lau90
lau90 - Genius - 3444 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao ragazzi...mi serve un favorino!! x l'estate mi hanno dato da leggere parekki libri...tra i quali due nn li riesco proprio a leggere....sono:
"vita di galileo" di bertol bretch
"darwin viaggio di un naturalista intorno al mondo"
mi servirebbe qlcs tipo riassunto, scheda xsonaggi cmq qlcs di utile...specialmente sul secondo...xk il primo l'ho letto a metà :lol
attendo numerose risposte
grz mille
ps. poi se vi serve qlcs e ce l'ho sarà felice di aiutarvi :hi
mitraglietta
mitraglietta - Mito - 62599 Punti
Rispondi Cita Salva
Scheda di Lettura
Titolo: “Vita di Galileo”
Autore: Bertold Brecht


Cenni biografici dell’autore: Bertold Brecht, drammaturgo, scrittore e poeta tedesco, è nato nel 1898 ad Augusta (Germania) e morto nel 1956 a Berlino. Soggiornò a lungo a Monaco di Baviera e a Berlino, dove ebbe contatti con i gruppi intellettuali più all’avanguardia del periodo e allo stesso tempo compose alcune opere teatrali che lo resero subito celebre: L’opera da tre soldi e Santa Giovanna dei Macelli. Nel 1933, con l’avvento del nazismo, abbandona la Germania, perché essendo contrario al nazismo, fu costretto a vivere per molti anni in esilio lontano dal suo paese nativo. Così soggiorna in vari paesi europei e anche in America, componendo in esilio alcune delle sue opere più valide: Madre Coraggio e i suoi figli, L’anima buona di Suzaen, Il cerchio di gesso del Caucaso e Vita di Galilei. Nel 1947 si trasferì a Berlino Est, dove fondò il “Berliner Ensemble”, un complesso teatrale che diresse come regista fino alla morte e che fu il più importante e interessante nel teatro europeo.

Argomento
Dramma pubblicato in tre edizioni. La vita dello scienziato, raccontata da Brecht, parte quando Galileo ha già preso conoscenza delle idee copernicane, considerandole giuste. Il dramma è costituito da scene staccate, cioè non segue in continuazione la vita di Galileo, ma ne racconta gli avvenimenti più significativi ed esemplari, con spostamenti temporali. Galileo, ormai cinquantenne e più, vive a Padova dove insegna matematica nell’Università della città; a causa del poco stipendio che riceve e delle sue idee che a Padova verrebbero poco conosciute, decide di trasferirsi a Firenze, alla corte di Cosimo De’ Medici, dove crede avrà più attenzioni, senza ascoltare gli avvertimenti dell’amico Sagredo: lo scienziato sarebbe andato incontro all’Inquisizione se le sue idee si fossero divulgate, perché eretiche, contro l’ideologia teologica del periodo. A Firenze, a causa della peste, il Granduca parte per Bologna e chiede a Galileo di seguirlo, ma partono solo la figlia Virginia e Andrea, figlio della governante, che riuscirà a ritornare a Firenze scappando durante il viaggio; nemmeno la peste riesce a staccare Galileo dalle sue ricerche e la governante, la Signora Sarti, resta affianco al suo padrone. Nel 1611 il Collegio Romano, la più importante istituzione scientifica della Chiesa e supremo istituto pontificio di ricerche scientifiche, approva le scoperte di Galileo (la scoperta delle fasi di Venere e delle Luna e quella dei quattro satelliti di Giove). L’esame non fu richiesto dal Granduca Cosimo II, ma dal Cardinale Barberini, amico e sostenitore di Galileo, che diventerà presto Papa. Qualche anno più tardi, lo stesso collegio condanna sul Index Librorum Proibitorum le idee copernicane. Ancora più tardi il Cardinale Barberini condannerà Galileo portandolo davanti all’Inquisizione, a causa dell’opera Dialogo sopra i massimi sistemi; lo scienziato sarà costretto ad abiurare per salvarsi la vita, avendo avuto paura degli strumenti di tortura mostratigli, in quanto aveva terrore del dolore fisico. Ma non proibisce la sua rimanente vita alla scienza. Infatti otto anni dopo l’abiura, durante una visita di Andrea nella villa di Arretri dove era isolato, racconta all’ormai uomo il perché aveva abiurato e gli consegna i Discorsi intorno a due nuove scienze con la speranza che oltre il confine italiano le sue idee potessero “rinascere”, riprendere a essere divulgate.

