gellina19
gellina19 - Ominide - 38 Punti
Salva
ki mi fa il riassunto del libro "io nn ho paura"???
di noccolò ammaniti
ProspettivA_
ProspettivA_ - Erectus - 64 Punti
Salva
Siamo nell'estate del 1978 ad Acqua Traverse, una piccola frazione sperduta nella campagna, in cui i grandi restano dentro casa per il caldo e i bambini giocano nei campi di grano. Michele Amitrano, un ragazzino di nove anni che per caso, nei pressi di una casa abbandonata, viene a conoscenza di un buco nel terreno nascosto da una lastra di plastica e un materasso, in cui sembra vivere qualcuno. Michele non dice della sua scoperta ai compagni e ritorna a casa molto turbato.

A casa trova il padre, un camionista che ha deciso di prendersi un periodo di pausa per rimanere un po' di tempo con la moglie e i suoi due figli, Michele e Maria. Michele comincia a chiudersi in se stesso, e quasi ogni giorno ritorna alla casa abbandonata, e scopre che nel buco nel terreno si trova nascosto un bambino, Filippo, con il quale a poco a poco instaura un rapporto di amicizia. Filippo sembra dare segni di squilibrio: crede che lui e tutta la sua famiglia siano morti, e che Michele sia il suo angelo custode.

Un giorno a casa di Michele arriva il romano Sergio, un amico del padre. Quella stessa notte scopre che i suoi genitori insieme a Sergio ed ad altri adulti hanno rapito il bambino per estorcere denaro alla famiglia: lo intuisce guardando un messaggio ai rapitori fatto alla televisione dalla madre. Michele non riesce a tener nascosto il suo segreto, e si confida con il suo migliore amico, Salvatore. Quest'ultimo, in cambio di una lezione di guida, racconta tutto a Felice, un ragazzo più grande e molto violento che il giorno stesso trova Michele insieme a Filippo nel nascondiglio interrato. Convinto che Michele avesse intenzione di liberare Filippo, lo picchia e lo riporta a casa dalla madre. Riportato il ragazzino dalla madre, Felice tenta allora di usare violenza anche su di lei, ma viene fermato dal padre appena rientrato a casa.

Michele è sconvolto: gli è stato ordinato di non andare mai più a trovare Filippo, ma non riesce a far altro che pensare a lui. Un pomeriggio, insieme agli amici, torna alla casa abbandonata e grazie a Salvatore viene a conoscenza del fatto che Filippo è stato spostato in un altro nascondiglio. Quella notte, spinto dall'orribile notizia che i grandi hanno deciso di ucciderlo, decide di andare a liberarlo.

In piena notte Michele si mette alla ricerca di Filippo; proprio quando pensa di rinunciare lo trova, in un luogo scosceso fra le rocce, ma troppo debole per potersi muovere. Michele lo incoraggia, con una corda riesce a tirarlo fuori, e lo convince a scappare, mentre lui, ferito, rimane intrappolato nel nascondiglio. Arriva così il padre di Michele, incaricato dagli altri adulti di andare ad uccidere Filippo. Non riconosce il figlio e gli spara alla gamba. Poco tempo dopo arriva un elicottero e da esso escono dei poliziotti con dei cani, giunti fino a lì alla ricerca di Filippo, a cui il signor Amitrano chiede aiuto per suo figlio, che ora abbraccia, mentre il ragazzo confuso cerca di dire al padre che deve fuggire perché altrimenti verrà arrestato.
Roxyna
Roxyna - Habilis - 171 Punti
Salva
Siamo nel 1978 , è estate, fa un caldo torrido Un gruppo di ragazzi si ritrova, come ogni giorno, a scorrazzare su e giù per una collina. Il calore entra nelle pietre, la terra si sbriciola, il respiro è faticoso ed è difficile sopportare la calura tanto che gli adulti nel pomeriggio rimangono rintanati in casa, uscendo solo nelle ore serali quando la temperatura diminuisce. Michele Amitrano, il protagonista, durante il gioco per difendere una ragazza del gruppo, togliendola da un grosso imbarazzo (doveva abbassare le mutande) si propone per eseguire la penitenza.: arrivare al piano superiore di una casa diroccata e disabitata senza utilizzare né le scale, né i gradini ridotti a un ammasso di pietre. Dopo notevoli difficoltà, riesce a salire aggrappandosi a dei rami di fico; arrivato al davanzale della casa deve buttarsi per proseguire e uscire dalla stessa, ma cade a terra in malo modo. Il ragazzo ha per pochi attimi paura, ma riesce poi a muoversi, si guarda intorno e percepisce di essere caduto su una tettoia trasparente ricoperta da un materasso, al di sotto intravede un buco profondo. Con grande stupore tra sporcizia e rifiuti di ogni genere,nota delle sembianze umane: si tratta di un bambino raggomitolato su se stesso. Forse dorme, forse è morto… ma mentre riflette viene chiamato dagli amici e con loro ritorna a casa. Davanti alla casa, Michele trova il “lupetto Fiat” usato dal padre per lavorare al Nord, con gioia accoglie il genitore che mostra un regalo: una gondola veneziana con i remi, da lasciare come soprammobile sopra la televisione. Nella notte, Michele ripensa con angoscia al ragazzo imprigionato nel buco e ritorna sul luogo per verificare quello che il giorno prima aveva visto. E’ tutto vero il bambino è li, incatenato e chiede con insistenza dell’acqua. Inizia così un rapporto di aiuto amicizia , anche se Michele rimane stupito e a volte impressionato dai discorsi del ragazzo. Cerca di confidarsi con il padre, ma capisce che c’è qualcosa di oscuro, di misterioso di ingiusto e che la sua famiglia è complice di un grave fatto: il rapimento di Filippo Carducci. Intanto il padre riferisce che arriverà un suo amico che per un certo periodo abiterà con loro, con grande scontento di Michele, che per una leggerezza infantile confida al cugino di aver trovato un bambino racchiuso in una buca circondato da sporcizia e desolazione, racconta anche del proposito crudele del padre e dell’amico di tagliare le orecchie al rapito. Ritornato sul luogo del sequestro, cerca di confortare il bambino e lo porta all’aperto riuscendo anche a farlo camminare: sono diventati amici. Ma improvvisamente compare Felice (un complice dei sequestratori) che lo minaccia con un fucile e strattonandolo lo costringe ad allontanarsi. Riferirà tutto al padre, il quale gli chiede una promessa: non deve più vedere il bambino, altrimenti verrà ucciso. Michele pur con difficoltà e ripensamenti cerca di mantenere la promessa, finché capisce che è arrivato un momento decisivo e grave, sente infatti delle minacce di morte per il bambino rapito e senza il minimo dubbio corre a liberare il recluso.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Ithaca

Ithaca Blogger 9184 Punti

VIP
Registrati via email