il rodio, il cui prezzo industriale si aggira attualmente sui 150 euro al grammo.La reattività dei metalli di transizione va da quella ferro, del manganese, dello zinco, che è elevata quando il metallo viene ridotto in polvere, ad una quasi totale inerzia, come quella del renio, dell’osmio, dell’iridio.

4)Molte delle proprietà periodiche degli elementi possono essere messe in re­lazione con le dimensioni degli atomi. Esse sono collegate alla disposizione degli elettroni che, a loro volta, risentono dell'attrazione del nucleo. Pur non potendo nel modello quanto-meccanico determinare il limite netto di un atomo, si ritiene che la disposizione del complesso degli elettroni attorno al nucleo sia tale da formare approssimativamente una sfera e pertanto il modo più conveniente per esprimere le dimensioni atomiche è considerarne il raggio.
Uno dei metodi utilizzati per determinare il raggio atomico consiste nel misurare la semidistanza tra i nuclei degli atomi di un elemento quando sono raggruppati in fase solida o quando formano una molecola. Pertanto con raggio atomico si intende la metà della distanza minima tra due atomi dello stesso elemento.
Per poter spiegare le dimensioni dei raggi atomici degli elementi che si incontrano scendendo lungo un gruppo, si deve tener conto dei seguenti fattori:
- gli elettroni vanno a collocarsi in orbitali a numero quantico principale sempre più alto, quindi più lontani dal nucleo
- gli elettroni dei livelli più interni schermano sempre più la carica elettrica del nucleo che pertanto attrae sempre meno gli elettroni.
Pertanto: il raggio atomico in un gruppo aumenta procedendo verso il basso.
Procedendo invece all'interno di un periodo si deve considerare che:
- gli elettroni aumentano di numero ma rimangono sempre nello stesso livello di energia e quindi si collocano tutti alla stessa distanza dal nucleo
- il maggior numero di protoni non viene efficacemente schermato dagli elettroni già presenti messi tutti alla stessa distanza.
Il risultato è che in un periodo procedendo da sinistra a destra, il raggio atomico diminuisce.
Il raggio atomico viene solitamente espresso in Angstrom (Å). 1Å= 10-10 metri. L'Angstrom non appartiene al SI.

5)Il chimico G.N. Lewis - esaminando la struttura elettronica degli elementi che costituivano i composti - rilevò che spesso gli elementi hanno nell'ultimo strato (strato di valenza) otto elettroni (come i gas nobili con numero atomico vicino), e formulò l'ipotesi che gli elementi formano legami (condividendo, cedendo, acquistando elettroni) proprio in modo da raggiungere questo stato con otto elettroni di valenza.
I simboli di Lewis sono un modo semplice ed efficace per rappresentare gli elettroni di un elemento che sono più importanti nella formazione dei legami: gli elettroni di valenza.
I simboli di Lewis sono costituiti dal simbolo dell'elemento, circondato da tanti punti quanti sono gli elettroni di valenza (occorre segnare un punto per lato prima di metterne due nello stesso lato).

ti serve altro o va bene così???

Aggiunto 48 secondi più tardi:

comunque prego...
-selena-
-selena- - Genius - 4987 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie sei stata molto chiara!! solo il punto 2 non ho capito, o forse non mi sono spiegata io con la domanda ...
nel mio libro di testo c'è scritto che gli alcalino-terrosi tendono a perdere ambedue gli elettroni esterni in modo da assumere la configurazione del gas nobile che lo precede, trasformandosi in ione con due cariche positive( due protoni rimangono non neutralizzati). E c'è l'esempio
[math]Ca^2+[/math]
[math]+2e^-[/math]
ed è proprio questo ultimo punto che non capisco..perchè due cariche positive?? grazie ancora e scusa per il disturbo XD
cichinella
cichinella - Genius - 5407 Punti
Rispondi Cita Salva
2+ è la carica del calcio...ovviamente per assomigliare al gas nobile deve perdere queste due cariche positive e quindi se ne aggiungono 2 negative per bilanciare...
Gli atomi dei metalli alcalino-terrosi hanno due elettroni di valenza, che tendono a perdere con relativa facilità, formando i corrispondenti ioni bivalenti positivi (n.o. = +2). Sono quindi molto reattivi (la reattività aumenta all'aumentare del numero atomico) e perciò non esistono liberi in natura, ma sempre sotto forma di composti (per la maggior parte costituiti da silicati, solfati e carbonati).
-selena-
-selena- - Genius - 4987 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email