Personaggi (principali) e i loro tratti psicologici caratteristici
• Galileo Galilei: uomo pieno di vitalità, attaccato alle comodità della vita, che non rinuncia ai piaceri sensuali e alle passioni del buon vivere, tra cui anche la ricerca scientifica. Non è il solito scienziato che per orgoglio si chiude nel proprio mondo intellettuale. Galileo ha la passione di diffondere con piacere le nuove idee e la necessità per la loro divulgazione a tutte le classi sociali, infatti scrisse i suoi trattati in volgare, in modo tale che il pubblico nuovo e vasto, che non si concentrasse solo alle università: Galileo fu un grande scrittore, come dimostrano i suoi scritti scientifici. Si rifiuta di capire le preoccupazioni della Signora Sarti, cioè un possibile conflitto fra Galileo e la Chiesa, perché racchiuso nella sua sfera di scienziato, che non si mette problemi delle conseguenze sociali che possono causare le sue scoperte, se rese pubbliche. Lo scienziato, spirito non certo senza interessi, lotta per gli interessi della scienza e anche propri. Verso la fine del dramma Galileo diventerà codardo perché non ha fermato le sue ricerche la peste, ma per salvarsi la vita ha abiurato.
• Andrea: figlio della governante di Galileo, grazie agli insegnamenti dati da Galileo, scopre la sua passione per la scienza, diventando presto scienziato. Quando fa a botte con Cosimo De’ Medici, lo fa perché crede che anche il giovane sovrano come tanti altri ammirati visitatori non capisce niente di scienza e avesse voluto osservare il telescopio come se fosse semplicemente un pezzo raro da museo.
• Signora Sarti: governante di Galileo e madre di Andrea, simbolizza la saggezza popolare, cioè solo realtà e senso pratico; una donna preoccupata per il conflitto che può accadere tra Galileo (la scienza) e la Chiesa, anche se Galileo non vuole sentire questi avvertimenti.
• Virginia: figlia di Galileo. Anche se la sua semplicità, diversa da quella della Signora Sarti, si affianca a volte alla sua poca intelligenza, la fanciulla aiuterà con grande amore e sosterrà il padre nei momenti difficili.
• Cardinale Barberini: Maffeo Barberini, figlio di ricchi fiorentini, educato dai Gesuiti, divenne papa sotto il nome di Urbano VIII. Fu amico e moderato sostenitore di Galileo; uomo con molte conoscenze scientifiche, sosteneva che uno scienziato non doveva considerare che Dio avesse creato l’universo secondo come la pensava questo, ma secondo come la Chiesa aveva imposto il dogma secondo le supposizioni tolemaiche, perché, in ogni caso, lo scienziato non sarebbe mai stato capace a dimostrare come questo sia accaduto e nemmeno le supposizioni copernicane, anche se Galileo tenterà di raggiungere proprio questo obiettivo. Uomo molto ambizioso, che diventerà presto Papa con il grande progetto di restaurare la politica della Chiesa.

