fox89
fox89 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tt sn nuovo di questo forum e avrei bisogno della scheda dell libro per una interrogazione di domani. il libro e "la chiave a stella" di Primo levi ciao a tt e buona giornata
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao ti linko quello che ho torvato:
[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:7u1f2mQTtL8J:www.brynmawr.edu/italian/npatruno/courses/holoc/chiaveprefaz.htm+chiave+a+stella+primo+levi&hl=it&ct=clnk&cd=1&gl=it]clicca[/url]
[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:Q0-EfLGvu0QJ:www.interruzioni.com/primo_levi.htm+chiave+a+stella+primo+levi+scheda+libro&hl=it&ct=clnk&cd=6&gl=it]clicca[/url]
[url=http://209.85.135.104/search?q=cache:ld3BsdjkBLIJ:www.minerva.unito.it/storia/Levi/LeviIndice.htm+chiave+a+stella+primo+levi+scheda+libro&hl=it&ct=clnk&cd=10&gl=it]clicca[/url]


Quando la raccolta usci l'autore dichiarò: «Questa è un po' la mia opera prima: quando ho scritto gli altri libri, avevo un'altra professione, facevo il chimico. Ma da un anno e mezzo scrivo soltanto. La chiave a stella è il mio primo lavoro professionale».

Protagonista di gran parte dei quattordici racconti è Tino Faussone, un montatore specializzato nella costruzione di gru, ponteggi e tra licci, che racconta all'autore le avventure capitategli nel corso delle varie missioni di lavoro. Senza scendere in particolari che renderebbero identificabile il luogo nel quale di volta in volta gli episodi sono avvenuti, Faussone offre, nella concretezza dei suoi ricordi, «un bel fatto. Lei poi, se proprio lo vuole raccontare, ci lavora sopra, lo rettifica, lo smeriglia, toglie le bavature, gli dà un po' di bombé e tira fuori una storia; e di storie, ben che sono più giovane di lei, me ne sono capitate diverse». Il suo raccontare è piuttosto monotono, espresso con «vocabolario ridotto» e «luoghi comuni che forse gli sembrano arguti e nuovi»; e necessita pertanto di essere "messo in forma" dallo scrittore, che mantiene nei racconti la semplicità e la vivacità del registro colloquiale, con continui richiami all'origine orale del dettato («Allora, le stavo dicendo che ero laggiù...») e mantenendo la peculiarità del lessico specificamente professionale: «via verso il largo, tirandoci dietro il derrick coricato sui due pontoni come quando si porta una vacca al mercato per la cavezza».
Nel primo racconto, «Meditato con malizia», gli operai che lavorano al montaggio di una gru da molo, dopo aver protestato invano contro il padrone, si risolvono infine a «fargli la fisica», a operare cioè un malefizio che lo spaventi e lo faccia tornare sulle sue decisioni. Dopo la «fattura» il padrone, invece, cade ammalato e muore, cosicché alla famiglia sembra ovvio denunziare gli operai per «assassinio meditato con malizia» e aprire un processo che si annuncia lunghissimo. In Clausura Faussone racconta di quando era stato chiamato per montare il traliccio di sostegno alle colonne di un impianto chimico: «mi piaceva lo stesso di vederlo crescere, giorno per giorno, e mi sembrava di veder crescere un bambino, voglio dire un bambino ancora da nascere. Si capisce che come bambino era un po' strano perché pesava sulle sessanta tonnellate solo la carpenteria, ma cresceva non così basta che sia, come cresce la gramigna». Faussone assume la direzione dei lavori («fin dal primo giorno è venuto come di natura che comandassi io, perché ero quello che aveva più mestiere: che fra noi è la sola cosa che conti, i gradi sulla manica noi non ce li abbiamo»), cosicché quando - a lavori ultimati - insorge un grave problema nell'impianto, viene immediatamente consultato. Una delle colonne, rappresentata come un organismo vivente, è «malata»: «aveva come un attacco ogni cinque minuti come una gran bestia che gli mancasse il fiato; la colonna cominciava a vibrare». Individuato