Dinamiche relazionali
Galileo è il centro di tutti gli avvenimenti e i rapporti tra Scienza e Chiesa, vuole infatti diffondere le sue idee, per questo si batte per la loro divulgazione, senza rendersi conto delle gravi conseguenze a cui va incontro, e ha il grande desiderio di rendere partecipi ad ogni sua scoperta i suoi allievi ed ammiratori, come fa con Andrea: il ragazzo, anche se non appartiene a un’alta classe sociale, come invece sono i tanti allievi di Galileo, mostra così tanto interesse per la scienza che diventerà infatti uno scienziato. In Galileo, per la sua grande passione scientifica, cresce ogni giorno che passa il suo entusiasmo, ma tanto più aumentano le preoccupazioni di chi lo circonda, come l’amico tanto fidato Sagredo. Galileo chiede protezione al Granduca Cosimo II, lo fa perché sa che l’organizzazione economica e militare dello Stato moderno aveva bisogno di un appoggio da parte della tecnica scientifica, per questo motivo si rivolge a un Principe. Lo scienziato pone fiducia su chi gli volgerà le spalle, condannandolo davanti all’Inquisizione, e lo considerava amico: il Cardinale Barberini, e non fa tesoro dei consigli che gli danno le persone del popolo o i suoi veri amici, proprio questi anche se sembra abbiano un ruolo in secondo piano, per i loro suggerimenti e le loro esortazioni passano ad avere un ruolo a volte ben più importante di quello del protagonista stesso.

Considerazioni personali sulla lettura e sul libro
Ritengo che questo bellissimo testo sia utile per capire a fondo quella che era la concezione predominante nel 1600. Questo periodo storico, infatti, era un'epoca caratterizzata da tante innovazione, da tanti cambiamento e si fondava interamente sui dogmi della Bibbia, imposti dalla Chiesa e sui principi di alcuni filosofi dell'antichità come Aristotele. L'idea che un ristretto gruppo di individui la pensasse diversamente, suscitava grande scalpore a tal punto che questi venivano condannati a morte o peggio ancora torturati dalla stessa aurità ecclesiale, l’Inquisizione, che in Italia aveva sede a Roma. La scienza non riusciva ad emergere, a trovare la sua strada poiché ostacolata da dottrine sacre ed inviolabili. Infatti, mi chiedo perché il povero Galileo, ora così importante poiché considerato padre della scienza moderna, sia vissuto in un periodo in cui la Chiesa fosse così chiusa e dritta verso un sola direzione che si basava solamente sulle dottrine tolemaiche, ma anche perché lo scienziato si sia così arreso davanti alle sue ricerche e alle sue scoperte con l’abiura e invece, quando si è presentata la peste, non si è fermato con i suoi studi. L’importante è che questo libro mi sia piaciuto, perché coinvolgente e affascinante.

-------------------------------------------------------------------------------------

Questo intanto è il primo riassunto che ho trovato....proverò entro stasera di postarti l'altro libro altrimenti potrà pensarci qualk'altro....ok??
lau90
lau90 - Genius - 3444 Punti
Rispondi Cita Salva
grz mille..:smurf
era proprio ql ke mi serviva!!!!!!
mitraglietta
mitraglietta - Mito - 62599 Punti
Rispondi Cita Salva
spero come ti ho già detto di trovare anche l'altro libro-riassunto altrimenti lo posterà qualcun altro....
rapper
rapper - Genius - 19267 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco a te il contenuto del libro "Viaggio di un naturalista intorno al mondo":

Contenuto:
Questo 'classico' della letteratura scientifico appassiono anche chi, di scienza, non ne vuol sapere. E' il 'taccuino di viaggio' di un giovane avventuroso, ricco di immaginazione e di capacità di osservare, che s'imbarca su un brigantino come 'scienziato di bordo' e circunnaviga la Terra. Su una barchetta che oggi non prenderemmo neanche per andare in Sardegna, Charles Robert Darwin raggiunge terre sconosciute e mari lontanissimi, incontra popoli bizzarre, a volte ostili, più spesso amichevoli e accoglienti. E intorno a lui vive una natura esuberante, potente, travolgente, che ancora oggi è meta di vacanze indimenticabili. Questa 'correllata' attraverso mondi esotici, questo viaggio al Sole dei tropici, fra i ghiacci antartici, in mezzo alle scogliere limpide del Pacifico, dura quasi cinque anni. In un'epoca in cui le esplorazioni e le scoperte di nuove terre, di nuovi popoli, di nuovi animali e piante erano incoraggiate dalle politiche di espansione coloniale e finalizzate al tornaconto europeo, Darwin osserva il mondo, la natura, i loro equilibri. Per quasi cinque anni vive su quella barchetta, soffrendo il mal di mare, annotando le stupefacenti scoperte di fossili enormi, di testuggini di dimensioni esagerate, di piante sconosciute. E nel suo 'taccuino' ritroviamo le sconfinate foreste del Brasile, le selvagge Pampas argentine, le rocce gelate della Terra del Fuoco e gli scogli delle Falkland, ritroviamo il suo timore di fronte ai terremoti cileni, agli eventi vulcanici, agli indigeni ostili, casi come la suo meraviglia di fronte ai vulcani e i picchi delle Ande, al mondo unico e selvaggio delle Galapagos, ai deserti australiani e alle scintillanti barriere coralline. Dimenticate le polveri di carbone che la rivoluzione industriale deposito sulla sua lontano Europa, si immerge nella natura, e la osserva, la descrive, prendendo noto di ogni curiosità, di ogni aspetto particolare. Uomini e donne, piante e animali sono un tutt'uno con la natura, e usando gli occhi e la mente, Darwin capisce che si può arrivare a comprendere ciò che ci lega tutti. Tornato a cosa, passerà la suo vita in compagna, circondato da una numerosa famiglia, come un normale 'professore'. Ma il sole dei tropici gli resterà nel cuore, e il viaggio fatto in gioventù verrà rivissuto mille volte nella memoria. Su ciò che ha visto e descritto, Darwin lavorerà tutto la vita, giungendo a quel disegno teorico dell'evoluzione delle specie e dell'uomo che avrebbe scosso come un terremoto l'ambiente scientifico di fine secolo, rivoluzionando e dando impulso alla scienza del XIX secolo. Ma di tutto ciò, in questo libro, c'è solo qualche segnale: qualche domanda a cui Darwin cerca di dare una risposta, quesiti che si pone, e per risolvere i quali dovrà pensare a lungo, nella quieta penombra della suo villetta inglese. A noi resta questo tuffo nel passato, in un tempo in cui ci voleva coraggio a solcare gli oceani sui velieri, e la Terra si offriva incontaminata e misteriosa all'occhio di un viaggiatore veramente speciale.

Spero che ti sia di grande aiuto!!! Ciao :hi
mitraglietta
mitraglietta - Mito - 62599 Punti
Rispondi Cita Salva
bravo...rapp 6 un grande!!!! mitra&rapp save again another user in difficult to avere un riassunto di un libroo.....
rapper
rapper - Genius - 19267 Punti
Rispondi Cita Salva
mitraglietta : bravo...rapp 6 un grande!!!! mitra&rapp save again another user in difficult to avere un riassunto di un libroo.....

:D:D:D:D :hi
lau90
lau90 - Genius - 3444 Punti
Rispondi Cita Salva
regà siete dei grandi:thx
lo so ke vi sembrerò opportunista...ma ho visto la vstr grande disponibilità....nn è k x caso (e solo x caso :lol ) avete qlcs sulla congiura di catilina di sallustio???
mettetevi nei miei panni ke devo legge ste cose!!!
hihihi!!!
thanks
:p
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco qui ls Congiura di Catilina di sallustio:
http://it.wikipedia.org/wiki/De_Catilinae_coniuratione
lau90
lau90 - Genius - 3444 Punti
Rispondi Cita Salva
CIAO francy grazie mille...skusa me ne approfitto e nn c'entra nnt cn qst..ma ho visto ke sei laureata in filosofia...se ti kiedessi una mano su arisotele...me la potresti dare?? pleaseee...:yes
Francy1982
Francy1982 - Mito - 119085 Punti
Rispondi Cita Salva
certo che puoi, lau ti pregherei solo di postarla non qui ma nella sezione di storia e filosofia del forum!!! :lol ciau
lau90
lau90 - Genius - 3444 Punti
Rispondi Cita Salva
ok grz..lo faccio sbt....sei la mia salvezza :D
pukketta
pukketta - Mito - 72506 Punti
Rispondi Cita Salva
ok, chiudo!
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

anny=)

anny=) Moderatore 30557 Punti

VIP
Registrati via email