il problema («quel progettista, ben che era in gamba, aveva fatto una topica marca leone, pare che in una colonna come quella gli anelli non ci andassero»), Faussone supera le proprie resistenze e si introduce nella colonna per rimuovere i detriti degli anelli che la ostruiscono. In quel luogo soffocante e sospeso a vari metri di altezza, Faussone ha una terribile esperienza di claustrofobia: «mi tornavano in mente tante cose che avevo dimenticate da un pezzo, quella sorella di mia nonna che si era fatta monaca di clausura, "chi passa questa porta - non vien più fuori né viva né morta"». Facendo appello a tutte le proprie risorse, Faussone porta a termine l'impresa di disostruire la colonna, fermamente risoluto in cuor suo a non accettare mai più di lavorare in spazi angusti. Altra avventura memorabile narrata da Faussone è quella della costruzione di un ponte sospeso in India (Il ponte): «io ho sempre pensato che i ponti è il più bel lavoro che sia: perché si è sicuri che non ne viene male a nessuno, anzi del bene, perché sui ponti passano le strade e senza le strade saremmo ancora come i selvaggi; insomma perché sono come l'incontrano delle frontiere e le frontiere è dove nascono le guerre». Quando i lavori sono quasi conclusi, il ponte - investito da un forte vento - comincia a ondeggiare vistosamente e in pochi istanti crolla su se stesso, tra la costernazione generale. Nel corso del racconto, il disastro era stato del resto quasi preannunciato da una serie di segni premonitori: il pericolo corso dal protagonista durante il viaggio aereo che lo porta in India, la morte di due operai durante le operazioni di dragaggio del fiume, la piena rovinosa del fiume che aveva divelto l'argine per decine di metri e, infine, l'immagine del rituale in uso presso i parsi che fanno a pezzi i defunti.
Il protagonista di Acciughe I e Acciughe II è il narratore stesso che racconta di come, finita la guerra e lasciato il campo di concentramento, avesse trovato impiego come chimico in un'azienda torinese: «II mio mestiere vero è il mestiere del chimico. Non so se lei ne ha un'idea chiara, ma assomiglia un poco al suo: solo che noi montiamo e smontiamo delle costruzioni molto piccole». La storia raccontata a Faussone gli era capitata in Unione Sovietica, dove era stato chiamato a risolvere il problema di una vernice che l'autore stesso aveva attentamente collaudato a Torino e sempre con esito positivo. Quella stessa vernice, acquistata dai sovietici per rivestire l'interno di scatole di acciughe, quando viene sottoposta a verifiche sul posto mostra inspiegabilmente grumi e striature che ne eliminano l'impermeabilità. Occorrerà un secondo viaggio e un'osservazione attenta delle condizioni in cui vengono effettuate le prove per individuare l'origine dell'inconveniente: nella vernice si infiltrano le fibre degli stracci utilizzati per le pulizie all'interno del laboratorio. Viste riconosciute le sue ragioni, il narratore affronta con soddisfazione il viaggio di ritorno.
È lo stesso Levi a tracciare le corrispondenze tra il mestiere di chimico e quello di scrivere:
«L'abitudine a penetrare la materia, a volerne sapere la composizione e la struttura, a prevederne le proprietà ed il comportamento, conduce ad un insight, ad un abito mentale di concretezza e di concisione, al desiderio costante di non fermarsi alla superficie delle cose».

Nei racconti emerge nitidamente e positivamente la figura di Faussone come quella di un uomo semplice, concreto e pieno di entusiasmo, fiero della propria professionalità, in grado di coordinare il proprio lavoro con quello degli altri e di assumersi ogni responsabilità nell'affrontare compiti difficili e pericolosi.
La raccolta vinse il premio Strega nel 1979. (Tratto da qui)

spero ti aiuti benvenuto nel sito! :lol
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email